Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 248 p., Brossura
  • EAN: 9788804538837
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Zeno

    13/07/2009 20.47.15

    Un bel giallo, dove la parte migliore non è il giallo. Per scoprire che dal ventennio non siamo mai usciti veramente.

  • User Icon

    Corradi Romano

    03/07/2009 11.42.47

    Romanzo giallo splendidamente ambientato in un breve ma doloroso momento della storia romana. Ben scritto (un solo errore di stampa) e appassionante con tanti personaggi reali ed inventati di alcuni dei quali viene felicemente descritta l'intima personalità buona e cattiva. Alcuni inventati prendono le sembianze di altre persone esistite (es. Zanna con alloggio a Porta San Sebastiano) come pure molti luoghi non corrispondono alla realtà; in sostanza riferimenti a persone e luoghi apparentemente verosimili. Qualche contraddizione ( uso del "Lei" anzichè del "Voi"), epilogo malinconico, lettera finale (Doris 20 Febbraio) molto commovente e sincera nota d'autore. Complimenti ad Augias per la sua essenzialità.

  • User Icon

    Giancarlo

    21/01/2009 12.41.25

    Ambientato nella settimana fra il primo serio bombardamento di Roma e la caduta del Fascismo. Sempre ottima la ricostruzione storica, Augias accompagna Flaminio Prati, già presentato ne Il fazzoletto azzurro, nell'indagine per un omicidio. Interessante vedere, ed è credibile, come un omicidio, pur grave delitto, tenda a scolorire di fronte ai tragici eventi di quei giorni ed alla confusione derivante dal vuoto di potere creatosi. Giancarlo

  • User Icon

    DoctorWho

    25/11/2006 03.27.42

    Per la prima volta hi visualizzato quest'epoca a colori. Bravo Augias.

  • User Icon

    Antonella Ballesio

    06/11/2006 12.09.17

    Ho scoperto che Corrado Augias è uno scrittore fantastico!!! Lo conoscevo come giornalista e mi piaceva, trovavo in lui quella sottile ironia che è propria delle persone intelligenti (ce ne sono poche) e ricche nell'animo. Questo libro evidenzia in lui una forte capacità di mostrare fatti storici di un'asprezza infinita (il bombardamento di S.Lorenzo con tutte le sue conseguenze) e i conflitti amorosi un pò languidi, un pò nostalgici e tanto veri ! Flaminio Prati, commissario di quartiere, nel corso degli eventi si trova a dover modificare i valori così ben radicati in lui prima di vedere uno Stato allo sbando dove le malefatte sono ovunque soprattutto nelle stanze del potere. E' un uomo per bene, dai sentimenti puliti (ricorda un pò secondo me lo scrittore) che porta avanti la sua indagine interrogando con tatto e cortesia i vari personaggi che ruotano intorno alla vicenda. Mi sento di consigliarlo a tutti, peccato solo che lo si legge in pochissimo tempo (2-3 giorni): è molto avvincente ! Antonella B.

  • User Icon

    Solidea

    17/10/2005 16.00.01

    Non mi capitava di emozionarmi così da tantissimo tempo!!!!!!! E'come se avessi vissuto accanto ai personaggi, camminato con loro per le vie di una Roma che ho avuto l'impressione di sentire, odorare, ammirare. Ho sussultato, sofferto, sorriso, mi sono stupita per le due mezze giornate che gli ho dedicato. E le ultime cinquanta pagine sono una sorpresa che toglie il respiro ma lascia anche un amarezza infinita. Infinita come il piacere di leggere (così raramente) un libro scritto con misura, un linguaggio lieve, educato, aggraziato. Lo consiglio a tutti. A chi ama i romanzi storici, i libri gialli o le storie d'amore. Ma anche a chi ama l'onestà, la rettitudine e la giustizia giusta. Perchè di uomini come Prati ce ne sono davvero pochi al mondo. Un ringraziamento davvero sentito al signor Augias. Grazie

  • User Icon

    Serena

    31/01/2005 10.39.55

    Il libro è bello e scritto molto bene ma ciò che si apprezza di più leggendolo non è la storia bensì l'ambientazione. Augias riesce a rendere perfettamente il senso di smarrimento e confusione (e la successiva euforia) dei romani di fronte agli incalzanti episodi della guerra, fino alla caduta del regime. Interessante.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione