Quelle stanze piene di vento

Francesca Di Martino

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 17 febbraio 2009
Pagine: 190 p., Brossura
  • EAN: 9788806193416
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,37
Descrizione
Una donna disillusa e smarrita torna nella sua città, sulle tracce della misteriosa morte di una adolescente. E si imbatte in una verità straziante: la tragedia di due ragazzi di oggi e del loro amore impossibile. Con una voce sommessa e implacabilmente precisa, l'autrice resuscita una Napoli capitale del mondo, amata e tradita, dove nuove e vecchie stirpi vivono combattono e muoiono. Di fronte al vuoto che il futuro le prospetta, Anna decide quasi in trance di tornare a Napoli, per scavare nell'apparente suicidio di due adolescenti innamorati, Alì Tayyib e Teresella Marra. Si immerge nel cuore di una città che la sconvolge per la ricchezza di colori, luci, contraddizioni. Anna si addentra cosi sempre di più nella storia dei ragazzi, amanti malgrado il rancore, l'ostilità e le differenze che separano le loro famiglie. Nella discesa agli inferi di una Napoli dove tutto - nonostante la disperata bellezza - sembra franare e corrompersi, la voce vitale e fresca di Teresella, e la sua impotenza di fronte al destino, diventano per Anna uno specchio in cui ritrovarsi. Nel diario di Teresella c'è forse la chiave per scoprire che alla fine di tutto l'amore è l'unico ponte possibile tra noi e gli altri.

€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca Gasperini

    23/06/2009 12:16:13

    Un "Romeo e Giulietta" nella Napoli contemporanea. Al tema dell'amore, trattato con delicatezza tipicamente femminile, si affiancano argomenti scottanti come la Camorra, il terrorismo islamico e la difficile convivenza interrazziale. Non manca un percorso esistenziale a ritroso vissuto dalla protagonista del romanzo (che non è Giulietta). Stile non banale e a tratti complesso nella prima parte, si alleggerisce nella seconda, consentendo al lettore di farsi avvolgere dal vento impetuoso del titolo. Un bel romanzo, adatto sia ad pubblico adulto sia agli adolescenti che non si accontentano di Twilight.

Scrivi una recensione