Traduttore: S. Vicini
Editore: TEA
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 18 marzo 2010
Pagine: 1032 p., Brossura
  • EAN: 9788850221066
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

€ 7,56

€ 14,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andrea

    12/01/2018 16:21:06

    Uno dei più bei libri che abbia mai letto.nonostante la mole non annoia e ti rapisce dall'inizio alla fine.

  • User Icon

    Paola

    14/09/2017 15:49:26

    Se fosse possibile non darei manco 1 stella. Libro orribile e noioso, non decolla mai e in alcune parti non si capisce dove vuole arrivare. L'ho lasciato perdere per un paio di volte per poi ripensarci e ricominciare da capo, ma per me è proprio un no. Mi dispiace, ma lo sconsiglio.

  • User Icon

    Viaggiatore Del Tempo

    03/04/2017 14:30:26

    Probabilmente il libro più riflessivo che abbia mai letto!Il romanzo è estremamente interessante con una trama ben costruita e abbastanza realistica dove si nota l'impegno dell'autore tra le più di mille pagine che potrebbero risultare pesanti.Ricco di riflessioni e nozioni ben dettagliate questo libro è più di un semplice thriller degli oceani.E' un monito all'umanità che ha perso il rispetto per il mondo che la circonda.

  • User Icon

    Alessandro

    07/02/2017 20:00:24

    Sembra lungo, ma quando si inizia a leggere questo libro difficilmente si riesce a smettere. Stupendo, e lo dice uno a cui piacciono principalmente romanzi di Palahniuk, Welsh, Nives, Bukowsky ecc ecc.

  • User Icon

    lorenzo

    14/08/2016 10:23:16

    Buon libro per l'estate, nonostante la lunghezza l'ho letto senza problemi in sei giorni. La cosa piú bella é l'idea di fondo che l'uomo conosca meno degli abissi marini che non dell'universo, e che una razza 'aliena' possa semplicemente condividere il nostro pianeta. Affascinanti, ancorché un po' pesanti, le divagazioni filosofiche sull'etica ed i valori e sull'intelligenza. Note negative: personaggi un po' piatti e stereotipati, un'eccessivo uso (in realtá tipico della letteratura americana,che non amo particolarmente) della 'fattistica' - numeri, classifiche, descrizioni che non aggiungono nulla alla storia. Inoltre, nonostante i numeri e i fatti descritti con perizia persino eccessiva, la storia non mi é risultata credibile dal punto di vista scientifico. Impossibile che la memoria risieda nel dna e che sia praticamente infinita, impossibile che una divulgatrice scientifica programmi in pochi giorni un'intelligenza artificiale che simuli un organiso superiore, puerile la concezione che uno scienziato moderno abbia conoscenze cosí vaste come descritto nel libro (biologi che hanno conoscenze profonde non solo di tutte le speci animali, ma anche di geologia e fisica e, per non farsi mancare nulla, provetti subaquei ed in grado di imparare a pilotare in pochi minuti gli ultimi ritrovati della tecnologia marina...).

  • User Icon

    Alessandra R.

    16/05/2016 19:49:17

    stupendo! Bellissimo! C'è dentro tutto: la scienza, la filosofia, il thriller, la storia d'amore, l'ecologia..il tutto ben armonizzato. Il più bello dei libri di Schatzing. Consigliatissimo

  • User Icon

    Thinner5

    03/03/2016 00:01:54

    Un ottimo romanzo fanta-thriller; anche se l'antagonista principale (ammesso che sia davvero lui) è inventato, tutto il resto non è finzione e fa riflettere sui vari problemi che creiamo al pianeta, oltre a quelli che potremmo creare in futuro. Alcune scene, mi riferisco in particolar modo a quelle dello Tsunami, sono estremamente realistiche; Schatzing non fa sconti al lettore, facendo morire parecchi personaggi anche piuttosto presto, inclusi quelli che mai si immaginerebbe e che sembravano avere un posto fisso nel libro. Alcune spiegazioni scientifiche sono un pò complicate, ma anche molto interessanti. Le oltre mille pagine possono spaventare, ma le ho trovate decisamente scorrevoli ragion per cui lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Giuly

    31/12/2015 07:53:44

    Cosa succederebbe se la natura decidesse di riprendersi i suoi spazi, quelli che le sono stati usurpati dall'uomo? Un thriller "ecologico" che sembra suggerire una potenziale risposta a quest'interrogativo. Geniale e angosciante, 1032 pagine e non sentirle!

  • User Icon

    MDB

    30/10/2015 20:31:24

    Gli spunti sono buoni,la storia è coinvolgente,la lettura è piacevole... ma il libro non decolla:qualche pagina in meno sarebbe bastata.

  • User Icon

    Fabio

    19/10/2015 17:39:17

    Il miglior romanzo di questo autore,pur essendo romanzo d'esordio,di gran lunga migliore di tutti gli altri che sono seguiti. Ha il difetto di essere troppo lungo,1000 pagine sono davvero tante,anche se va detto che non ci si annoia e la maratona è sicuramente piacevole. trama originale e personaggi vivi e credibili,molto ben caratterizzati. Ideale per chi ama il genere fantastico,intelligente,credibile e senza esagerazioni ridicole. Peccato che dopo l'autore si sia perso con polpettoni lunghissimi e noiosi,che proprio non si leggono. Però il talento c'è,speriamo torni l'ispirazione.

  • User Icon

    RobyPozz

    29/08/2015 01:21:53

    Ricominciato tre volte. Lasciato a metà per sfinimento

  • User Icon

    prova ibs

    29/09/2014 14:42:14

    Inquietante e scritto molto bene, mette il lettore in grado di entrare nel mondo tecnico di scienziati lungimiranti coesi per salvare l'umanità.

  • User Icon

    Mafalda O'hara

    28/07/2014 15:42:46

    Piacevole, diverso, istruttivo, riporta alla memoria nozioni di scienza sicuramente dimenticate, qualche passaggio forse è di troppo. Unica, grande, enorme delusione...... il finale.

  • User Icon

    Cri

    24/07/2014 11:26:07

    "Il quinto giorno" è il primo libro che leggo di Frank Schätzing e devo dire che mi è davvero piaciuto tantissimo. È un libro,materialmente parlando,di un certo spessore cosa che potrebbe far desistere qualcuno dal leggerlo,ma posso dire che,lasciando perdere il numero di pagine,la trama è davvero interessante e molto approfondita. La scrittura risulta davvero coinvolgente e fluida grazie ai numerosi colpi di scena che di certo non mancano e che invogliano il lettore a proseguire nella lettura. Durante la narrazione vi sono alcuni (pochi però) punti in cui il ritmo rallenta,dando spazio alle vicende personali dei vari personaggi,i quali sono così apprezzati ancora di più dal lettore. Il libro tratta argomenti di grande attualità,l'inquinamento e il rapporto tra l'uomo e la natura ,ad esempio,tematiche che lasciano spazio a numerose e importanti riflessioni sul nostro mondo e che sono state affrontate,a mio parere,attraverso un grande lavoro di ricerca e studio.

  • User Icon

    Michela

    10/02/2014 20:50:43

    Che fosse un libro impegnativo lo si poteva già capire dalla grossa mole, che fosse un libro con una storia inusuale ed avvincente lo si poteva già capire leggendo le varie recensioni ma che alla fine fosse una delusione sinceramente non me l'aspettavo proprio! Ok è scritto molto bene - anche se è veramente molto prolisso e- c'è poco da dire - un 300 pagine in meno ci stavano benissimo! ok i personaggi sono interessanti e carismatici e soprattutto la trama è veramente molto innovativa e coinvolgente ma il finale ha rovinato tutto! io non aspiro ad un "e vissero tutti felici e contenti " ma onestamente parlando la parte finale è molto - troppo deludente - 900 pagine di attesa e poi finisce tutto in pochissime righe nelle quali vengono fagocitati una serie di avvenimenti quasi buttati lì a caso, sembra che alla fine l'autore non sapesse più come uscirne.. peccato davvero

  • User Icon

    Francesca

    20/01/2014 12:09:58

    Leggendo le recensioni di tutti coloro che hanno letto prima di me questo libro, speravo di trovarmi di fronte ad un capolavoro della letteratura. Io, invece, avevo rimandato da 2 anni la lettura di questo libro perchè temevo che fosse troppo lungo. E non mi sbagliavo; sono stata costretta (e sinceramente mi è capitato pochissime volte) a sospendere la lettura, perchè non ce l'ho proprio fatta. Troppo, troppo, troppo lungo. Se le stesse cose fossero state raccontate con 300 pagine, inceve di 1000, si poteva anche fare. Ma così non ce l'ho fatta.

  • User Icon

    Brunacciosub

    10/11/2013 12:08:17

    Romanzo originale, parti molto avvincenti intervallate da parti parecchio noiose, a meta' tra romanzo catastrofico e trattato scientifico, nel complesso un buon libro. Una nota negativa: quello che secondo me un autore deve fare in ogni libro e' scrivere in modo da far immedesimare il lettore al punto da proiettarlo in prima persona nella storia, cosa che per quanto mi riguarda qui non riesce a fare, dati i continui riferimenti alla cinematografia dove i personaggi ogni due per tre dicono frasi come "sembra di essere in un film" ecc ecc...si ottiene proprio l'effetto finzione e la storia scade un pochino.

  • User Icon

    lenox

    30/09/2013 17:54:38

    Capolavoro assoluto.Le descrizioni scientifiche e il phatos che pervade per tutto il libro lo rendono immenso.Dico davvero,qui si è di fronte ad un libro che non può annoiare chi,oltre all'azione,vuole anche un po' di sana divulgazione scientifica.Lo sconsiglio vivamente ai lettori che vogliono solo azione!

  • User Icon

    ALE

    30/05/2013 11:48:52

    Da subito avvincente, con vicende apparentemente svincolate che poi si uniscono. Mai scontato, molto ben dettagliato; ti porta a vedere in modo diverso il nostro pianeta. Da non farsi impressionare per le 1000 pagine perchè la scrittura è scorrevole. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Paolo Morandi

    05/03/2013 22:57:42

    Di Schätzing ho letto anche Limit e questo libro l'ho trovato molto più interessante. Innanzitutto il rigore scientifico cui àncora la sua idea, molto originale, è lodevole. Molti lettori lo giudicano troppo lungo e forse hanno ragione, anch'io delle sforbiciate le avrei date, ma, tirando le somme, avrei ridotto le sue 1000 pagine al massimo a 950, quindi, percentualmente, molto poco. Io il libro l'ho divorato e, alla fine, mi ha lasciato quella sensazione di sofferenza dall'essermi staccato da qualcosa che mi ha appassionato e coinvolto.

Vedi tutte le 257 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione