La ragazza dello Sputnik

Haruki Murakami

Traduttore: G. Amitrano
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 216 p., Brossura
  • EAN: 9788806216702

46° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giovanni

    13/06/2017 14:48:55

    Non ricordo se in questo romanzo o in dance dance dance Murakami racconta di un personaggio che non legge storie inventate perchè non attinenti alla realtà. I libri di Murakami hanno il dono di essere reali e credibili ma di essere comunque affascinanti e sensuali allo stesso tempo. L'autore riesce ad essere ritroso e pacato rivelando una sensibilità assoluta, sicuramente espressione di una cultura esotica e interessante ma anche di un talento unico.

  • User Icon

    leon

    26/10/2015 22:59:03

    Per fortuna che esiste Murakami! La piu' bella storia d'amaore "murakamiana".....si fa sempre fatica a commentare i suoi libri! Non viene nulla da dire, ma solo invitare "qualcuno" a leggerlo! Si, perche' Murakami (per fortuna) non e' per tutti.

  • User Icon

    kine

    27/04/2015 20:43:00

    Finale strano, d'altronde con un titolo così, ci sta questo immenso oceano di pensieri finali.... libro moto intenso, personalmente ho trovato una chiave di lettura "importanza di comunicare" che me lo fa piacere moltissimo... voto 4

  • User Icon

    sulass

    18/01/2015 14:12:45

    Tanto mi è piaciuto Norwegian Wood e tanto ho trovato piatto La ragazza dello sputnik. L'idea di base c'era ma mi è sembrato inconcludente, i rapporti tra i protagonisti descritti non mi hanno mai dato un idea di confidenza e di intimità. E poi troppe similitudini con norwegian wood senza mai riuscirci veramente. Mi è mancata la sensibilità di una storia delicata che poteva essere. Comunque Murakami non ti abbandono, ho molta curiosità delle tue opere più oniriche.

  • User Icon

    Simona

    30/11/2014 11:23:34

    Libro meraviglioso, all'altezza delle aspettative. Libro di quelli che lasciano un vuoto da riempire ma che non potrà mai essere colmato, un equilibrio impossibile da riprendere, delle domande che non avranno mai risposta. Libro che in realtà ha il pregio di rendere consapevoli. Autore che amo.

  • User Icon

    Paola CEllario

    01/07/2014 18:26:18

    libro discreto anche se in alcuni punti troppo volgare e noioso, meno bello degli altri dell'autore.

  • User Icon

    Tiziana

    27/02/2014 15:43:23

    Piuttosto cupo e mesto, troppo minuzioso e descrittivo, manca di quel grande respiro che di solito permea le storie di Murakami e che fa volare in mondi immaginifici. Qui tutto sembra ristagnare e persino implodere, fino ad arrivare a un finale che lascia inappagati. Non il meglio di questo scrittore che personalmente adoro.

  • User Icon

    Alessandro

    18/11/2013 19:06:53

    Storia d amore fra Sumire,giovane ragazza,e Myu,una donna più grande di lei,raccontata in modo magistrale e mai banale.Il racconto viene narrato dall amico di Sumire attratto da lei sempre pronto ad aiutarla e a capirla.

  • User Icon

    Gennaro

    01/10/2013 10:42:13

    Una perla. Forse non raggiunge le vette di Norwegian Wood, che peraltro è un capolavoro, a mio avviso, essenziale, ma resta un gran bel libro. esile, di lettura non difficile, ma ricco di emozioni e suggestioni. Da consigliare assolutamente!

  • User Icon

    Gresi

    22/08/2013 17:18:15

    Con le mani quasi sempre ficcate in tasca, i capelli studiatamente in disordine e un paio di occhiali dalla montatura nera di plastica, Sumire vaga con la mente in zone ancora del tutto inesplorate e sconosciute. Perdutamente innamorata di Myu, una donna matura, sposata, molto ricca e bella, Sumire ama Myu come non ha mai amato prima d'ora. A raccontarci la sua storia è un giovane professore senza nome. Un solitario e avido lettore, da sempre innamorato di Sumire, che segue quest'ultima come un' ombra e che confida, un giorno, possa accorgersi di lui. Ricambiare il suo amore e condurre una vita che possa appagarlo, nel miglior modo possibile. Ma come i destini di tutti loro, che s'inseguono ma non si congiungono mai, solo alla fine questo giovane senza nome realizzerà di non poter coronare il suo sogno d'amore. Perché lui e Sumire, come solitari aggregati di metallo nelle vuote tenebre del cosmo, s'incontreranno per caso, ma poi si scambieranno per sempre.Chi avrebbe mai immaginato questo momento? Non il giovane senza nome che, combattuto fra fastidio e frustrazione, sperava, perlomeno, di poter vedere la sua amata Sumire ricambiata dall'avvenente Myu. Non io, che avevo abbracciato questa storia pur essendo consapevole della straordinaria abilità dell'autore di saper realizzare, con raffinatezza e sontuosità, scenari onirici suggestivi e sconcertanti. Dopo l'indimenticabile Kafka sulla spiaggia, con La ragazza dello Sputnik Murakami rivela un talento innato da tenere sott'occhio. Avvolgente, romantico, surreale il romanzo saprà come incantare sin dal primo sguardo. Marchiare come un segno indelebile il cui ricordo, rimarrà per sempre immerso nella mia mente.

  • User Icon

    Michael Moretta

    11/06/2013 15:41:58

    La storia di Sumire e del suo amore per una donna più grande di lei, Myu, magistralmente narrata da Murakami. I classici temi che troviamo in tutti i suoi libri sono presenti anche in questo. I due mondi paralleli, che a volte si incrociano e vengono a contatto attraverso una porta che li mette in comunicazione per un breve momento ( e che sia Myu che Sumire qui utilizzano, così come farà Aomame in 1Q84 ),  il potere della luna, che così tanta importanza avrà nel ibro 1Q84, la profonda riflessione personale che ogni personaggio compie ad un certo punto della propria vita, l'intera storia accompagnata da colonne sonore, in questo caso preferibilmente di musica jazz.  Il narratore è il migliore amico di Sumire, innamorato di lei ma consapevole dell'amore di lei per Myu. La storia inizia a Tokio ma ha il suo cuore in una isola greca al confine con la Turchia. È qui che Myu e Sumire si rifugiano dopo un viaggio di affari in Europa.....ed è qui che Sumire scompare, trovando una di queste porte che la mette in contatto con il mondo parallelo, nel quale anche Myu è presente. Il finale del libro è un po' diverso dai soliti finali di Murakami.  Mi piace molto il paragone tra le persone di tutto il mondo ed i satelliti, come lo Sputnik, che girano nella loro orbita predefinita ed ogni tanto si incrociano, incontrano e poi continuano per la loro strada.  Lo stile di Murakami è inconfondibile ed avvolge come sempre il lettore in una spirale da cui non si esce fino alla fine del libro. Bellissimo.

  • User Icon

    pichetta

    16/01/2013 17:48:22

    Murakami alterna in questo romanzo più tecniche narrative,prima persona,terza persona e monologo interiore con grande efficacia, la storia è semplice ma incantevole come i personaggi che non vorresti mai abbandonare.Splendido epilogo,mi ha lasciato un vuoto dentro. Da leggere.

  • User Icon

    elda

    09/06/2011 11:00:40

    La tecnica narrativa è raffinata, la scrittura lineare e sempre impeccabile, ma la storia non mi ha del tutto convinto. Niente a che vedere con l'imperdibile "Norwegian wood"!

  • User Icon

    La Recherche

    20/01/2009 01:02:37

    Un uomo e una donna, Sumire, si completano perfettamente sul piano spirituale, ma la ragazza non ha attrazione sessuale per lui, che invece vorrebbe avere con lei una relazione normale, che sente, potrebbe essere bellissima. Improvvisamente la ragazza si innamora di una donna più adulta di lei, Myū, che la fa entrare nel suo mondo[...] Poi, di colpo, la ragazza sparisce, il mondo del reale, sembra capovolgersi, non si capisce da quale lato dello specchio ci si trovi, ciò che era reale sembra scolorare nell’irrealtà. La storia è narrata dall’uomo che, come spesso accade nei libri di Murakami, non ha nome, ed è molto semplice in molte delle sue parti, non vi è un frenetico susseguirsi di avvenimenti, ma, più che altro, l’autore ci dà i colori, il gusto di quanto accade attraverso bellissime metafore e descrizioni assai efficaci. [...] Il romanzo inizia in modo assolutamente realista ma poi, pian piano, comincia a scivolare verso una zona grigia fra realtà e sogno, affascinando il lettore. A tratti si ha l’impressione di una sorta di coloritura autobiografica del racconto, in cui Murakami si rispecchia nella ragazza [...] Il romanzo si può anche leggere in trasparenza sovrapponendolo al “paese delle meraviglie” con cui ha numerose analogie, soprattutto sul tema del viaggio, dello spostarsi, fisicamente, ma all’interno di noi stessi, ma da cui è stata concussa la parte della “fine del mondo”, forse Sumire non ha fatto in tempo a crearla nella sua mente per poi andarci, o forse è tutto il contrario, per Sumire la vita reale era “La fine del mondo” ed è semplicemente tornata nel suo paese delle meraviglie. Anche in un libro apparentemente semplice come questo, Murakami riesce a spargere una sorta di polvere magica che non si nota, ma in certe notti alcuni particolari brillano d’una luce peculiare che lascia presagire che vi sia molto di più, non distante, sotto i nostri occhi, ma che non riusciamo ad afferrare, per il momento…

  • User Icon

    Antonio Ciccarelli

    31/12/2007 21:40:23

    Libro bellissimo...mi ha colpito molto in alcune frasi che condivido...come il condetto di solitudine e malinconia che pervade la lettura. "Perchè dobbiamo restare soli fino a questo punto?Che bisogno c'è?Con tutte le persone che vivono su questo pianeta, e se ognuno di noi cerca qualcosa nell'altro, perchè alla fine dobbiamo essere così soli?A che scopo?Forse il pianeta continua a ruotare nutrendosi delle soulitudine delle persone?"

  • User Icon

    marco d

    15/05/2007 13:31:47

    cosa ci guida in un luogo? cosa siamo disposti a seguire? le storie di murakami ci trascinano sempre sull'onda di una scrittura contemporanea mai stancante o barocca. magnetico

  • User Icon

    Fabio Rossi

    24/05/2006 12:49:08

    Una delicata storia d'amore saffico descritta in modo magistrale e coinvolgente. L'autore pone in evidenza costantemente l'inquietudine esistenziale che pervade le protagoniste del libro. Veramente consigliato.

  • User Icon

    Matteu

    01/09/2004 17:09:49

    libro mooolto carino! originale la trama, con quel pizzico di "struggevolezza" e romanticismo tipici del modo di sentire orientale, si confonde un po' verso la fine, tra realtà e sogno, ma lo consiglio..

  • User Icon

    Sandra

    22/05/2003 15:29:40

    Bello bello bello! grandi emozioni, una storia originale e la bellissima sospensione tra realtà e immaginazione che Murakami sa trasmettere

  • User Icon

    Claudia Saia

    07/11/2002 02:13:39

    Una storia d'amore semplicemente eccezionale, avvolta da un velo di magia che ti lascia sognare ad occhi aperti.

Vedi tutte le 21 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione