Rapporti di forza. Storia, retorica, prova

Carlo Ginzburg

Editore: Feltrinelli
Collana: Campi del sapere
Edizione: 2
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 8 gennaio 2001
Pagine: 168 p., ill.
  • EAN: 9788807102998
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Esiste una verità storica? Gli storici conoscono il passato o si limitano a proiettare in esso le proprie convinzioni, le proprie passioni, i propri pregiudizi? La riduzione della storiografia a retorica, alimentata dallo scetticismo postmoderno, si è incontrata con le posizioni politiche dei movimenti basati su identità etniche o di genere. Chi ha rivendicato la parzialità della conoscenza lo ha fatto richiamandosi all'analisi della conoscenza in termini di potere proposta da Foucault, oppure all'idea che la versione del passato destinata a prevalere sia quella retoricamente più efficace. Entrambe le prospettive derivano da Nietzsche, a cui l'autore contrappone un'altra retorica, quella fondata da Aristotele.

€ 16,69

€ 19,63

Risparmi € 2,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro Berra

    29/05/2012 23:12:50

    Il problema che affronta è affascinante, la presentazione intrigante. Ma Ginzburg racconta per digressioni: precisa l'argomento, esplicita una linea di sviluppo; poi comincia a dipanare il filo e incontra presto un argomento accessorio pieno d'interesse e lo affronta, svolge, riempe la mente del lettore di provocanti interrogativi; bello! e ad un certo momento ti domandi di cosa si stia trattando e se lì siano i tuoi interessi. E qualche volta aggiunge un bell'argomento perché ha scritto un articolo e lo mette dentro anche se non pertinente. Non senza aver espresso, nell'introduzione, un aggancio plausibile, ma deboluccio. Vale molto la pena leggerlo se si cercano elementi di riflessione e si ha tempo da dedicarci.

Scrivi una recensione