Rayuela. Il gioco del mondo

Julio Cortázar

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 settembre 2015
Pagine: 642 p.
  • EAN: 9788806228934

73° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
"Contro-romanzo", "cronaca di una follia", "il buco nero di un enorme imbuto", "un grido di allerta", "una specie di bomba atomica", "un appello al disordine necessario": con queste e altre espressioni venne salutato al suo apparire, nel 1963, "Rayuela", uno dei capolavori del Novecento che ha cambiato la storia del romanzo e la vita delle persone che lo hanno letto. In una Parigi popolata da affittacamere xenofobe, intellettuali male in arnese, pianiste patetiche, scrittori distratti, facili vittime di incidenti stradali, l'eterno studente argentino Horacio Oliveira si muove attraverso la città e l'esistenza come attraverso le caselle del "gioco del mondo". Un percorso dalla terra al cielo, da Parigi a una Buenos Aires grottesca alla ricerca del Centro, della vera vita e soprattutto di Lucia, "la Maga", inconsapevole depositaria di ogni mistero e pienezza, l'unica che non dimentica che, in fondo, "per arrivare al Cielo servono solo un sassolino e la punta di una scarpa".

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    05/11/2018 09:15:08

    Lascia al lettore la voglia di divorare ogni volta di più le pagine!

  • User Icon

    AdrianaT.

    14/06/2017 08:29:42

    Lo pensavo scomodo e complicato da leggere questo 'Liber Fulguralis', ma non lo è. È la personale disperata appassionata battaglia di Cortàzar contro l'inputridimento della sua prosa, contro i luoghi comuni della struttura narattiva a favore della pulizia della lingua - così dice lui. Secondo me l'ha vinta. Sì, c'è da saltellare per i prevalentemente brevi capitoli, (non me la vedo molto pratica la lettura su ebook), però in sostanza trattatasi di una storia, di più storie che seguono il loro filo, seguono le strade e gli arrondissements umidi e incantevoli di Parigi, intervallate da digressioni disquisizioni citazioni aneddoti flussi di coscienza brainstorming letterario-esistenzial-filosofici presenziati da donne silenti-vacue-piangenti e innaffiati da cognac e mate. Caos organizzato. Come i voli pindarici di Marìas, per dire, ma che invece di essere integrati nel testo, puoi andare a sbocconcellare di tanto in tanto nella seconda metà del libro, solo se ti va, magari per grattarti quello strano prurito di ermeneutica e di 'controromanzo' che ogni tanto ti può cogliere. Questo ghiotto escamotage narrativo stuzzica la curiosità che si autoalimenta via, via e diverte, imprimendo una specie di accelerazione alla lettura; un po' come i biscotti - ancora uno và, ancora uno... difficile mollarlo, e così si arriva alla fine. E dopo 547 pagine di pioggia, Francia, Argentina e giochi linguistici, tu e il tuo libro ne uscite un po' sbertucciati; la mappa del cuore di Parigi scarabocchiata, un bel po' di esercizi di motricità fine portati a termine e una salutare ginnastica per il cervello eseguita, e si può dire che quel che rimane non è semplicemente la storia di una passione (che a me è sembrata amore) scritta magnificamente, ma un vero e proprio spalancamento delle "doors of perception" - non sono in grado di spiegarlo meglio.

Scrivi una recensione


La recensione scritta da Oreste Del Buono apparsa sul numero di Ottobre 1969 di Linus. LEGGI QUI .