Categorie
Traduttore: V. Montagna
Editore: Corbaccio
Collana: Exploits
Anno edizione: 2010
Pagine: 306 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788863800609

18° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Guide turistiche e viaggi - Letteratura di viaggio - Esplorazioni

Disponibile anche in altri formati:

€ 16,92

€ 19,90

Risparmi € 2,98 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alex

    25/01/2011 17.52.10

    Libro molto avvincente. Narra i diversi aspetti legati alla stessa vicenda: la grande impresa alpinistica dei fratelli Messner alla conquista del Nanga Parbat (uno dei più insidiosi 8mila), il dramma dei bivacchi in quota e dell'impossibilità di ridiscendere della via di salita, la decisione dei fratelli Messner di mettersi in salvo attraverso l'ignoto versante Diamir, la morte del giovane Gunther (travolto da una slavina ai piedi della parete), l'odissea di Reinhold verso la salvezza. Ottima la scelta di raccontare la vicenda come fosse una sceneggiatura cinematografica, ti fa sentire lì a scalare con gli alpinisti! Il linguaggio chiaro e diretto della prefazione porta alla luce l'infondatezza delle accuse che sono state mosse in seguito verso Reinhold Messner. Dal libro, soprattutto dall'ultimo capitolo, traspare tutto l'amore fraterno di Reinhold per Gunther e il ricordo che ancora oggi li lega. Avvincente, da leggere tutto d'un fiato!

  • User Icon

    zombie49

    27/06/2010 14.06.36

    Raccolta dei diari e lettere a casa di Reinhold e Gunther Messner e sceneggiatura di un film mai realizzato sulla spedizione al Nanga Parbat in cui i due fratelli raggiunsero la vetta dall’inviolata parete Rupal e discesero x lo sconosciuto versante Diamir, dove Gunther morì travolto da una slavina. Pubblicato nel 1970, il libro fu immediatamente ritirato x l’opposizione del dispotico organizzatore della spedizione, Karl M.Herrligkoffer, che x contratto aveva obbligato gli alpinisti a non pubblicare nulla sull’impresa, poiché voleva imporre la sua versione. In modo estremamente polemico Messner ribadisce la sua verità: tentò la vetta da solo, raggiunto durante l’ascesa dal fratello, xché ingannato da un razzo rosso erroneamente sparato dal campo base, e discese dal versante opposto xché quella gli pareva l’unica soluzione possibile. Un suo guanto trovato in vetta dagli altri alpinisti e il rinvenimento del corpo del fratello ai piedi della parete Diamir nel 2005 avvalorano la sua tesi. Lo sport estremo necessita di finanziatori, che non sono però le stesse persone che compiono l’impresa, e tutti desiderano fama e visibilità, anche a scapito di altri. L’alpinismo si basa sulla lealtà e la sportività degli scalatori, qualità mai disconosciute all’alpinista sudtirolese, poiché difficilmente le imprese possono essere comprovate, e forse x questo suscita tante polemiche. Dispiace leggere un Messner tanto pieno di risentimento, rancore, e forse rimpianto di non poter più essere, ora, lassù sugli 8000. Non capisco lo scopo di questo libro, in cui Messner racconta i fatti già descritti, in modo più avvincente, ne “La montagna nuda”.

Scrivi una recensione