Il re d'inverno. Excalibur

Bernard Cornwell

Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 marzo 2012
Pagine: 360 p., Brossura
  • EAN: 9788850227716

56° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Di ambientazione storica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    14/05/2018 19:47:08

    Attraverso il racconto di un ormai vecchio monaco, Cornwell ci ripropone in modo del tutto originale la storia di Artù. Una storia divenuta leggenda ma che qui è inserita in una realtà tutt’altro che fiabesca e anzi molto concreta, con un’ambientazione cupa e suggestiva. I personaggi non solo profondi e ben delineati ma anche incredibilmente veri, autentici. Non abbiamo a che fare con gli eroi o i cattivi di un poema epico, a caratterizzare le pagine di questo romanzo sono veri uomini e donne delle isole Britanniche del V secolo. Ciò è particolarmente evidente in Artù, che appare come un uomo completamente reale, con i suoi pregi e i suoi difetti, però ricco di quelle qualità che potrebbero realmente aver contribuito a renderlo un mito, a creare la sua leggenda. Ginevra invece non mi è piaciuta granché, mi è sembrata la classica ambiziosa arrampicatrice senza scrupoli. Il potere al guerriero più forte? Perché no... come tra gli animali. Comunque sono in molti ad avere ruoli abbastanza diversi da quelli che normalmente gli vengono attribuiti, ad esempio Morgana. Grande merito dell’autore poi è aver finalmente dato una giusta interpretazione di Lancillotto, quella che realmente si meritava. Il tutto è inserito in un impeccabile contesto storico. Una ricostruzione rigorosa, accurata ed estremamente interessante della Britannia dopo il ritorno dei romani e prima/durante le prime invasioni sassoni. E anche il Benoic e la sua ultima tenace resistenza sono a dir poco intriganti e avvincenti, almeno quanto è interessante il culto di Mitra. È molto sentito, nel corso della trama, lo scontro tra le antiche credenze dei britanni e il Cristianesimo. P.S. Commentare questa saga è difficile a causa delle tante differenti pubblicazioni fatte in Italia, alle volte da tre volumi altre da cinque. I miei commenti valgono ovviamente per l’edizione in mio possesso, ossia la saga Oscar Mondadori da cinque volumi.

  • User Icon

    Hyeronimus52

    21/09/2014 15:39:18

    Bernard Cornwell è, tra gli scrittori di libri ambientati nel medioevo, quello che più mi affascina sia per l'inesauribile capacità inventiva che per la realistica descrizione dell'epoca, dei personaggi e dell'ambientazione; dopo aver letto molti suoi romanzi più recenti, solo adesso ho cominciato a leggere la saga di Artù ambientata nel V secolo D.C. ai tempi dell'invasione sassone dell'Inghilterra. Questo primo volume comincia lentamente, ma poi, quando finalmente decolla, si legge tutto d'un fiato fino all'ultima pagina: un primo capitolo avvincente e indimenticabile

Scrivi una recensione