La Regina vergine di George Sidney - DVD

La Regina vergine

Young Bess

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Young Bess
Regia: George Sidney
Paese: Stati Uniti
Anno: 1953
Supporto: DVD
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 10,34 €)

I primi anni del regno di Elisabetta I d'Inghilterra, figlia di Enrico VIII e Anna Bolena, e la sua contrastata storia d'amore con l'ammiraglio Tom Seymour. Quando lui viene imprigionato e condannato, lei si ritrova ad assistere impotente alle trame di palazzo. Elisabetta sale al trono conservando sempre nel suo cuore il ricordo dell'ammiraglio e non si sposerà mai.
  • Produzione: A & R Productions, 2014
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 112 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • George Sidney Cover

    "Regista statunitense. Figlio d'attori segue, fin da bambino, i genitori ma entra alla mgm nel 1932 come regista di seconde unità e di corti da Oscar (Quicker'n Wink, 1940). Esordisce nel lungometraggio nel 1941 specializzandosi nel musical della casa: superficiale, aggraziato, vivace e sfarzoso. Dalle sfilate divistiche (La parata delle stelle, 1943) ai deliranti vertici del kitsch acquatico (Bellezze al bagno, 1944), dai numeri musicali con combinazioni di girato e animazione (Due marinai e una ragazza, 1945) alla routine più smagliante (Le ragazze di Harvey, 1946), S. raramente manca il bersaglio (Show Boat, 1951); alternando movimentate avventure di cappa e spada (I tre moschettieri, 1948) dalle coreografie eleganti e briose (Scaramouche, 1952). Lasciata la mgm per la Columbia (1956) vi... Approfondisci
  • Jean Simmons Cover

    Attrice inglese. Dopo aver calcato il palcoscenico giovanissima, debutta sul grande schermo a soli quindici anni: bruna, intensa, bellezza delicata e quasi fragile, lavora con i maggiori registi inglesi, fino alla conquista di Hollywood. Dopo aver interpretato eroine quali l’Estella adolescente del dickensiano Grandi speranze (1946) di D. Lean e la giovane peccatrice indigena del melodrammatico Narciso nero (1947) di M. Powell, viene scelta da L. Olivier per il ruolo di Ofelia nello shakespeariano Amleto (1948), con cui conquista il premio per la migliore interpretazione a Venezia. Nelle pellicole successive è la crudele e inquieta protagonista del giallo Seduzione mortale (1952) di O. Preminger, moderna e combattiva giovane in cerca del proprio destino nell’intimista L’attrice (1953) di G.... Approfondisci
  • Stewart Granger Cover

    "Nome d'arte di James Lablanche S., attore statunitense di origine inglese. Atletico e prestante, volto franco da eroe positivo del genere cappa e spada, esordisce nel 1939 (So This Is London di T. Freeland) e si afferma nel decennio successivo in sontuosi melodrammi nel cosiddetto «stile Gainsborough», caratterizzato da trame fitte (La madonna delle sette lune, 1944, di A. Crabtree) e improbabili (Zingari, 1946, di A. Crabtree), tra sfarzose ambientazioni in costume (L'uomo in grigio, 1943, di L. Arliss) e sentimentalismi (Racconto d'amore, 1944, di L. Arliss). Coprotagonista del costoso delirio kitsch Cesare e Cleopatra (1945) di G. Pascal, sul set di Adamo ed Evelina (1949) di H. French è accanto alla seconda moglie J. Simmons, con la quale giunge a Hollywood. Versato per l'avventura in... Approfondisci
  • Charles Laughton Cover

    "Attore e regista statunitense di origine inglese. Con il suo fisico corpulento, le labbra carnose, gli occhi acuti e penetranti, e con le sue grandissime capacità attoriali, ha costruito una galleria di personaggi spesso indimenticabili, sebbene solo in rari casi abbia interpretato ruoli da protagonista, mentre come regista ha realizzato un unico film, considerato uno dei capolavori incontestabili del cinema fantastico. Dopo aver lavorato in teatro, dove conosce la futura moglie Elsa Lanchester, intorno alla fine degli anni '20, debutta anche nel cinema. Nel film a episodi coordinato da E. Lubitsch Se avessi un milione (1932) è un impiegato che, ricevuto un assegno da un milione di dollari, si reca tranquillamente nell'ufficio del capo e gli rivolge una sonora pernacchia; in Il segno della... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali