Traduttore: B. Nacci
Editore: Giunti Editore
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 30 agosto 2006
Pagine: 476 p., Rilegato
  • EAN: 9788809033849
Disponibile anche in altri formati:

€ 3,45

€ 6,90

Risparmi € 3,45 (50%)

Venduto e spedito da IBS

3 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Greta

    26/09/2006 10:48:27

    Romanzo epistolare e grandissima analisi della società dell'epoca, questo libro è stato per me una rivelazione. Non ero convinta nell'iniziarlo, perché sinceramente questo cinismo-francese-a-tutti-i-costi non mi ha mai entusiasmato. Poi invece il libro avvince e piano piano ci si lascia prendere completamente da questa trama fatta di intrighi e di conquiste sentimentali pianificate nel minimo dettaglio. Mai ho incontrato nelle mie letture due personaggi come il Visconte e la Marchesa (forse quando ho letto De Sade, ma in modo diverso), questi due danno un senso alla parola "libertino". Il romanzo non è per nulla noioso o pedante, anzi ci sono dei bei pezzi ironici che a volte servono per tagliare una trama che diventa drammatica. Laclos descrive un epoca dissoluta e cinica, dove il raggiro la fa da padrone e dove non basta solo il potere sessuale su una persona….si deve arrivare sl completo possesso dell'anima. In sostanza non salva nessuno, a volte nemmeno chi per innocenza o ingenuità cade nei tranelli dei due crudeli libertini, ma nello stesso momento scrive pagine bellissime e struggenti sull'amore e sull'animo umano, fenomenali i brani dove la povera Signora Tourvel cede un poco alla volta alla passione; nonostante tutto non può fare altrimenti, come una falena che corre verso la fiamma. Il finale è fortemente drammatico come è giusto che sia. Leggetelo tutti, anche solo per imparare a scrivere una lettera.

Scrivi una recensione