La resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina - Mirco Dondi - copertina
Salvato in 1 lista dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
La resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina
26,60 € 28,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
La resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina 270 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
26,60 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
26,60 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
La resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina - Mirco Dondi - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La resistenza tra unità e conflitto. Vicende parallele tra dimensione nazionale e realtà piacentina Mirco Dondi
€ 28,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

La resistenza, tra spinte autonome e tentativi di centralizzazione, annovera al suo interno una continua dinamica di opposizione che mina la possibilità di un'organizzazione compiuta. L'antifascismo convive per sua natura con il problema dell'unità. Un problema di "sdoppiamento" che si moltiplica per tutte le piccole realtà locali italiane, ognuna animata da contrasti e conciliazioni negate. Nella lettura parallela di dimensione nazionale e vicende partigiane nel piacentino, invece che restringere lo sguardo, questo libro riesce ad aprirlo sulle contraddizioni di una storia irriducibile a una formula, proprio perché polverizzata in un connubio di minoranze incapaci di riconoscersi in un disegno unico.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2004
1 gennaio 2004
418 p., Brossura
9788842493990

Voce della critica

Lo si legge quasi ogni giorni sui giornali: gli storici, con le loro critiche sulle fasi fondanti dello stato italiano e sui processi di nazionalizzazione, avrebbero contribuito più a dividere che a unire il paese e continuerebbero a ostacolare l'elaborazione di un'identità nazionale comune. In un contesto politico-ideologico come quello attuale, così pervaso da volgari usi pubblici della storia e da costanti appelli a una presunta riconciliazione nazionale, non si può non salutare l'ultimo, corposo contributo di Mirco Dondi sulla storia del movimento resistenziale come una preziosa boccata d'aria fresca e pulita. Innanzitutto per la chiarezza, l'equilibrio e la precisione con cui affronta un problema assai controverso e discusso come quello dei rapporti fra unità e conflitto nella Resistenza. Tutte le forme adottate nel campo politico antifascista per descrivere la guerra combattuta dalla Resistenza, almeno fino alla seconda metà degli anni sessanta, insistono infatti sull'unità, spesso confusa con unanimità. "Guerra di liberazione" (con la desinenza comunista di "guerra di popolo") e "Secondo Risorgimento" sono infatti costrutti teorici che nascondono, per anni, i contrasti interni all'antifascismo e le fratture politico-sociali prodotte dalla guerra civile nell'Italia del centro-nord. Non si tratta solo di retorica celebrativa, ma anche di interpretazione storiografica: si pensi, solo per citare un esempio, al testo classico, e certo ancor oggi importante, di Roberto Battaglia, in cui contrasti e contraddizioni sono sublimati dal succedersi degli eventi della "guerra di popolo".
Contro questo mito unitario - già a suo tempo criticato da Claudio Pavone e da Guido Quazza - Dondi propone la visione di un'unità costantemente negoziata e conflittuale, in cui risiede la ricchezza ideale della Resistenza, ma anche la sua intrinseca debolezza. Forte di un ricchissimo scavo documentario, l'autore - utilizzando la lente d'ingrandimento della turbolenta realtà piacentina - si cimenta in un complesso lavoro di sintesi delle dimensioni conflittuali che attraversano tanto la sfera politica quanto quella militare del movimento resistenziale: dalle frizioni fra Clnai e gli alleati o il governo di Roma sino allo scontro di impostazioni e di potere all'interno del Clnai e del Cvl; dai conflitti tra il personale politico e i militari di carriera o di origine partigiana sino alle differenti visioni strategiche, politiche e operative che contrappongono le formazioni partigiane.
In tale accurata ricostruzione della complessità e varietà conflittuale della Resistenza in Italia si racchiude anche il secondo merito del volume, quasi una lezione di deontologia e di passione civile. Non è forse la paura di leggere il passato - scrive infatti l'autore - che porta alla mediocrità di riferimenti piatti e indistinti? Spetta alle classi dirigenti esprimere quei valori da cui prenderanno forma differenti composizioni dell'identità nazionale. Lo storico "deve solo aiutare a comprendere il passato senza veti censori". Un mestiere difficile, che Dondi conosce molto bene.

Francesco Cassata

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Mirco Dondi

Insegnante di Storia Contemporanea si è occupato delle violenze nel dopoguerra con La lunga liberazione. Giustizia e violenza nel dopoguerra italiano (Editori Riuniti 1999). Ha inoltre pubblicato L’Italia repubblicana: dalle origini alla crisi degli anni Settanta (Archetipo Libri 2007) e I neri e i rossi: terrorismo violenza e informazione negli anni Settanta (a cura di, Controluce 2008). Per Laterza è autore di L’eco del boato. Storia della strategia della tensione 1965-1974 (2015) e di 12 dicembre 1969 (2018).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore