Retrospective

(Box Set Limited Edition)

Artisti: Max Richter
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 4
Etichetta: Universal Classic
Data di pubblicazione: 2 settembre 2016
  • EAN: 0028947963097
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 40,05

€ 44,50

Risparmi € 4,45 (10%)

Venduto e spedito da IBS

40 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Descrizione

Deutsche Grammophon ripubblica il cofanetto “RETROSPECTIVE”. Contiene 4 album del compositore più interessante del momento, autore di “VIVALDI RECOMPOSED” e “SLEEP”.
Un elegante box deluxe in edizione limitata con 4 digipack, booklet brossurato di 32 pagine con articolo del critico Paul Morely e numerose foto.

CD 1: THE BLUE NOTEBOOKS (2004)
Questo lavoro di Max Richter risente dell’esperienzacome pianista nel famoso ensemble Piano Circus, in cuieseguiva musiche di Arvo Part, Brian Eno, Philip Glass, Julia Wolfe e Steve Reich. Oltre al debito evidente verso l’opera di questiartisti The Blue Notebooks può essere visto come un ipotetico e affascinante punto d’incontro tra le stilizzazioni del suono di AphexTwin e le implementazioni elettroacustiche di Sylvian Chauveau. L’album si apre con un frammento de “Gli Otto Quaderni InOttavo” di Franz Kafka, recitato dall’attrice Tilda Swinton accompagnata da un pianoforte, dal ticchettio di una macchina dascrivere e dalla campionatura di un treno in corsa.
CD 2: SONGS FROM BEFORE (2006)
In questo CD Max Richter si cimentarsi nel suo progetto solista fatto di atmosfere surreali, cinematografiche, orchestrate, erigorosamente strumentali accostate a frammenti di poesia. In compositore tedesco si dimostra è un vero e proprio alchimista disuoni che descrive tutta la malinconia della condizione umana. Musica prettamente autunnale (due brani si chiamano proprio“Autumn music 1” e “Autumn music 2”), una vera e propria colonna sonora della solitudine.
CD 3: 24 POSTCARDS IN FULL COLOUR (2008)
E’ il frutto di un audace esperimento compositivo principalmente destinato alla realizzazione di installazioni post-moderneestemporanee. Richter limita la sua vena compositiva contingentandola in brevissimi frammenti sonori dalla durata media di pocopiù di un minuto lavorando attorno al concetto di “suoneria” che, se contestualizzate in una performance, il pubblico può riceveresotto forma di sms.
CD 4: INFRA (2010)
"Infra" è la testimonianza sonora di una piéce commissionatagli dal celebre coreografo Wayne McGregor, portata in scena alla finedel 2008 dall'English Royal Ballet e ispirata al poema "La terra desolata" di T.S. Elliott, la cui rappresentazione si è anche avvalsadi un accompagnamento di immagini digitali realizzate dall'artista pop Julian Opie.