Traduttore: V. Mantovani
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: 229 p., Brossura
  • EAN: 9788807818097
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 3,78

€ 5,95

€ 7,00

Risparmi € 1,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Arcangela Cammalleri

    19/03/2009 10:41:59

    Lo psicanalista Jack Harrington, quarantenne divorziato, vive a Londra. La sorella Kate, più giovane, fa la modella, ha un matrimonio alle spalle, tante storie sentimentali e sta per sposarsi. Un segreto famigliare accomuna e unisce i due fratelli e quando sta per essere venduta Malamore la casa d’infanzia, riaffiorano dolorosamente i ricordi e la morte della madre. La messinscena dei protagonisti diventa uno studio psicanalitico, Jack e Kate spezzati nell’animo dal dramma dell’infanzia che li ha tenuti legati morbosamente, stanno, faticosamente, ricostruendo la loro psiche. Affascinante ed inquietante lo stile narrativo della Hart, delinea le due figure letterarie attraverso dialoghi e frasi spezzate come le loro personalità interrotte e le loro vite desolate e private dall’affetto dei genitori. Da questo libro il regista Roberto Andò ne ha tratto un film dal titolo “Il viaggio segreto”, ambientato in Italia e in Sicilia. Un film introspettivo e dolente, la mano felice di Andò rende al meglio la scrittura del romanzo traducendo in immagini evocative l’ossessione interiore dei due protagonisti. Nel film il rapporto dei due fratelli sembra riecheggiare quello dei genitori, nel ballo senza musica, in una sorta di danza rituale. Il viaggio, simbolicamente, diventa la ricongiunzione con il passato rimosso e la pervenuta conoscenza di esso, la ricostruzione completa che li prospetta verso un futuro consapevole

  • User Icon

    Lucia

    07/05/2007 15:05:05

    Molto psicologico, introspettivo, dalla scrittura fluida, ritmo incalzante e colpo di scena sul finale. Bellissimo e appassionante, in questo romanzo la Hart non perde un colpo e trascina il lettore nel mondo dei protagonisti senza dargli la possibilità di riprendere fiato. Assolutamento superbo e assolutamente da leggere. Secondo il mio modesto parere, supera sia "Il danno" che "Il peccato".

  • User Icon

    angela66

    01/05/2007 19:14:36

    bellissimo,travolgente,misterioso.

  • User Icon

    VicG

    21/02/2007 15:41:33

    Josephine nei suoi racconti mi rimanda alla forza e all'intensità descrittrice di Emily Bronte. Una scrittura appassionata e spregiudicata che sfugge al controllo della scrittrice stessa. Anche se per me non è il suo migliore (preferisco L'Oblio) rimane comunque un testo impeccabilmente composto.

  • User Icon

    emanuele

    05/09/2005 14:55:17

    Il filo analitico si dipana attraverso una chiara narrativa e un'attesa da noir. Si fondono gli elementi dei diversi tipi di racconto ma come sempre nei libri della hart, è la descrizione delle anime dei personaggi a rendere, dopo non molte apparizioni letterarie, il tratto della scrittice riconoscibilissimo. Mirabile il passaggio di due o tre parole con cui si svela la verità e la forza del padre personaggio chiave della vicenda.

  • User Icon

    mangialibri

    22/02/2005 23:20:43

    non si capisce bene, di difficile lettura e comprensione ma il tema è buono

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione