Rigoletto dalla genesi alla scena. Il successo di un «fotisterio» mancato

Gabriella Minarini

Formato: PDF con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,04 MB
  • EAN: 9788894021271
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,00

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
«La musica di Giuseppe Verdi è stata la colonna sonora della mia vita! Rigoletto mi ha sempre affascinata, incuriosita. Un personaggio tagliato con l’accetta, così come lo era il suo autore, che mi ha affascinato al punto di voler sondare la sua genesi e il suo allestimento. I piani di lettura di Rigoletto sono plurimi ma quello che mi ha sempre colpito è l’aspetto più umano e dolente di Rigoletto che - involve - fino alla catastrofe nel vano tentativo di mutare il suo destino. Il destino dell’uomo che lotta con tutte le sue forze per avere una vita ‘normale’ in cui affetto e calore facciano - finalmente - rima con amore. C’è pochissimo amore in quest’opera, molta mercificazione di esso ma anche una cattiva cognizione dello stesso. Un amore che distrugge in suo nome perché: Rigoletto ama sua figlia! Gilda ama il Duca! Il Duca ama solo se stesso! E tutti, in questa mefitica spirale, si ‘perdono’! La speranza ha da tempo abbandonato la casa di Rigoletto lasciando, al suo posto, l’inutile veleno della vendetta. Sembra che Verdi abbia condensato in questo dramma tutti i pensieri e i tragici vissuti degli anni precedenti, mescolandoli con un pizzico di fatalismo per affermare che il niente e il vacuo sono comunque vincitori. Ma sappiamo bene che il Teatro è una terapia per lo spirito e, con il Rigoletto, il Maestro passa oltre la sua Maledizione!» G. Minarini