Un ritratto dell'artista da giovane

James Joyce

Curatore: F. Cavagnoli
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 ottobre 2016
Pagine: 280 p., Brossura
  • EAN: 9788807902512
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Un ritratto dell'artista da giovane fu scritto a Trieste nel 1914 e pubblicato nel 1916 negli Stati Uniti, nell'anno della Easter Rising, la sanguinosa insurrezione di Dublino. Noto in Italia e Francia anche con il titolo Dedalus, è un romanzo semiautobiografico in cui si descrivono gli anni formativi della vita di Stephen Dedalus, l'alter ego di Joyce. L'autore narra il risveglio intellettuale, filosofico e religioso di un giovane che comincia a interrogarsi e a ribellarsi contro le convenzioni irlandesi e cattoliche con cui è cresciuto. Alla fine progetterà di partire alla volta di Parigi per fare l'artista. È uno dei romanzi irlandesi più importanti perché è il primo ad analizzare i rapporti distorti fra la comunità irlandese e il dominatore inglese. Secondo Joyce, la situazione in cui versava l'Irlanda non era la conseguenza di un'integrità perduta o dell'annientamento della cultura tradizionale, come peraltro sosteneva Yeats, bensì l'aver fatto proprie idee che hanno mantenuto gli irlandesi sotto il giogo britannico.

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    guglielmo aprile

    29/12/2017 18:01:32

    Si avverte, nell'evoluzione di S.D., una netta impronta di Kierkegaard: dopo la larvale neutralità dell'infanzia, trascorsa all'ombra di leggi adulte accettate acriticamente, egli avverte deflagrare nel sangue il rombo della lussuria, che lo spinge alla ricerca del piacere (fase estetica), per poi entrare in un periodo di contrizione che lo porta alla soglia della decisione di farsi chierico (fase etica), alla quale abdica in nome della risoluzione di vivere da artista (non si capisce però per dedicarsi a quale 'arte' di preciso), accettando il mondo ma senza abbandonarsi ad esso; tuttavia questo terzo stadio, in cui il protagonista trova una serena sintesi fra sensualità e istanza morale, appare raggiunto in modo un pò troppo facile e brusco: troppo sbrigativamente guarisce dal pungolo della propria lussuria, così come di punto in bianco smette di preoccuparsi della sorte dell'anima, per cui manca di coerenza e credibilità: sembra solo funzionale all'esigenza dell'autore di discutere due posizioni verso l'esistenza che gli riescono, per motivi complementari, entrambi parziali. Lo stile ha una sua schietta originalità quando esplora le libere associazioni, ma risulta enfatico quando rimarca l'odore nauseabondo con cui il peccato avvince la coscienza; inutili e pesanti poi tutti i riferimenti alla storia irlandese: retaggio di un realismo impraticabile ora che la scrittura si propone di scrutare a fondo nella soggettività come mai fino ad ora. Forse il meglio sta nel discorso del predicatore sull'inferno, ma l'uomo del XX secolo non ha più lo spessore intellettuale per confrontarsi coi problemi ultimi: vive al di qua di essi, in una miseria che non gli permette né la fede né il rifiuto della stessa.

Scrivi una recensione