Categorie
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1995
Formato: Tascabile
Pagine: LXIV-190 p.
  • EAN: 9788806136420
Usato su Libraccio.it - € 3,62

€ 5,70

€ 6,71

Risparmi € 1,01 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Bongiovanni, B., L'Indice 1995, n. 9

Edizione critica del testo gobettiano, il libro, curato con singolare acribia, riporta le molte varianti di struttura, di giudizio, di forma. Non ne esce tuttavia modificata in modo consistente la sostanza del pensiero dell'autore: che viene anzi confermata nella sua polifonica ricchezza e nella sua "trasversalità". Colpisce sempre la capacità di comprendere il movimento dei consigli prima della clausura nell'involucro leninista, vale a dire come veicolo di una rivoluzione liberistica e insieme operaia. È questo testo, del resto, che ha cominciato a disegnare la vicenda e la leggenda di Gramsci, allievo per Gobetti di Salvemini ed Einaudi, di Mosca e Fortunato, ciò che Togliatti saprà valorizzare sin dal 1948. È qui che nasce inoltre l'antifascismo, inteso come risposta positiva ed etica alle frustate del fascismo, un fenomeno, quest'ultimo, che viene ad assumere un significato quasi provvidenziale. Il fascismo è infatti una "tesi" tirannica che, purché abbia il coraggio di far funzionare quella ghigliottina di cui Gobetti tesse l'elogio, susciterà un'"antitesi" benefica. Solo il fascismo, l'antidemocrazia per eccellenza, saprà così produrre quella democrazia liberale di cui l'Italia ha bisogno. L'introduzione "operaistica" di De Caro del 1964 è stata sostituita, in questa edizione, da una lettura liberalradicale di Flores d'Arcais. Le si confronti. Si misureranno i trent'anni che son passati.