La Rivoluzione liberale. Saggio sulla politica in Italia

Piero Gobetti

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 14 ottobre 2008
Pagine: LXIV-194 p., Brossura
  • EAN: 9788806196004

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Ideologie politiche - Liberalismo e ideologie democratiche di centro

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Piú di settant'anni fa, Piero Gobetti (Torino 1901 - Parigi 1926), uno dei piú coraggiosi politici e pensatori italiani, rivoluzionario e liberale, pubblicava questo saggio. Da allora i mali e le anomalie del caso Italia non sono state risolte, la rivoluzione liberale non è stata compiuta. Come scrive Paolo Flores d'Arcais nel saggio introduttivo "la lezione di Piero Gobetti è politicamente attuale per l'impressionante lucidità con cui può prestarsi a descrivere i fenomeni dei nostri giorni e a diagnosticarne la patologia".

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    04/12/2015 09:06:06

    Fiumi di gazzettieri o pubblicisti ciarlatani non sanno di sicuro (e forse nemmeno vorrebbero saperlo) cosa vuol dire il titolo di questo libro (sono parole di Luciano Canfora), stemma e summa di un periodo storico italiano fra i più bui e tesi che si possano ricordare e testimonianza altissima di un uomo che si spense a meno di ventisei anni, lungimirante profeta come pochi e antifascista fino alle più brute conseguenze scontate sulla propria pelle. Come a sposare la propria vita col primo ventennio del secolo, Gobetti intravide le radici fasciste del nostro Paese con nudità sconvolgente, quelle dinamiche di servitù sedimentata ed eroismi D'Annunziani unicamente fini a se stessi. Non a caso definirà in tre parole il fascismo come "biografia della nazione", e l'antifascismo con altrettante tre parole mirabili: "Nobiltà dello spirito". Questo libro è un vertice di analisi politica e di studio saggistico, riflessione biografica e termometro di un Paese. I capitoli si succedono in pagine dedicate alla varietà delle forze politiche: dunque socialisti, liberali, fino all'elogio assoluto di Antonio Gramsci che è anche un affondo alla nobiltà del suo pensiero non più proseguibile dopo la "rottura" dei Consigli. Libro prezioso, capolavoro di lucidità intellettuale e umana di rara potenza e finezza; opera che andrebbe letta, scavata e imparata a memoria oltre gli steccati e le pene di una politica odierna che muore ogni giorno di più illudendosi ipocritamente nella falsa idea che le divisioni fra le parti sussistano e reggano, mente annegano miseramente nello stesso brodo, voluto, desiderato e sorseggiato con gusto. Magnifico testo di un uomo magnifico. Che i fiori al Père Lachaise ad omaggiare la sua breve parabola non manchino mai.

Scrivi una recensione