Rob Roy di Michael Caton-Jones - DVD

Rob Roy

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 1995
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 15,90

Venduto e spedito da Juke Box

Solo 1 prodotto disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
DVD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rob Roy, leggendario eroe scozzese degli inizi del Settecento, non rinuncia alla propria integrità morale e a combattere per i propri ideali per i quali è disposto a tutto. Rifacimento di "Rob Roy" 1911. "L'onore ne ha fatto un uomo. Il coraggio ne ha fatto un eroe. La storia ne ha fatto una leggenda".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,75
di 5
Totale 8
5
2
4
2
3
4
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianni

    16/07/2016 19:29:19

    Bellissimo film , dall'ambientazione , paesaggi e costumi spettacolari e curatissimi , il personaggio realmente esistito non ha nulla a che fare con Robin Hood ne tantomeno col Braveheart di Mel Gibson , il film è stato tratto da una novella di Walther Schott dedicata a Robert Roy Mc Gregor ( eroe nazionale scozzese ) , bellissimi i dialoghi dell'eccellente "cicisbeo" Tim Roth ( a parer mio l'attore che maggiormente spicca nel film per la sua interpretazione ) , ma non sono anche da meno Jessica Lange e il sempre bravo Liam Neeson ( Nord Irlandese di Belfast ) , trama avvincente e mai pedante e noiosa , il film si avvale anche di eccellenti musiche e di una bellissima colonna sonora ... promosso a pieni voti da parte mia !

  • User Icon

    Rosella Rapa

    24/03/2007 09:47:43

    Togliete a questo film gli stupendi paesaggi scozzesi, meraviglia della natura, e non dell’uomo. Dimenticate la folkroristica festa gaelica in notturna, sistemata in un momento della storia assolutamente inopportuno. Mettiamo un attimo da parte anche la fedele ed accurata ricostruzione dell’ambiente: case, vasellame, villaggi, palazzi, costumi, laghi e piazzette. La domanda è: cosa resta? Una trama insipida, trita e ritrita, condita, per dare sapore, da un’abbondante profusione di sangue di maiale, termini sboccati, e sesso sbattuto in faccia anche quando l’intuito dello spettatore saprebbe ampiamente arrivarci da solo. Ma questa sceneggiatura da “fumettone” scadente di nota memoria, adattata ai macabri gusti moderni, riesce almeno a darci l’idea di chi fosse veramente questo Rob Roy, vissuto in un periodo storico che per la Scozia fu forse il più tormentato e difficile? Direi di no. Alla fine, resta di veramente bello la SCOZIA, magnifico paese con affascinanti paesaggi e tradizioni. Riscatta un poco l’insipienza del film la scena del duello finale, costruito a regola d’arte, anche se la fine, pur se dovuta, è altamente improbabile, e, dunque, spettacolare.

  • User Icon

    Diego

    05/01/2007 14:08:53

    Film carino, non all'altezza di Braveheart ma comunque da vedere. Il regista fa il suo dovere, L. Neeson è bravo ma il migliore è sicuramente Tim Roth, memorabile nel ruolo del cattivo, che forse meritava anche l'oscar. Bravi anche la Lange e Hurt. Meritano di essere viste alcune scene, come il duello finale che (anche se forse poco reale) è davvero molto bello. In poche parole, un bel filmetto, non come Braveheart ma meglio di Robin Hood - Principe dei Ladri.

  • User Icon

    Walter C.

    19/03/2006 00:49:24

    Quasi mai pongo un commento . Però ogni volta che acquisto un film qui od altrove li leggo . Di solito mi lasciano freddo . Da sempre compro solo dopo una visione sul grande e/o piccolo schermo . Cosa mi porta alla visione di cui sopra ? Anteprime e lettura mirata della critica cartacea . Per " Rob Roy " ho appena terminato la prima visione sul piccolo schermo . Il mio giudizio medio alto è dovuto all'onda emozionale . Ma non è questo che desidero comunicare . Mio dio quanti calabroni esistono e fastidiosamente ronzanti giudicano e giudicano la qualità e dolcezza del miele che le api producono . Certo scartato quello falso che esse sono indotte a metabolizzare suggendo melassa : vi è una scala di valori che le nostre papille degustative ci offrono . Ma non conta . Ogni volta ( oggi non più ) quando mi trovavo in Parigi mi recavo al Museo des Arts e Metiers dove in una teca viene coservata la prima " macchina " dei Fratelli Lumieres . L' osservavo e il mio pensiero andava a loro , alle infinite vite parallele che mi hanno donato . Ogni film è avulso dalla " finzione temporale " e ogni visione accende un tempo " presente " che ci dona un sogno ( il " sogno " ovvero l'utopia del reale ) . Bello meno bello : non conta . Conta solo che per un istante veniamo allontanati dall'umana dimensione . Tutto quì . Ho 62 primavere e dalla sesta , in una " proiezione " esponenziale ,la sequenza prestabilita dei fotogrammi mi ha gratificato e mi gratifica . Buona visione .

  • User Icon

    ROBERTO VR

    19/03/2006 00:39:32

    Pur ammirando Mel Gibson e il film da lui interpretato , sono pienamente d'accordo con Giorgio C. , e in disaccordo con Russel , sul parere da lui espresso sul film su Rob Roy , eroe realmente esistito nella storia della Scozia , non un " Robin Hood " di seconda mano . Liam Nesson è un grande attore , e , guarda caso ! E' anche scozzese ( non australiano )cosa che non stona affatto , nel contesto del film ! Che ne dite ?

  • User Icon

    Giorgio C.

    26/03/2005 11:08:58

    Non si puo condividere alcuni giudizi di Russell, che compie un errore tecnico e un altro di preferenze artistiche, non me ne voglia la li segnalo qui di seguito. Il primo giudica il film anche dal punto di vista dei doppiatori, cosa inutile poichè Neeson non ha bisogno di Luca Ward per parlare. I film devono o dovrebbero essere visti in lingua originale con sottotitoli, noi italiani non lo capiremo mai e resteremo provinciali anche per questo. Il secondo errore e di dire che Liam Nesson non recita bene, giudizio estetico, quindi personale, quindi opinabile. Dal canto mio sottolineo che L'irlandese Liam e ottimo anche qui ed e uno dei pochi attori che, quando compaiono sulla scena, catalizza l'attenzione dello spettatore. A qui un ottimo contraltare in Tim Roth cattivo violento e sopraffino. Sul film in genere, che parla di un eroe realmente esistito (Roby Hood la critica becera se lo poteva risparmiare), si può dire che e più che sufficente. Ha però avuto la sfortuna di uscire nel 1995 quando un altro, misconosciuto hai più, eroe scozzese Wiliam Wallace e stato portato al cinema da Mel gibson (Un australiano o_O). Naturalmente con l'atra pellicola non può reggere il confronto. Consiglio comunque la visione se amate, come me , il settecento e per il duello finale tra Roth e Nesson. Scritto benissimo mostra le differenze psicologiche dei due personaggi attraverso le loro distinte tecniche di combattimento.

  • User Icon

    maurizio

    20/04/2004 21:26:21

    Rende molto bene l'ambientazione. La trama e' un po' scontata. Eccellente Tim Roth.

  • User Icon

    Russell

    14/12/2003 15:16:42

    Non bastano i paesaggi naturali della Scozia (che lasciano letteralmente senza fiato) o i bei costumi x fare di questo film un capolavoro. Liam Neeson non è affatto credibile nei panni di questo "tarocco" di Robin Hood (com'è stato soprannominato dalla critica). Ben + interessante Tim Roth (che però non trova nel suo doppiatore Italiano un alleato). Luca Ward invece (che doppia Neeson) si conferma grandioso ma purtroppo non basta x salvare il film. Con gli stessi mezzi Mel Gibson ha fatto molto meglio.....

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Produzione: MGM Home Entertainment, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 139 min
  • Lingua audio: Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Olandese; Francese; Spagnolo; Portoghese; Svedese; Danese; Norvegese; Finlandese; Polacco
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; note di produzione
  • Allegati: booklet
  • Liam Neeson Cover

    Propr. William John N., attore irlandese. Adolescente appassionato di boxe, si orienta inizialmente verso l'insegnamento, ma nel 1976 decide di unirsi a una compagnia teatrale di Belfast. Durante uno spettacolo a Dublino viene notato dal regista J. Boorman, che gli offre una parte in Excalibur (1981). Dopo alcuni ruoli di contorno, accanto a Cher e a D. Keaton, fa il suo debutto come protagonista: è lo scienziato dal volto sfigurato (e mascherato) in Darkman (1990) di S. Raimi. È ancora una volta il palcoscenico (questa volta Broadway) a portargli fortuna: colpito dal suo carisma, S. Spielberg gli affida il ruolo di protagonista in Schindler's List (1993), appassionato dramma sull'olocausto. Nei panni dell'eroe scozzese Rob Roy (1995) di M. Caton-Jones e in quelli del rivoluzionario irlandese... Approfondisci
  • John Hurt Cover

    "Propr. J. Vincent H., attore inglese. Si dedica dapprima alla pittura e poi al teatro, frequentando l'Accademia d'arte drammatica di Londra e specializzandosi in Shakespeare. Alla sua terza apparizione cinematografica è già nel cast di Un uomo per tutte le stagioni (1966), dramma storico diretto da F. Zinnemann vincitore di cinque Oscar. I numerosi film successivi mostrano un attore capace di dosare l'aplomb britannico con sotterranee suggestioni emotive, rifuggendo così da primeggianti ruoli forti e sanguigni a favore di figure defilate, spesso sinistre, ma sempre significative e godibili. Affianca così R. Attenborough in L'assassino di Rillington Place n. 10 (1970) di R. Fleischer; precipita negli orrori del carcere turco di Fuga di mezzanotte (1977) di A. Parker e si imbarca sull'astronave... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali