Il romanzo della nazione

Maurizio Maggiani

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 12 gennaio 2017
Pagine: 297 p., Brossura
  • EAN: 9788807888953
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione

"Siamo storie, siamo le storie a cui abbiamo appartenuto, siamo le storie che abbiamo ascoltato. E infatti Maggiani ascolta. Ascolta il fiume di voci che si leva nel canto della nazione che avremmo potuto essere e che non siamo, le voci di un popolo rifluito dentro l'immaterialità della memoria. Si insinua nelle pieghe della vita apparentemente ordinaria dei suoi personaggi e racconta. Racconta di una madre e di un padre che si spengono portando con sé, prima nella smemoratezza e poi nella morte, un mondo di certezze molto concrete: la cura delle cose, della casa, dei rapporti parentali. Rammenta la fatica giusta (e ingiusta) di procurarsi il pane e di stare appresso a sogni accesi poco più in là, nella lotta politica, nella piana assolata quando arriva la notizia della morte di Togliatti. Racconta, allestendo un maestoso teatro narrativo, della costruzione dell'Arsenale Militare: un cantiere immenso, ribollente, dove accorrono a lavorare ingegneri e manovali, medici e marinai, ergastolani e rivoluzionari, cannonieri e fonditori, inventori e profeti, cuoche e ricamatrici, per spingere avanti destini comuni, avventure comuni, speranze in comune. Racconta di come si diventa grandi e di come si fondano speranze quando le speranze sono finite. Mai si era guardato negli occhi di un padre così a fondo per domandare una sorta di muto perdono, più grande della vita. Nella mitica contea di Maurizio Maggiani ci siamo tutti, a misurare quanto siamo stati, o meno, 'fondatori di nazioni'."

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ant

    29/02/2016 19:48:10

    Un titolo emblematico che Maggiani vuol dedicare all'Italia,alla nazione agognata e desiderata e che non si è mai realizzata così come avrebbe potuto. Intrecciate in questo romanzo le storie familiari dello scrittore con quelle del personale, tra cui suo padre, che lavorava al Regio Arsenale di La Spezia tra '800 e '900. Nasce in quel periodo il progetto di costruire la "Dandolo" la corazzata più potente del mondo, le mestranze arrivavano da tutta Italia, e Maggiani è abile a collegare le aspirazioni, i sogni e le aspettative delle persone che si prodigarono nella costruzione della nave , e soprattutto le brame e i desideri di una nazione intera che sembrava poter ambire a un futuro di dominio e che invece poi.. Concludo estrapolando un passaggio in cui l'autore parla della differenza tra il legame che un figlio può avere con un padre rispetto alla madre(p21): ...una madre te la porti dietro dappertutto.Un padre sa essere un bravo inseguitore , l'occhio di D i o che insegue la sua creatura prediletta fino in capo al mondo....la madre la creatura prediletta se la porta con sé, incistata nelle interiora più profonde, nelle terminazioni nervose, nel midollo delle ossa, nei coni e nei bastoncelli della retina. Alla madre non servono neppure gli occhi , per scrutare e indagare e spiare le bastano gli occhi di suo figlio... Penna profonda quella di Maggiani, bravo

  • User Icon

    jane

    15/02/2016 18:31:24

    È difficile che faccia fatica a leggere un romanzo, ma terminare questo mi è costato molto, forse perché non mi piaceva: l ' ho trovato farraginoso e dispersivo, lento e al tempo stesso concitato, mi ha dato fastidio per l' aria apparentemente umile, in realtà petulante e supponente, e il linguaggio retorico e finto-popolare.

  • User Icon

    Soulfly

    10/02/2016 09:09:54

    Più che un romanzo della nazione mi è sembrato il romanzo dell'albero genealogico di Maggiani...scherzi a parte, mi è sembrato che il romanzo per 2/3 sia un po' troppo malinconico ed incentrato sulle vicende personali piuttosto che su quelle della nazione. Nelle ultime 100 pagine invece ho ritrovato il solito grande Maggiani, ma non bastano per avere le 5 Stelle.

  • User Icon

    Alberto

    28/01/2016 14:59:37

    A me è piaciuto, scritto bene,e commuove, come del resto si commuoveva l'autore,quando lo presentava,nelle varie ospitate in tv.Finalmente ho ritrovato il Maggiani de "Il coraggio del pettirosso". Ognuno ha la propria opinione,ma non credo che sia così negativo....

  • User Icon

    vittorio pisa

    09/12/2015 15:43:35

    Pretenzioso e autoreferenziale. A dispetto del titolo, un romanzo dal respiro corto. Noioso e sopravvalutato.

  • User Icon

    Stefano

    01/12/2015 00:04:37

    Assolutamente noioso e auto gratificante. Non sono riuscito a seguire i pensieri dell autore certamente per mia mancanza. Per carità scritto bene (salvo le doppie ripetizioni dei possessivi da matita rossa o forse in omaggio ai signoroni della corrente alternata o continua o cosa....). giudizio personale decisamente negativo

  • User Icon

    aldo

    26/09/2015 09:48:46

    semplicemente splendido...una grande scrittura...spero che vengano ripubblicati i suoi primi libri..

  • User Icon

    mak73

    25/09/2015 12:08:54

    struggente e onirico. Come Fellini in Amarcord, Maggiani orchestra immagini, visioni e ritmi narrativi

  • User Icon

    carlo

    19/09/2015 12:05:43

    Libro che non mi ha soddisfatto. La parte più bella è l'epilogo. Ho faticato a seguire le varie vicende e non mi ha emozionato ne attratto. Speravo meglio da Maggiani

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione