Rugantino

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1973
Supporto: DVD
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (11 offerte da 5,90 €)

Nella Roma dell'Ottocento, un giovinastro scommette con alcuni amici di portarsi a letto la bella moglie di un uomo assai geloso, riesce nell'impresa, ma la bravata gli costa più di quanto aveva immaginato.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ernesto

    10/09/2012 21:56:13

    Mi secca ammetterlo ma il finale mi ha lasciato gli occhi lucidi. Perche Rugantino sarà pure uno sbruffone, un pagliaccio, uno che racconta frottole, ma alla fine per amore saprà morire da uomo vero. Caudia Mori e Adriano Celentano, che altro dire, una coppia straordinaria, insieme ormai da quasi 50anni. Complimenti.

  • Produzione: Titanus Distribuzione Video, 2010
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 108 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Pasquale Festa Campanile Cover

    (Melfi 1927 - Roma 1986) scrittore e regista italiano. Lavorò come sceneggiatore per D. Risi e L.Visconti (Rocco e i suoi fratelli, Il Gattopardo). È autore di romanzi: La nonna Sabella (1957), Il ladrone (1978, premio Campiello), La ragazza di Trieste (1982), Per amore, solo per amore (1983, premio Campiello) La strega innamorata (1985). Tra i film da lui diretti (per lo più commedie all’italiana, satiriche, erotiche o di costume), Le voci bianche (1962), Rugantino (1973). Approfondisci
  • Adriano Celentano Cover

    "Cantante, attore e regista italiano. Star fra le più luminose del firmamento musicale-leggero, cinematografico-comico e televisivo-popolare italiano per quasi mezzo secolo, si afferma come cantante rock della prima ora nella seconda metà degli anni ’50. Divenuto presto famoso come «il molleggiato» per il suo dinoccolato modo di muovere le gambe mentre canta (a metà fra E. Presley e J. Lewis, che imita esplicitamente), appare come sé stesso in molti film di canzoni, ma soprattutto nella celebre scena del night club alle Terme di Caracalla in La dolce vita (1960) di F. Fellini. Già all’apice del successo, all’inizio degli anni ’60, crea una propria «scuderia-casa discografica» – il Clan – e, puntando sulla simpatia che ispira il suo personaggio, debutta anche come attore in Uno strano tipo... Approfondisci
Note legali