Traduttore: M. Biondi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806220693
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianni F.

    08/10/2017 22:44:24

    Un romanzo impegnativo anche a causa dell'argomento tristemente d'attualità. La scorrevolezza spesso ne risente però la classe narrativa di Delillo é sempre cristallina

  • User Icon

    carolina65

    07/04/2017 14:15:54

    Fa riflettere sul vuoto straniante delle nostre esistenze postmoderne, tuttavia concordo con Raffaele sul senso di disagio associato alla lettura, forse legato alla descrizione dei personaggi, troppo bizzarri e caricaturali, quasi disumani.

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    10/11/2014 14:40:54

    «White Noise» ha qualcosa di demoniaco, sia nell'idea iperbolica alla base della trama che nell'analisi delle conseguenze della sua applicazione. Per certi versi, è legittimo considerare questo romanzo una "Totentanz" postmoderna, nella quale alcuni soggetti semi-morti che cercano ossigeno nei centri commerciali delle grandi città (visti come templi religiosi) si scontrano un po' per volta con altri zombie, che DeLillo ha voluto vedere nella casta intellettuale dei docenti universitari. Ma non ne scaturisce certo una lotta di classe. Al contrario, la minaccia del pericolo concreto (una nube di gas forse mortale, forse no) smonta tutti i personaggi mostrandone l'immensa miseria umana e quasi facendoli sentire di nuovo parzialmente vivi. Non è certo un caso, se il prof. Gladney è uno studioso dell'ideologia che per eccellenza ha sacralizzato la morte, il nazismo, ma in realtà continua a millantare un credito che non possiede realmente: è anche lui uno zombie che non ha capito di essere morto da molto tempo, come tanti docenti universitari! Un'idea favolosa che l'autore sa sviluppare con una freddezza e una spietatezza assolute, senza alcuna empatia. E così deve essere.

  • User Icon

    Raffaele

    10/09/2014 23:02:34

    E' il terzo romanzo di De Lillo che leggo ed anche questo mi è sembrato di alto livello, la storia è originale, il tema trattato è molto profondo ed il finale perfetto, insomma si vede la mano del grande Autore; eppure in ogni suo romanzo c'è sempre qualcosa che non mi convince appieno, ma non riesco ancora a capire cosa. Dovrò leggerne ancora.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione