DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Saint Germain the Deathless

Andrew Lang

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Jovian Press
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 330,3 KB
  • EAN: 9781537823386
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Among the best brief masterpieces of fiction are Lytton's The Haunters and the Haunted, and Thackeray's Notch on the Axe in Roundabout Papers. Both deal with a mysterious being who passes through the ages, rich, powerful, always behind the scenes, coming no man knows whence, and dying, or pretending to die, obscurely—you never find authentic evidence of his decease. In other later times, at other courts, such an one reappears and runs the same course of luxury, marvel, and hidden potency.
Lytton returned to and elaborated his idea in the Margrave of A Strange Story, who has no 'soul,' and prolongs his physical and intellectual life by means of an elixir. Margrave is not bad, but he is inferior to the hero, less elaborately designed, of The Haunters and the Haunted. Thackeray's tale is written in a tone of mock mysticism, but he confesses that he likes his own story, in which the strange hero, through all his many lives or reappearances, and through all the countless loves on which he fatuously plumes himself, retains a slight German-Jewish accent. It appears to me that the historic original of these romantic characters is no other than the mysterious Comte de Saint-Germain...
  • Andrew Lang Cover

    (Selkirk 1844 - Banchory 1912) scrittore scozzese. Autore di notevoli lavori nel campo del mito, del folclore e della fiabistica, è noto anche per i suoi studi su Omero. La sua traduzione in prosa dell’Odissea (1879) e dell’Iliade (1883) è ancora diffusa nel mondo anglosassone. Raccolse un prezioso e celebre repertorio di fiabe nei dodici volumi che vanno dal Libro azzurro delle fate (The blue fairy book, 1889) al Libro lilla delle fate (The lilac fairy book, 1910). Scrisse egli stesso alcune fiabe come Il principe Prigio (Prince Prigio, 1889) e Il principe Riccardo di Pantuflia (Prince Ricardo of Pantouflia, 1893), tra le migliori dell’epoca vittoriana. Delle altre opere di L. si ricordano: Mito, rito e religione (Myth, ritual and religion, 1887), la Storia della Scozia (History of Scotland,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali