Categorie

Roberto Satolli

Editore: Dedalo
Collana: La scienza nuova
Anno edizione: 1990
Tipo: Libro universitario
Pagine: 328 p.
  • EAN: 9788822001900

scheda di Bobbio, M., L'Indice 1991, n. 5

Uno dei limiti della divulgazione medico-scientifica consiste nell'indurre nel pubblico la convinzione che esistano verità rivelate, risultati inconfutabili e dogmi a cui assoggettarsi ciecamente. Questo dipende in parte dalla schematizzazione di concetti complessi e dalla semplificazione di sfumature concettuali, ma dipende anche dall'abitudine di presentare i risultati delle ricerche senza tenere conto del metodo che li ha generati e dal sensazionalismo a cui spesso si indulge nel fornire le notizie: un'ipotesi di studio è già un dato acquisito e la sostanza sperimentata su otto cavie "è il rimedio finalmente risolutivo che migliaia di pazienti aspettavano". La conoscenza scientifica non procede per grandi salti. La ricerca produce piccole tessere che contribuiscono a interpretare l'intero mosaico. Ogni tessera non ha un significato proprio, ma assume un valore in relazione alle tessere che la circondano. Roberto Satolli su questi concetti ha condotto una proficua serie di articoli nella rubrica "Il polso della medicina" sulla rivista "Sapere" e ha impostato la rivista "Tempo medico", che tuttora dirige. Questo giornale si discosta con autorevolezza dal panorama della stampa medica, per la scelta dei temi affrontati, per un pizzico di autocritica, di stimolo alla riflessione, in particolare sull'etica medica. Il libro è un'istruttiva raccolta di articoli, in cui vengono messe in discussione verità acquisite, vengono sollevati dubbi su certezze scientifiche, attraverso un viaggio non sistematico (purtroppo) nel malessere della medicina moderna. Secondo Satolli si può modificare l'immagine approssimativa che il pubblico ha della scienza e si può migliorare il rapporto tra medico e paziente solo se si dà maggiore peso al metodo che non ai risultati, in modo da offrire ai lettori e ai pazienti un modello interpretativo e non solo informazioni che andranno via via gettate con il progredire delle conoscenze.