Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 1986
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: 106 p.
  • EAN: 9788806593636
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,02

€ 8,26

Risparmi € 1,24 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 


recensione di Brioschi, F., L'Indice 1986, n.10

"Sto lavorando a una sequenza poetica più o meno ironicamente ricalcata sui modi della poesia trobadorica provenzale e del 'Minnesang' germanico. L'io di queste poesie e una specie di cantore-cavaliere che viaggia un po' in tutti i tempi (pare che abbia persino preso parte, lui che parla come un poeta del XII o XIII secolo, alla battaglia della Montagna Bianca, presso Praga, che ebbe luogo nel 1620!) e attinge a materiali di varie culture ('cavalca' per esempio 'una tigre'!)". Così, nel 1984 (cfr. "Viola e durlindana: riflessioni sulla lingua", poi ristampato in "La dama non cercata", Mondadori, Milano 1985), Giudici descriveva "Salutz". Iniziata giusto in quei mesi, subito dopo la pubblicazione di "Lume dei tuoi misteri"(1984), e portata a termine a distanza di due anni, questa nuova "sequenza" viene oggi a confermare una felicità di disposizione poetica che, a partire da "Il ristorante dei morti" (1981), non trova riscontro alcuno nei nostri anni '80: nessun altro autore di versi, voglio dire, ha in questi anni precisato e innalzato la propria fisionomia come a Giudici è riuscito di fare, n‚ arricchito il proprio canzoniere con così costante vena e qualità di risultati.
Il "cantore-cavaliere" di "Salutz" indirizza alla sua dama ("Minne, Midons, Domna") una sorta di rievocazione e commiato, secondo le suggestioni del genere trobadorico "prevalentemente amoroso" a cui il titolo appunto si richiama, contaminate dal ricordo della "lettera epica" scritta nel 1205 da Raimbaut de Vaqueiras al marchese Bonifacio di Monferrato, che con la sua "garbata ma ferma richiesta di riconoscimento per i servigi resi" ha prestato a Giudici, come racconta la "Nota dell'autore", la prima idea del libro. Ancora una volta, dunque, Giudici sceglie di oggettivare l'io lirico in un personaggio costruito e messo in scena a recitare i suoi monologhi-dialoghi, a dare un corpo di parole ai fantasmi della sua esperienza. E ancora una volta, in questo personaggio, riconosciamo alcuni tratti salienti di quelli che l'hanno preceduto: un sentimento di trepida creaturalità, minacciata e offesa nelle sue aspirazioni più elementari, e insieme qualcosa come un arreso disgusto di sé, che lo induce a esibire la sua fragilità umana come viltà complice o colpa, in una rappresentazione volutamente degradata del proprio smarrimento esistenziale ("Quanto scavai quanto scavai nel tetro / Buio budello eterno / A districare spaghi rappezzando / Miei stracci di ricordo ragno e talpa", "Fu nostra parte il nero della stiva / Ansimando su e giù / Alla galera al remo alla deriva").
Una sindrome siffatta ha saputo tradursi, dall'uno all'altro libro di Giudici, in una pluralità straordinariamente plastica di situazioni, avvenimenti, ritratti: e a buon diritto la sua opera è stata definita il più imponente episodio di "realismo poetico" del nostro dopoguerra. Ma il termine merita alcune precisazioni. "Realismo" è per Giudici anzitutto un'attitudine nei confronti della lingua: questo italiano divenuto "lingua nazionale dell'uso" proprio con la generazione a cui egli appartiene (e che già per questo di fatto si distingue dalla generazione anche solo immediatamente precedente di un Sereni o di uno Zanzotto); questa "lingua di comunicazione" che è al tempo stesso una lingua mortificata, "scribacchiata da pletore di giornali, riviste e cattivi libri, gracchiata da milioni di radioline, offesa da valanghe d'impostura pubblica e privata, stravolta dalle smorfie dei pupazzi televisivi, saccheggiata dal sistematico perseguimento del sensazionale, blaterata dai falsi maestri del pensiero..." (cfr. "Un paese di dialettanti", 1982, poi in "La dama non cercata", cit.); questo nuovo volgare insomma, il cui trionfo è anche e contemporaneamente sfacelo, nella sua "variante colta milano-romanese" o nella sua "variante umile tosco-genovese", è scelto sin dall'inizio a materia e luogo della propria "quˆte". Qui egli ricerca, come un poeta delle origini, le virtualità riposte, le avventurate coincidenze che la trascolorino in lingua d'arte (e si veda ancora, in proposito, il citato "Viola e durlindana"). Tale attitudine risolutamente ostile a ogni lingua poetica prefabbricata e separata, anche se memore di una sua propria tradizione elettiva da Pascoli a Saba, ha certo trovato spontaneamente espressione in modi che potremmo qualificare (appunto in senso stilistico-retorico) come comico-realistici: ma forse sarebbe più corretto parlare di una naturale disposizione alla contaminazione e alla mescolanza dei registri, costantemente incalzata, a sua volta, da un prodigioso fervore ritmico, da un senso visionario della parola come presenza fisica, dal virtuosismo di una sintassi ora scorciata, fitta di inversioni, ellissi, nominalizzazioni, anacoluti, ora precipite in sequenze parallelistiche fino alla sublime tiritera.
Assiduo e accanito fabbro del parlar materno, Giudici ha bensì spesso affidato alle sue "maschere" un'ottica "realistica"; ma era questo piuttosto "un realismo dimezzato e preterintenzionale", come è stato acutamente osservato, il realismo "di chi è costretto ad una assoluta contiguità con gli oggetti, e tiene conto della realtà perché non può sorvolare su di essa: ne è investito in pieno, giorno e notte, nelle sue ansie coscienti e nei suoi agitati dormiveglia". In fondo il personaggio che egli mette in scena è sempre, in una sua maniera mite e senza pretese, apparentato ai personaggi di Kafka, e comunque già ci ha messi sull'avviso con un suo presago apoftegma: "Non cerco la tragedia, ma ne subisco la vocazione". Allora si capisce perché, quando la "realtà" che ora lo assedia è quella "fin troppo lacrime-e-sangue" evocata in "Salutz", la tensione tra linguaggio figurativo e colloquio interiore, tra mondo pubblico e ossessioni private, si accentua a favore del secondo termine. Ciò che sorprende, semmai, è l'esito di una svolta così delicata.
Con il suo "cantore-cavaliere", Giudici rivisita infatti la topica cortese dell'amore come esperienza esclusiva, nella variante però (più ardua e inconsueta) di conflitto, lacerazione, catastrofe: traducendola, con una reinvenzione dalla riuscita affatto originale, nella topica tutta moderna della nevrosi, della regressione all'ancestrale, della pulsione di morte. Alla struttura numerologicamente elaborata del libro (sette sezioni di dieci poesie, ogni poesia di quattordici versi per una somma di 980, a cui si aggiunge un Lais di venti versi portando il totale a mille) fa riscontro, sul piano stilistico, la tendenza a ricomporre la varietà dei moduli espressivi (dagli intarsi preziosi agli stranierismi, dal calco illustre al termine triviale) in una sorta di intenso, consumatissimo trobar clus che l'agio degli impeccabili endecasillabi e settenari (i due versi prevalenti in quasi tutte queste liriche) finisce spesso per porre in risalto proprio mentre lo scioglie in evidenza cantabile.
Il dispiegamento delle risorse di un mestiere ormai così interamente posseduto da esser diventato seconda natura, lungi dal coincidere con un esercizio più disteso e distaccato dell'arte, sembra al contrario assecondare un'urgenza oscura e inquietante: "quelle Muse-Furie che tuttavia mi perseguitano, impedendomi di adagiarmi, di spegnermi come vorrei, di annullarmi nel mare del non esserci..." (cfr. "La musa inquietante", 1983, poi in "La dama non cercata", cit.). Più ancora che alla conquista di uno stile "tragico", il trobar clus di Giudici si dischiude a una dimensione - propriamente "mistica" - un ansioso misticismo esistenziale che è forse la nota più nuova della sua ultima, più matura poesia. Ne risulta un libro certo difficile, che si rischiara solo a una lettura pazientemente compitata: ma ammirevole sempre, per l'incontrovertibile esattezza di certe variazioni su tema assegnato, la capacità di condensare il vagheggiamento iperletterario di cadenze, clausole, ritmi dimenticati con l'impegno in una scommessa vitale che non consente di essere elusa.
Giudici ha saputo, nella sua lunga carriera, condurre una personalissima, instancabile sperimentazione senza mai essere un poeta istituzionalmente sperimentale, ha fatto proprie tutte le malizie dell'arte senza nulla concedere al formalismo letterario; vietandosi nel suo artigianato la seduzione di scorciatoie risolutive, ha voluto presentarsi come un umile alunno delle Muse. Per una ragione o per l'altra, o magari anche solo per averlo preso troppo alla lettera, molti di noi hanno finito per attribuirgli una vocazione di poeta minore, certo di grande talento e perfettamente compiuto nel suo genere, ma pur sempre minore Forse proprio in forza di tali ragioni la sua opera ha finito invece per smentirci. Nei nostri anni '80, caratterizzati significativamente (a differenza dello scorso decennio) più dalle fortune del verso che della prosa narrativa, ma più per merito di alcuni "grandi vecchi" (Caproni, Fortini o Zanzotto) che non dai molti giovani Orfei, non è forse un caso se a lui meglio che ad altri è riuscito di affiancarsi con piena autorità a questi rari maestri della poesia contemporanea.