Sant'Agostino - Christoph Horn - copertina

Sant'Agostino

Christoph Horn

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: P. Rubini
Curatore: P. Kobau
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 14 aprile 2005
Pagine: 204 p., Brossura
  • EAN: 9788815098214
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,48

€ 12,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sant'Agostino (354-430), retore e vescovo nordafricano, non ha soltanto influenzato in misura decisiva la storia ecclesiastica e la teologia dell'Occidente, ma anche svolto un ruolo di primo piano nella storia della filosofia come mediatore e interprete del pensiero antico. Docente al Philosophisches Seminar dell'Università di Tubinga, Horn offre in questo libro un profilo del grande dottore della Chiesa autore delle "Confessioni".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Mauro Lanari

    12/10/2011 17:58:22

    "Sulla cassa che nel suo monastero custodiva i libri dell'Ipponate, Isidoro di Siviglia (560-636) poteva leggere la scritta: 'Chi afferma di aver letto tutto ciò che è qui contenuto è un bugiardo'" (p. 20). Horn sintetizza Agostino in circa 150 pagine, e paradossalmente fallisce perdendosi in lungaggini e ripetizioni. Il libro è una miniera di notizie preziose e dettagliate, ripercorre con minuzia l'opera del più celebre Dottore della Chiesa e ne elenca pro e contro non esimendosi da un giudizio personale a volte severissimo: Agostino "abbandonò il modello di una libera adesione al cristianesimo [...] per adottare l'idea che la Chiesa fosse autorizzata a usare mezzi coercitivi contro gli eretici. In ciò, l'Ipponate si richiamava alla parabola evangelica degli invitati obbligati a prendere parte al banchetto nuziale ('compelle intrare', Luca 14, 23)" (p. 18). "E ben poco razionale appare anche la dottrina in base a cui il senso della creazione dell'uomo consisterebbe nel ripristinare, aggiungendovi gli eletti, il numero dei beati che risulta diminuito in séguito alla caduta degli angeli ribelli: la maggioranza degli uomini" sarebbe una "massa damnationis" o "perditionis", "una posizione inconsistente dal punto di vista filosofico e insostenibile dal punto di vista etico" (p. 34). Qui i riferimenti bibliografici sono assenti o sbagliati, però il vero problema sta nell'insistere nel (neo)platonismo di tale concetti fino alla teologia negativa derivante dall'ineffabilità dell'Uno (p. 145), al che il "doctor gratiae" diventa fonte di disgrazia per il suo Dio-tutt'altro (p. 162; cf. pure Balthasar). E le "Retractationes" raddoppierebbero il negativo già espresso nelle "Confessiones". Invece l'"analogia entis" è presente eccome, basta ricordare con Christine Mohrmann "il triplice significato che 'confessio' prende nel latino dei cristiani": "confessio peccati et fidei et laudis", confessione non solo di peccati ma pure di fede e di lode verso un Dio d'amore e misericordia.

Note legali