Satanism and witchcraft

Satanism and witchcraft

Jules Michelet

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,02 MB
  • EAN: 9786050370027
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A strong and bright and vigorous religion, such as was Greek Paganism, begins with the Sibyl, to end with the Sorceress. The first, a virgin fair and beautiful, brilliant in the full blaze of dawn, cradled it, gave it its charm and glamour. In later days, when sick and fallen, in the gloom of the Dark Ages, on heaths and in forests, it was concealed and protected by the Sorceress; her dauntless pity fed its needs and kept it still alive. Thus for religions it is woman is mother, tender protectress and faithful nurse. Gods are like men; they are born and they die on a woman's breast.

But what a price she paid for her fidelity! . . . Magian queens of Persia, enchanting Circé, sublime Sibyl, alas! how are you fallen, how barbarous the transformation you have suffered! . . . She who, from the throne of the Orient, taught mankind the virtues of plants and the motions of the stars, she who, seated on the Delphic tripod and, illumined by the very god of light, gave oracles to a kneeling world, is the same that, a thousand years later, is hunted like a wild beast, chased from street to street, reviled, buffeted, stoned, scorched with red-hot embers! . . .
  • Jules Michelet Cover

    (Parigi 1798 - Hyères, Provenza, 1874) storico e saggista francese. Fu direttore della sezione storica degli Archivi nazionali (1831) ed ebbe la cattedra di storia del Collège de France (1838), ma le sue idee liberali gli procurarono l’allontanamento da entrambe le cariche. Per M., uno dei protagonisti della storiografia romantica, la storia doveva essere «la resurrezione della vita integrale del passato», operata mediante il documento, il simbolo e la poesia, e rivissuta con appassionata (e talora enfatica) partecipazione. Le sue opere più famose sono la Storia di Francia (Histoire de France, 1833-44, 1855-67), storia che egli interpreta come una lunga rivolta contro il dispotismo, e la Storia della Rivoluzione (Histoire de la Révolution, 1847-53). Nella sua vasta produzione non mancano opere... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali