Satch Plays Fats - Vinile LP di Louis Armstrong

Satch Plays Fats

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Louis Armstrong
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Wax Time
Data di pubblicazione: 17 marzo 2014
  • EAN: 8436542015073
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Fats Waller è stato uno dei pianisti più importanti e geniali della storia del jazz. Durante la sua breve vita (morì a 39 anni), Waller è stato estremamente popolare e ha registrato centinaia di canzoni. L’omaggio di Louis Armstrong a Fats Waller è stato realizzato poco più di un decennio dopo la morte di quest'ultimo. Louis e Fats si conoscevano dal 1929, e tra il 1929 e il 1932 Armstrong aveva registrato diverse composizioni di Waller, tra cui “Black and Blue” e “Ain’t Misbehavin’” che sarebbero diventate parte integrante del suo repertorio. Armstrong è accompagnato in questo album da una delle migliori formazioni della sua All Stars, con Barney Bigard al clarinetto, Trummy Young al trombone, Billy Kyle al piano, Arvell Shaw al contrabbasso e Barrett Deems alla batteria, a cui si aggiunge su alcune tracce la cantante Velma Middleton.
  • Louis Armstrong Cover

    Trombettista e cantante statunitense. Personalità fra le più grandi del jazz, del quale fu per tutta la sua carriera un simbolo, A. si formò nella natia New Orleans. Nel 1918 entrò nella «band» di Kid Ory, poi, nel 1919, suonò sui battelli del Mississippi con Fate Marable e nel 1922 fu chiamato a Chicago da King Oliver, come seconda cornetta della Creole Jazz Band, con la quale incise i primi dischi nel 1923. Dopo essere stato nell'orchestra di Fletcher Henderson, nel 1925 fondò gli Hot Five (poi divenuti Hot Seven), i cui dischi testimoniano la rivoluzione operata da A., sia sul piano ritmico, sia nell'affermazione – di contro alla polifonia fino ad allora dominante – del solismo. Nel 1928, con nuovi solisti, formò i secondi Hot Five (memorabile incisione: West End Blues) e dagli anni Trenta... Approfondisci
Note legali