Editore: TEA
Collana: Narrativa Tea
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 settembre 2012
Pagine: 132 p., Rilegato
  • EAN: 9788850229185
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il Brenta da una parte, il Piovego dall'altra. Due corsi d'acqua stringono a tenaglia una terra piatta, umida e tignosa dove l'afa d'estate è mortifera. Tra queste campagne c'è San Vito Oltrebrenta. Una chiesa, tre condomini e qualche villetta su una strada lunga e dritta che spacca in due l'intero paese. Con un bar da una parte e uno dall'altra. In mezzo, cinesi, zingari, una banda scalcinata di delinquenti locali, una statua di Sant'Antonio e un carabiniere che crede di sapere il fatto suo. Un romanzo che gioca con i dialetti, i colori, il sangue e le corrotte geometrie umane e sociali di una terra epica.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lude70

    21/06/2013 09:08:27

    Bravissimo Matteo. MEravigliosa scoperta. Sono di parte forse in quanto nato a poche centinaia di metri da quel San Vito tanto ben descritto e rappresentato. I personaggi sono pittoreschi, ma proprio per questo assolutamente veri, reali, Berto Negro...i bar sono pieni di questi profili! Grazie Matteo

  • User Icon

    Graziano

    21/11/2012 20:54:59

    a me è piaciuto molto

  • User Icon

    luca bidoli

    12/11/2012 09:30:25

    Dunque, a mio modesto avviso, non ci siamo. Non ci siamo proprio, per niente. Buoni i propositi, forse,ma la trama sa di ovvio e di risaputo con un finale che è, presumo involontariamente, più che grottesco, ridicolo. Toni da tragedia per partorire il classico topolino, anche come sceneggiatura. Perchè sa di televisivo, tutto questo, con diloghi che si alimentano di situazioni da piccolo schermo. Scherno, forse per il lettore? Ironia volontaria d'un giovin autore? Non so, è probabile. Io, sinceramente, mi sono un po'annoiato, leggendolo. I veri protagonisti li ho scovati in un alcolizzato cronico, buon segno, e nei maiali, intesi come suini. Forse, ma è un mio limite, sia chiaro, il titolo più azzeccato sarebbe stato: suini padani. Avrebbe alimentato un'ambiguità che si fa, nel procedere della lettura, assoluta certezza. Peccato, perchè il ragazzo le qualità le avrebbe. Sine qua non.

  • User Icon

    Paolo Zardi

    18/12/2009 08:25:32

    “Savana padana” è una storia di confini: il confine tra le città venete e i campi di mais che si estendono per chilometri e chilometri; il confine, che come il muro di Berlino attraversa quartieri, strade, case, tra gli Italiani e i numerosissimi stranieri, più o meno accettati, più o meno integrati; il confine tra la ricchezza economica e la povertà culturale. In queste frizioni, Matteo Righetto cerca la polpa per la propria storia: che è una storia noir e pulp allo stesso tempo, sanguigna e sanguinolenta, a tratti grottesca, fatta di eccessi e di contrasti, politicamente scorretta fino a diventare parodia Costruito con la forza di un plot cinematografico, serrato nel climax di orrori sempre crescenti, ridotto quasi all’osso dal punto di vista della lingua (che ricorre spesso a idiomi dialettali, o all’uso di lingue straniere), “Savana padana” arriva fino all’ultima pagina senza perdere mai ritmo, forza, intensità. E alla fine, l’impressione che rimane è che l’epica sgangherata, puzzolente, senza speranze, ridicolmente tragica e tragicamente ridicola di questi antieroi sia veramente l’unica epica ancora possibile. Almeno nel Veneto del ventunesimo secolo.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione