La scala a chiocciola (DVD)

The Spiral Staircase

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Spiral Staircase
Paese: Stati Uniti
Anno: 1946
Supporto: DVD
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,90 €)

Nel 1904 una piccola città americana è terrorizzata da un maniaco omicida che colpisce sempre donne con qualche menomazione fisica. Elena, una ragazza rimasta muta in seguito a choc, lavora presso la famiglia Warren come dama di compagnia dell’anziana Lady Warren, matrigna del professor Alberto Warren e madre di Stefano, scopre un cadavere in cantina e si ritrova subito perseguitata dal folle. Se la caverà per un pelo e lo spavento le farà riacquistare la parola...
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    massimo

    24/09/2019 11:20:51

    uno dei primi film in cui si parla di serial killer da vedere assolutamente

  • User Icon

    filippa

    07/09/2019 07:35:39

    Una grande suspense psicologica incredibile!

  • User Icon

    Carlo

    07/03/2019 09:17:47

    Un connubio perfetto tra giallo e thriller in cui la suspense e il mistero vengono perfettamente orchestrate all'interno di uno scenario tipico da film dell'orrore. La trama semplice ed essenziale viene magistralmente stravolta nella narrazione da un uso preciso e dettagliato di immagini suggestive e coinvolgenti che evidenziano nello specifico i forti contrasti di luce tra chiaro e scuro. È proprio sul contrasto tra bianco e nero, luce e ombra, che il regista si sofferma maggiormente aumentando in questo modo la percezione del terrore e del pericolo. Capolavoro imperdibile.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Cinema & Cultura, 2019
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Inglese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • Area2
  • Dorothy McGuire Cover

    Propr. D. Hackett M., attrice statunitense. Già attiva a Broadway, bellezza diafana dallo sguardo limpido, esordisce in Claudia (1943) di E. Goulding: ruolo da protagonista già interpretato in teatro. Al centro del reducismo tra fuga nella fantasia (Il villino incantato, 1945, di J. Cromwell) e realismo psicologico (Anime ferite, 1946, di E. Dmytryk) è luminosa vittima predestinata, priva della parola, in La scala a chiocciola (1946) di R. Siodmak. Intanto accompagna, non senza rigidezza, le prime regie di E. Kazan: melodrammi puntigliosi nella messa in scena (Un albero cresce a Brooklyn, 1945) ma ingessati (Barriera invisibile, 1947). Vivace nella commedia superficiale (Una sposa insoddisfatta, 1950, di C. Binyon) e di successo (Tre soldi nella fontana, 1954, di J. Negulesco) resta funzionale... Approfondisci
  • George Brent Cover

    Nome d'arte di G. Brendan Nolan, attore statunitense. Costretto a emigrare in Canada a causa della sua attività politica a favore dell'Irlanda, lavora per qualche stagione a Broadway e poi approda a Hollywood. Il suo volto affascinante e i caratteristici baffetti ne fanno il partner ideale di tutte le più grandi attrici dell'epoca. È accanto a G. Garbo in Il velo dipinto (1934) di R. Boleslawsky, a O. De Havilland in Occidente in fiamme (1938) di M. Curtiz, a B. Stanwick in Le tre sorelle (1942) di I. Rapper. Dà il meglio di sé al fianco di B. Davis, in melodrammi come Figlia del vento (1938) di W. Wyler e Tramonto (1939) di E. Goulding. Nel 1946 è protagonista del thriller psicologico La scala a chiocciola, capolavoro di R. Siodmak. Approfondisci
  • Ethel Barrymore Cover

    Attrice statunitense. Figlia degli attori Maurice B. e G. Drew e sorella di John e Lionel, a differenza dei fratelli si dedica quasi esclusivamente al teatro e a soli ventun'anni è già primattrice con C. Frohman, spiccando come prima interprete statunitense della Nora di Casa di bambola (1905) di Ibsen ma anche nei classici ruoli shakespeariani di Rosalinda in Come vi piace, Porzia nel Mercante di Venezia e Ofelia in Amleto. Tra i pochi film a cui prende parte si ricorda Rasputin e l'imperatrice (1932) di R. Boleslawski, in cui compare con i fratelli prima di abbandonare lo schermo per il prediletto palcoscenico. Torna al cinema con la bella parte della madre malata di C. Grant in Il ribelle (1944, Oscar come migliore attrice non protagonista) di C. Odets, a cui seguono ruoli minori ma esaltati... Approfondisci
Note legali