Traduttore: C. Crivellaro
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 360 p., Brossura
  • EAN: 9788865830352
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    28/09/2017 10:01:57

    Sempre molto bravo Fitzek a tenere alta la tensione per tutto il libro. L'ho letto in un periodo in cui non stavo bene quindi ci ho messo parecchio, quando mi capita di metterci troppo per finire un libro poi perdo il filo e mi passa la voglia di continuare, invece in questo caso la voglia di andare avanti a leggere non passa, anzi, nonostante qualsiasi malessere personale. Conoscevo già questo autore quindi immaginavo che anche questo suo libro sarebbe stato ottimo e non mi sbagliavo. Volendo essere pignoli l'unica cosa che si può contestare è la spiegazione un po' macchinosa, sicuramente surreale. Comunque ottimo.

  • User Icon

    simona

    11/05/2016 18:46:45

    Libro letto tutto d'un fiato .Ritmo incalzante e narrazione di "schegge" di vita ,dove non si sa più dove sta la realtà. consigliato

  • User Icon

    serialthriller

    15/04/2016 10:23:11

    L'unico romanzo che ho ammirato di questo autore. Consigliato

  • User Icon

    sara

    02/03/2015 17:09:01

    primo romanzo che leggo di Fitzek, non metto il massimo dei voti poichè all'inizio la trama mi stava prendendo,poi diventa lenta e un pò si perde..comunque carino..

  • User Icon

    Cloe

    25/07/2014 14:38:26

    Purtroppo non e' un libro che consiglierei di leggere. L'inizio del libro si puo' anche salvare, ma poi diventa pensante e noioso. Viene voglia di saltare le pagine. Il finale mi ha deluso.

  • User Icon

    paolo

    06/03/2014 08:53:37

    Fitzek ancora una volta mostra tutto il suo talento narrativo a raccontarci una storia incredibile mozzafiato che sembra un vero e proprio incubo da sveglio.Il finale e' come prendere un pugno nello stomaco.Assolutamente da non perdere.

  • User Icon

    Davide

    25/02/2014 12:26:46

    La prima parte è stata entusiasmante, un susseguirsi di colpi di scena per i quali ho fatto davvero fatica a posare il libro sul comodino per andare a dormire. Invece la parte centrale è stata un po' caotica, con tanti personaggi di difficile collocazione. Il finale invece un po' forzato, così come l'idea su cui ruota tutta la trama. Ho apprezzato particolarmente i due spoiler sulle altre opere dell'autore. Tuttavia mi sento di consigliarlo. Voto 4/5

  • User Icon

    federico

    30/12/2013 14:13:52

    prima parte davvero interessante...ho divorato le pagine del libro alla ricerca del perchè...ma purtroppo la parte centrale(molta confusione) e il finale sono stati a mio modesto parere piuttosto deludenti... peccato le premesse erano davvero ottime...

  • User Icon

    ferruccio

    11/03/2013 15:04:46

    Uno psicothriller sconcertante; è il mondo reale ciò che percepiamo oppure una nostra rappresentazione? il famoso filosofo Arthur Schopenhauer sarebbe contento di poter rispondere a questa domanda! Potremmo, dunque, pensare di vivere in un sogno costante e svegliarci all'improvviso e constatare che tutto è totalmente diverso, rischiando, nel contempo, di perdere la ragione. Un incubo reale o una realtà modificata dalla nostra mente? tutto ha un fine e tale fine giustifica i mezzi; ma anche in questo caso si pone un'ulteriore domanda: "il fine giustifica proprio TUTTI i mezzi?"

  • User Icon

    silvia

    07/01/2013 18:06:55

    Il problema è essenzialmente questo:mentre leggi pensi che non hai mai letto niente del genere,perchè effettivamente i colpi di scena,le ambiguità,i dubbi ti coinvolgono pienamente e disorientano..esattamente come dovrebbe fare un buon psicothriller....poi arriva il finale...e tutto assume una valenza davvero troppo assurda,a mio avviso la spiegazione non giustifica del tutto tutto lo svolgimento della storia ... ma continuando a leggere non si può negare la bravura dell'autore..comunque rimani coinvolta e comunque a me rimane la voglia di leggere un altro suo romanzo...

  • User Icon

    Antonio

    01/11/2012 15:28:41

    Dopo aver letto la "Terapia" forse avevo troppe aspettative ma questo secondo romanzo di Fitzek mi ha deluso. Non voglio entrare nei particolari perchè altrimenti svelerei troppo della trama danneggiando i prossimi lettori. Però l'idea di base per la quale Marc viene catturato in un ingranaggio infernale si basa sul nulla, non ha prorpio ragione di esistere. La mania di finire per forza ogni breve capitolo con un colpo di scena alla lunga diventa monotona, perchè spesso le conclusioni sono tirate per i capelli. In ogni caso lo psyco-thriller è un genere affascinante e Fitzek merita sicuramente una prova d'appello.

  • User Icon

    pcologo

    16/09/2012 19:29:12

    Assolutamente deludente, viste le recensioni entusiastiche dei giornali tedeschi di copertina, e la promettente autoclassificazione di psycothriller, sempre di copertina. Più che di uno psycothriller si potrebbe parlare di un romanzo di fantascienza di bassa lega. Fitzek prende un uomo traumatizzato da un incidente che gli ha ucciso la moglie incinta e lo scaraventa in una serie di situazioni del tutto assurde, senza un nesso logico ne un filo conduttore, con il solo scopo di creare un colpo di scena ogni tre pagine , attingendo a piene mani all'armamentario della letteratura di genere (giallo, noir, ecc.) degli ultimi cinquant'anni. Se avete senso dello humour (alcune circostanze sono cosi incredibilmente insensate da creare effetti comici) e il desiderio di sapere come Fitzek riuscirà a giustificare il cumulo di eventi del tutto improbabili accumulato, arriverete al termine, per scoprire la soluzione finale, altrettanto improbabile.

  • User Icon

    MICHELA

    24/05/2012 14:55:58

    E' il primo Thriller che leggo di questo autore e devo dire che non è niente male. Anche se il finale non mi ha convinto al 100% (forse un peletto troppo inverosimile). Bella la storia: il protagonista in un incidente d'auto perde la moglie e il figlio che portava in grembo. Il dolore è così tanto che si affida a una clinica che promette di cancellargli i ricordi più brutti, per permettergli di continuare a vivere senza soffrire. Ma non è tutto come sembra. Vi consiglio di leggerlo. L'ho letto in pochissimo tempo: ti tiene incollata e non ti riesci a staccare. Grande suspance che chi ama i thriller apprezzerà di sicuro.

  • User Icon

    Vittorio

    07/03/2012 09:46:33

    Storia avvincente e particolare, un libro da leggere tutto di un fiato, con tanti colpi di scena e un finale molto emozionante. Fitzek Sebastian dimostra ancora una volta di essere uno degli scrittori piu' audaci ed innovativi della nostra era.

  • User Icon

    Carioca789

    27/11/2011 14:23:59

    Bellissimo libro, non riuscivo a staccarmene e l'ho letto tutto d'un fiato in 1 settimana! Scrittore consigliatissimo, la storia ti intriga al punto da farti provare le sensazioni del protagonista (guardi fuori e pensi sia notte quando è giorno!!) e ti resta addosso anche dopo averlo finito!

  • User Icon

    cristina

    14/11/2011 14:14:44

    purtroppo non mi sento di dare un voto più alto a questo libro. fitzek è uno dei miei scrittori preferiti e in più amoq uesto genere di libri ma stavolta io non c'ho capito davvero nulla. forse la trama non è poi così male ma non sono per niente riuscita a collegare gli avvenimenti e per di più il movente mi è sembrato molto banale!! ma nonostante questa piccola pecca consiglio ugualmente la lettura dei libri di fitzek.

  • User Icon

    Angelo

    28/06/2011 17:40:48

    Prendo atto delle recensioni prevalentemente positive di chi mi ha preceduto. Sarà perchè non sono un lettore seriale di psycotrhiller, ma "Schegge" mi ha deluso. Più che avvincente l'ho trovato confuso e poco convincente. I personaggi non sono ben caratterizzati (nemmeno quello del protagonista), alcuni eventi sembrano finalizzati solo a stupire il lettore (anche troppo), ma non sono coerenti con il resto della narrazione e, soprattutto, non sono assolutamente credibili (pur con tutta la disponibilità in questo senso dovuta verso uno psycotrhiller).

  • User Icon

    sna11ke

    22/04/2011 18:57:43

    ho scoperto Fitzek con "La terapia" , e con "Schegge" , mi ha confermato di essere maestro di questo genere, cioe' del psicothriller.... in ogni pagine lui riesce a confondere la realta' con il mondo immaginario creato dalla mente dei personaggi. Davvero geniale direi!! Il finale poi lascia con la bocca aperta!!

  • User Icon

    Mau

    16/12/2010 11:29:57

    Per fortuna che esitono scrittori così! E' uno di quei libri da cui non puoi staccarti. Ogni capitolo si conclude con una sorpresa, un interrogativo, un colpo di scena che spinge il lettore a proseguire avidamente oltre. Fino al colpo di magia finale... Abracadabra!

  • User Icon

    marco77

    13/11/2010 10:31:42

    thriller originale e innovativo!! sebastian fitzek e' gia' una garanzia!!

Vedi tutte le 29 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione