Categorie

Schumann Kinderszenen. Scenes from Childhood

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Telarc
Data di pubblicazione: 14 novembre 2011
  • EAN: 0888072322707

€ 19,50

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

In oltre cinque decenni di carriera, il pianista Jacques Loussier è stato il pioniere e il massimo rappresentatne di quel linguaggio musicale in cui la struttura e le tradizioni della musica classica si intersecano con la natura spontanea e creativa del jazz. Nei primi anni della sua carriera, con il suo Play Bach Trio, Loussier ha focalizzato la sua attenzione sullo sviluppo di improvvisazioni basate sulle opere di Johann Sebastian Bach. Successivamente il pianista ha ampliato il suo repertorio applicando un approccio simile a compositori come Debussy, Ravel, Vivaldi, Beethoven e Mozart. In questo suo nuovo lavoro Jacques Loussier, affiancato dal bassista Benoit Dunoyer de Segonzac e dal batterista André Arpino, concentra i suoi sforzi su una ltro grande nome della storia della musica classica: Robert Schumann. L’album “Schumann: Kinderszenen” è incentrato sull’opera in 13 brani che Schumann compose nel 1838 come un omaggio appassionato alla sua infanzia. «Questa particolare opera di Schumann è ideale per una reinterpretazione in un chiave jazz» spiega Loussier «L'infanzia è forse il momento più giocoso e spensierato della propria vita. Nello stesso modo, il jazz è forse la forma più fantasiosa e spensierata di musica. Ha senso quindi reinterpretare le composizioni di Schumann che catturano i momenti più memorabili e cari della sua giovinezza». In linea con le sue precedenti produzioni, l’approccio di Loussier alla musica di Schumann è un misto di composizione e improvvisazione. «Anche senza aggiungere l'improvvisazione alle composizioni, la musica di Schumann è già molto bella» afferma Loussier «La sfida è quella di sviluppare improvvisazioni che portano ancora più potenza e significato alla sua musica. Questo è quello che abbiamo cercato di fare con questa registrazione».