Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
In commercio dal: 31 maggio 2007
Pagine: 414 p., Brossura
  • EAN: 9788850213702
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,64
Descrizione
Ray Kerman, il rinnegato dello Special Air Service passato al terrorismo islamico, è tornato. E il suo piano non concede errori alla squadra dell'ammiraglio Morgan, che non ha mai smesso di cercarlo dopo le vicende narrate in "Barracuda 945". Sul suolo americano un vulcano spento da anni esplode in una disastrosa eruzione. Un esperto vulcanologo viene rapito a Londra. Per i servizi segreti della marina esiste un collegamento: Ray Kerman. Solo un uomo delle sue capacità può aver scatenato una tale catastrofe, servendosi di un missile sparato da un sottomarino modernissimo. E, infatti, pochi giorni dopo arriva l'ultimatum e Kerman minaccia di scatenare contro gli USA uno tsunami terrificante.

€ 7,31

€ 8,60

Risparmi € 1,29 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    26/02/2009 14:42:25

    L'autore perde tutta la brillantezza dei primi libri e sfocia nel razzismo assoluto a cui si affianca una vena di fascismo di estrema destra. La sua idea dei militari come unica vera luce in mezzo le tenebre in questo volume arriva a livelli grotteschi e fanatici. La definizione migliore della storia è "banale condita con montagne di stupidità". Da evitare assolutamente, una vera perdita di tempo.

  • User Icon

    maurizio

    29/04/2008 20:59:48

    Non mi è piaciuto per niente. Robinson è un altro che si è perso per strada dopo le prime brillanti esperienze. La storia e' demenziale (non per l'idea in se dei maremoti artificiali, ma per il complotto diaboliko alla Fu Manchu, completamente al di fuori della mentalita' terroristica) e inutilmente macchinosa. Trascuriamo pure la sua visione manichea del mondo (ormai Di Mercurio al confronto sembra un liberal). Ma nella seconda parte del libro la cavillosa descrizione della macchina della protezione civile (quella dei "successi" di New Orleans, tanto per capirci) che sgombera tutta la costa occidentale USA, mentre i cattivi giocano ai marinaretti, con l'immancabile salvezza all'ultimo minuto ..

  • User Icon

    Vincenzo

    05/07/2007 09:39:39

    E'l'ultimo che leggo, per gli stessi motivi del primo commento. Sembra di leggere sempre lo stesso libro, ma con una verve sclerotica progressivamente ingravescente di Robinson che vede i democratici solo come "checche pacifiste", gli arabi solo come "terroristi con una pezza in testa", etc, etc. E tutto a discapito del grande lavoro di ricerca e descrizione tecnica che è la cosa più interessante.

  • User Icon

    Roberto

    26/06/2007 20:08:48

    Libro ben fatto da Patrick Robinson e trama davvero avvincente per gli amanti del genere. Non dò comunque il voto massimo per due ragioni: 1- Non compete con la qualità eccelsa di capolavori come Classe Nimitz o Classe Kilo. 2- Libro troppo orientato politicamente. La maggior parte dei libri del genere si sa che propendono solitamente per una militarismo esasperato ed un fervente patriottismo, ma in questo libro Patrick Robinson esagera davvero, divenendo un pò pesante in certi tratti. Tutto sommato è un grande libro che vale la pena leggere.

  • User Icon

    tomcat

    21/02/2006 14:24:21

    Peccato !!! Questo romanzo non è neanche da paragonare a Classe Nimitz e Classe Kilo. La trama è scontata e le coincidenze sono veramente esagerate, una su tutte : Morgan si trova in viaggio di nozze esattamente nello stesso luogo e nello stesso momento in cui si trovano anche Kermann con i suoi luogotenenti. Ho comprato e letto tutti i suoi romanzi e devo ammettere con dispiacere che ha smesso di entusiasmarmi come una volta.

  • User Icon

    dedo

    30/01/2006 10:27:42

    Sempre all'altezza delle aspettative, anche se quest'ultima produzione, appare un poco più stanca. Il maggiore Kermann, imprendibile creatore di piani terroristici, comincia a essere scontato ( ricorda 007 imbattibile alla Fleming!!). Si sente la mancanza di trama sopratutto quando l'autore indugia sull'evacuazione delle città costiere. Bisogna riconoscere che, come al solito, il tutto è molto ben documentato e si avverte un velo di preveggenza sia sul concetto devastante di tsunami, sia sui pericoli di un'evacuazione di massa non correttamente gestita o gestita in ritardo. Comunque vale la pena di essere letto

  • User Icon

    Francesco

    23/01/2006 12:42:35

    Pienamente d'accordo con Cocobaya. Attendo fiducioso Hunter Killer (titolo originale).

  • User Icon

    Cocobaya

    12/01/2006 20:05:24

    Ancora una volta Robinson riesce a tenermi incollato alla lettura. Azione pura con un pò di cultura generale (il libro scritto nel 2004 parla di tsunami quando ancora pochi sapevano di cosa si trattasse)peccato solo per il finale: troppo scontato.

  • User Icon

    Donato

    19/11/2005 13:04:24

    Sicuramente non dei migliori. Questo Scimitar SL - 2 è un buon romanzo, ma spesso troppo tecnico e arzigogolato. Inizia bene, abbastanza scorrevole, ma perde il ritmo completamente nel momento della descrizione della costa in evacuazione per la minaccia megatsunami. Patrick Robinson la fa durare troppo, descrivendo cose inutili, stancanti. E' quasi incomprensibile (sarà il genere) quando usa linguaggi tecnici marinai. Il finale è carino ma scontato. Un romanzo particolare, forse adatto solo agli amanti del genere. Sicuramente impeccabile come techno-thriller. Ma per me, che mi piacciono i thriller, resta un romanzo di medio livello. Se vi piacciono i bellici d'azione questo qui è consigliabile. Altrimenti lasciate perdere.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione