La scoperta del giardino della mente. Cosa ho imparato dal mio ictus cerebrale

Jill B. Taylor

Editore: Mondadori
Collana: Oscar saggi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 febbraio 2017
Pagine: 182 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804672128

22° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Medicina - Clinica e medicina interna - Neurologia e neurofisiologia clinica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
Jill Bolte Taylor ha trentasette anni, una laurea ad Harvard e un lavoro come neuroscienziata e ricercatrice universitaria quando, una mattina, un capillare esplode improvvisamente nell'emisfero sinistro del suo cervello provocandole un danno cerebrale esteso e devastante. Il suo percorso verso la completa guarigione è durato otto lunghissimi anni, nel corso dei quali ha potuto sperimentare la duplice veste di medico e paziente. E da questo insolito doppio ruolo ha ricavato spunti, consigli e suggerimenti terapeutici utili a chiunque sia rimasto vittima di un ictus o di un trauma cerebrale e a coloro che li curano e li circondano. Ma "La scoperta del giardino della mente" non è soltanto la cronaca dettagliata e diretta di una straordinaria ripresa fisica, è soprattutto la testimonianza di un'esperienza umana unica. Jill, infatti, non è più stata la stessa di prima: l'ictus, mettendo temporaneamente fuori gioco il preponderante e razionale emisfero sinistro, ha dato spazio alla creatività e alle sensazioni, emozioni e intuizioni proprie dell'emisfero destro; e oggi, pur continuando a occuparsi di ricerca, la neuroscienziata scrive, canta e realizza sculture in vetro colorato, felice di vivere e forte di una nuova pace interiore.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mirco

    09/07/2012 12:43:30

    A mio avviso libro notevole considerato poi il fatto che tratta di un argomento decisamente ostico, ovvero un ictus cerebrale. L'autrice - neuropsichiatra - vive sulla sua pelle e ne dà una descrizione intensa sia di quello che ha provato "durante" l'ictus vero e proprio che della lotta eroica - durata ben 8 anni - per recuperare la "normalità" Consigliato!

  • User Icon

    Jonathan Schiesaro

    24/08/2009 19:14:20

    Questo romanzo è stato scritto da una neuroscienziata laureata ad Harvard, Jill Bolte Tailor. Confrontandolo a un altro libro che ho già criticato, Il soffio dell'anima, di Valentina Lippi Bruni, non posso che preferire questo. Non cade mai in banalità e, a differenza del sopra citato, fornisce insegnamenti veri, la malattia e il dolore sono visti attraverso l'esperienza che ne deriva e le vie inusuali che portano a percorrere. L'autrice non si fa portavoce di massime filosofiche, né di frasi fatte o pensieri superflui. Lascia che sia il lettore ad apprendere, e sembra quasi che la ricercatrice americana abbia vestito in questo caso il ruolo di paladina della malattia, senza per questo considerarla male inequivocabile o volta verso uno scopo di benessere. Qualche volta si lascia forse prendere dal linguaggio scientifico che conosce meglio di tutti noi, e che magari ci troviamo a ricercare sui dizionari o internet.

Scrivi una recensione