Categorie

Rudolf Wittkower

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Arte, architettura e fotografia - Forme d'arte - Forme d'arte non grafiche - Scultura

  • EAN: 9788806181390
Usato su Libraccio.it € 10,26

Dalle prime statue greche alle invenzioni di Michelangelo, Cellini, Vasari, Bernini, Canova, fino alle forme e alle figure del ventesimo secolo di Moore, Arp e molti altri. Presentata nella forma del racconto (il volume raccoglie in edizione economica tutto il ciclo delle lezioni di Wittkower nel 1970-71), questa storia propone un'interpretazione della scultura radicalmente diversa rispetto a quella canonica. L'autore ci fa entrare nei laboratori dei piú importanti artisti di tutte le epoche e ci fa vedere come nasce l'idea di una scultura e come, con quali strumenti, si può realizzarla, evitando di cadere negli specialismi e nelle trappole retoriche degli storici dell'arte «di professione». «Studiando i metodi di lavoro degli scultori - scrive Wittkower - intendo scoprirne le idee e le convinzioni artistiche»: il suo augurio è che, al termine della lettura, lo «spettatore-lettore» sia in grado di «affrontare ad occhi aperti, e con la mente aperta, un vasto panorama di eventi artistici».Completa il volume la bibliografia.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elisa C.

    15/04/2009 13.18.13

    Senza alcuna pretesa di raccontare tutta la scultura dall'antichità al Novecento, riesce ad essere specifico e preciso nelle osservazioni, che sono ben seguibili perchè supportate da molte immagini. Risulta piacevole, interessante e comprensibile - almeno per me, che mi interesso di arte, ma son lungi dall'essere una specialista- non ci sono termini troppo tecnici o quei pochi che si incontrano sono spiegati. Pur trattandosi di un ciclo di lezioni tenute da W. nel 1970-'71 per tutti i membri dell'Università di Cambridge, l'originario contenuto orale messo per iscritto, assume i connotati di un sostanzioso, ragionato racconto.

Scrivi una recensione