Offerta imperdibile
Salvato in 546 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato
37,05 € 39,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+370 punti Effe
-5% 39,00 € 37,05 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
16,41 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
21,06 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
37,05 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
37,05 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
16,41 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
21,06 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - copertina
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - 2
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - 3
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - 4
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - 5
Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato - Philippe Daverio - 6
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il secolo lungo della modernità. Il museo immaginato Philippe Daverio
€ 39,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


"Abbiamo ipotizzato un museo diverso, luogo della fantasia e dell'immaginazione, in un'ipotetica città d'Europa che da qui vuole ripartire per il riordino urbanistico del suo centro utilizzando la vecchia stazione ferroviaria ormai dismessa." In questo libro Philippe Daverio ci accompagna alla scoperta dell'età moderna, ovvero del Secolo Lungo che parte dalla Rivoluzione francese e finisce nella catastrofe della Prima guerra mondiale. Questo volume affronta i temi più importanti della modernità attraverso oltre seicento opere d'arte raccolte tematicamente per vettori storici: quello politico, da Delacroix e Géròme al Quarto stato di Pellizza da Volpedo; quello della macchina e del lavoro, da Turner a Courbet e a Boccioni; quello della fuga dalla realtà nella dolce vita della Belle Epoque, nell'esotismo e nel sogno - da Tissot a Manet, da Dante Gabriel Rossetti a Fortuny, Gauguin e Van Gogh -, fino al Simbolismo e all'Art Nouveau. Fra i padiglioni e le sale del museo sono previste anche soste in locali e ristoranti a tema, dove si immagina di sorseggiare un caffè o gustare un pranzo circondati dalle opere dei Macchiaioli al Caffè Michelangelo, e degli Impressionisti alla Closerie des Lilas. Un gioco serio, che scardina il nostro abituale punto di vista e ci fa ritrovare il gusto di guardare la pittura e leggere il nostro passato guidati dalla penna più impertinente d'Italia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
28 novembre 2012
544 p., ill. , Rilegato
9788817060110

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(14)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(14)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Giulia
Recensioni: 5/5

Peccato che non verranno più scritti libri come questo: Daverio è unico nel suo stile e purtroppo non ce ne saranno altri. Puoi però goderti questo libro che è una vera chicca dell'arte.

Leggi di più Leggi di meno
Angelo
Recensioni: 5/5

Ci sono libri che restano nel cuore anche quando l’autore non c’è più. E questo è ancora nel mio cuore. L’arte come la sapeva raccontare Daverio era qualcosa di affascinante. Io l’amo da quando ho letto il primo libro di questo grande autore. In questo testo ho apprezzato la parte dedicata a Delacroix e Géròme così come quella su Gauguin e Van Gogh.

Leggi di più Leggi di meno
Nini
Recensioni: 5/5

Un libro d'arte che si legge come un romanzo, attraverso la grande capacità descrittiva di Daverio. Un modo per conoscere i capolavori della modernità, anche quelli meno noti. Un viaggio appassionante. Anche questo ottimo regalo per Natale

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(14)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

La recensione di IBS

Le nuove esigenze di una capitale europea richiedono il ripensamento delle linee urbane, così la vecchia stazione ferroviaria della città deve necessariamente dimettere la sua funzione e cedere il passo alla tecnologia. Tuttavia, i cittadini, affezionati all’edificio, ne chiedono una nuova destinazione. L’idea vincente è quella di farne un museo, ma che tipo di museo? Le proposte avanzate dalle diverse parti sono tante: la destra storica vorrebbe farne una collezione di armature, la sinistra un museo sulla didattica, mentre i consiglieri di centro propongono un museo sull’alimentazione. Alla fine, su tutte prevale un’idea “impertinente”: la vecchia stazione accoglierà i capolavori artistici realizzati nell’arco temporale che va dal 1789 al 1914, tutte le opere che, divise per tema, descrivono la parabola del cosiddetto Secolo Lungo.
L’idea di immaginare un museo strutturato secondo categorie diverse da quelle stabilite è un espediente narrativo che permette a Philippe Daverio di realizzare una critica d’arte in forma di racconto storico-tematico e diversa dalla consuetudine. Chiunque poi abbia un minimo di familiarità con la storia museale coglie immediatamente il rimando alle vicende che hanno visto la Gare d’Orsay (stazione ferroviaria un tempo centrale di Parigi) trasformarsi nel 1986 nel più grande museo dell’Impressionismo e del post-Impressionismo. Al contempo, è evidente il riferimento contenuto nel titolo alla categoria storica coniata da Eric Hobsbawnn. Curiosità e immaginazione dunque, unite a un occhio acuto e competente, non mancano di certo all’autore, ma questa volta il suo progetto è decisamente più ambizioso: “abolire categorie dello spirito oggi innegabilmente obsolete” e ripensare la nostra epoca. L’idea di fondo è che la modernità recente non sia che il frutto degli sviluppi tecnologici e scientifici del Secolo Lungo. Tuttavia, ripensare le categorie interpretative da un punto di vista storiografico richiederebbe un’impresa titanica, mentre dal canto loro le arti visive offrono l’indiscutibile vantaggio dell’immediatezza che permette alla pittura di varcare le frontiere del tempo senza bisogno di particolari interpretazioni. Così, nonostante le innegabili differenze formali, La morte di Sardanapalo di Delacroix e Les demoiselles d’Avignon di Picasso possono dirsi assonanti per il medesimo gesto di rottura con la tradizione che entrambe trasmettono, poco importa se l’una appartiene al Romanticismo e l’altra viene considerata come il manifesto del Cubismo. Lo stesso discorso vale se si presta attenzione al tema politico che, a partire da una certa data, si impone come principale oggetto di rappresentazione: nel quadro 3 maggio 1808 (La fucilazione) ad esempio Goya restituisce lo sgomento dei cittadini madrileni che stanno per essere fucilati dai soldati delle truppe napoleoniche. Molti anni dopo Picasso rappresenterà con la stessa immediatezza e lo stesso realismo il terrore della popolazione vittima delle fucilazioni in Corea. Così, nonostante Goya dipinga nel 1814 e Picasso nel 1951, entrambi riescono a ritrarre la crudeltà della guerra e a mostrare la consapevolezza, espressa nei volti dei cittadini, di morire per la libertà della propria patria.
L’età moderna era iniziata molto prima dello scoccare del 1800 e si era estesa ben oltre i suoi confini cronologici: questo voleva dirci Hobsbawnn quando parlava di Secolo Lungo. Ma la modernità - vuole suggerirci Daverio - non si è affatto esaurita nel 1914: “gran parte del mondo che oggi, con una categoria disordinata come quella degli “impressionisti” chiamiamo “avanguardia” altro non è che la conclusione d’un ciclo iniziato nel formalismo e terminato nella demolizione della forma”. E nessun medium artistico è in grado di mostrarci questo dato di fatto come le arti visive. A noi lettori non resta che seguire il ragionamento acuto e l’occhio vigile dell’esperto nel suo viaggio immaginario attraverso i capolavori dell’arte.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Philippe Daverio

1949, Mulhouse (Alsazia)

Nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, nella regione francese dell'Alsazia, da padre italiano e madre alsaziana, ha vissuto stabilmente in Italia, a Milano. Nel tempo ha dato vita a diverse gallerie d'arte a Milano e a New York.Specializzato in arte italiana del XX secolo (futurismo, metafisica, novecento, scuola romana), ha dedicato i suoi studi al rilancio internazionale del Novecento.Come gallerista ed editore - nell'81 ha inaugurato una casa editrice e nell'84 una libreria, sempre a Milano - ha pubblicato una cinquantina di titoli vari tra cui: Catalogo ragionato dell'opera di Giorgio de Chirico fra il 1924 e il 1929, Catalogo generale e ragionato dell'opera di Gino Severini, Fillia e le avanguardie fra le due guerre, Ver Sacrum (Valentina Edizioni 2004), Giuseppe Antonello Leone (Skira 2010).Opinionista...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore