I segreti erotici dei grandi chef

Irvine Welsh

Traduttore: M. Bocchiola
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 febbraio 2014
Pagine: 433 p., Brossura
  • EAN: 9788850234158
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eli

    02/10/2013 14:57:02

    Libro gradevole.. purtroppo non posso dire di più.. credo che quest'opera sia ben lontana dal livello a cui ci ha abituato Welsh con Colla o Il lercio..

  • User Icon

    franc84

    03/12/2009 12:26:14

    stupendo..emozionante..coinvolgente..commovente.. personaggi, come sempre, caratterizzati benissimo... e non puoi non amarli: perchè, anche se sono dei bastardi, prima o poi uscirà il loro lato umano, e ti conquisterà... di welsh ho letto quasi tutto: questo è secondo solo a "colla".

  • User Icon

    Matthia

    10/11/2008 19:46:30

    Confermo l'unica altra opinione negativa tra le tante... Questo scrittore non è Welsh... è un abbozzo di quello che era per certi aspetti... Sembra una parodia del ritratto di Dorian Gray... E poi la fine non si butta giù, scontata da oltre 100 pagine si sapeva che finiva così...e poi sbagliata... a presto amato scrittore! Porno Colla... io ti amato così!

  • User Icon

    Noodlesse

    08/11/2008 11:17:58

    Welsh ha preso in prestito l’idea di Wilde, l’ha rielaborata e Skinner è diventato il moderno Gray. La lettura scivola via veloce e devi trattenerti per non rischiare l’abbuffata. Se a uno non piace l’alcool e disdegna la striscia invitante forse fa bene a non leggerlo. In caso contrario certifico la bontà dell’acquisto. Fatevi una scorpacciata di cattiveria ne risentirà il vostro ritratto di ventennne... se ne avete uno.

  • User Icon

    Sempavor

    04/11/2008 09:32:23

    Un grande libro di Welsh, sicuramente il migliore tra gli ultimi suoi lavori: questa storia e questi personaggi resteranno per molto tempo nella mia memoria. Un piccolo appunto: sarebbe opportuno, quando si inserisce una recensione, non rivelare dettagli fondamentali della trama...cosa che qualche utente invece ha fatto.

  • User Icon

    zero

    20/10/2008 17:09:43

    Welsh affronta in chiave post moderna uno dei più celebri stereotipi della cultura di massa dell'età moderna: due fratelli che non si conoscono e che casualmente si incontrano. L'amore si trasforma in odio, il legame familiare diviene distruttivo, la redenzione ed il perdono diventano una farsa. Per la prima volta lo scrittore descrive anche la generazione degli anni 80 (fino ad ora si era concentrato sugli anni 90), descrive la loro musica e le loro droghe con il cinismo che lo contraddistingue. Nel romanzo gli errori del passato si riverberano nel presente e il tutto si mescola in una spirale che porta all'autodistruzione. Come al solito nessuno è salvo ma questa volta nel cinismo welshano si intravedono delle venature di pessimismo. Le speranze infrante di due generazioni si guardano impassibili in attesa di una redenzione che non arriva mai.L'unica cosa che arriva è la morte.Un Libro da leggere ma che vi lascerà solo un po' di amaro in bocca.

  • User Icon

    laura

    19/02/2008 19:19:52

    ottimo libro di welsh...lo stile con cui vengono descritti i personaggi mi sembra un pochino diverso stavolta, forse più "intrecciato" ed introspettivo....l'ho letto in tre giorni, coinvolgente, non riesci a smettere di sfogliarlo! e poi...w Edinburgh!!!

  • User Icon

    Antonio

    25/01/2008 11:04:39

    Essendo un fan della prima ora di Welsh mi sono catapultato nella lettura di questo libro. Devo dire che pur mostrando le caratteristiche principali dello scrittore in questione, il libro non raggiunge le vette di altri suoi lavori (si veda Il Lercio p.e.). Mi e' anzi sembrato scontato fin dall'inizio e un po' "affannoso". Non mi e' proprio piaciuta la riproposizione in chiave moderna de Il Ritratto di Dorian Gray. Nell'attesa comunque di nuove grandi prove di Welsh.

  • User Icon

    Morgana209

    25/12/2007 19:24:23

    all'inizio ho fatto molta fatica ad entrare nella storia...... ma ora posso dire che questo libro mi ha affascinata..... è un libro che ti lascia sporco, arrabbiato, cattivo.... la verità è che il giorno dopo ho pianto ripensandoci...... alla fine credo che Danny mi avesse conquistata....... Grande libro!!!!!

  • User Icon

    fabrizio

    24/12/2007 16:33:56

    bel libro,anche se credo che il lercio e tolleranza zero siano su un altro livello..pieno di colpi di scena e descrizioni di cose, di ambientazioni, di personaggi e situazioni che solo irwine riesce a farti immaginare in maniera così nitida e trasparente..

  • User Icon

    Maunakea

    28/08/2007 22:10:13

    Mi ha affascinato leggere i commenti su questo libro e come quasi sempre capita su queste pagine ecco la voce ed il voto fuori dal coro, a cui è doveroso aggiungere un commento: ho comprato il libro quasi a scatola chiusa, mi piaceva molto il titolo e quel giorno in libreria avevo fretta. Credo di aver letto trainspotting, francamente non ricordo bene, in quel periodo lo leggevano tutti era, come dire, doveroso, questo per far capire che se l'ho letto, m'e' scivolato via, così come questo libro, si vede che Welsh non fa per me, non lo capisco, ed ho cercato in ogni riga delle precedenti recensioni, di comprendere cosa ci avessero trovato gli altri... invece nulla, deve essere qualcosa non poco oggettivo e spiegabile il mix di sensazioni che ti fa apprezzare un libro come questo, probabilmente è più una scelta istintivo-individuale. Non dico che sia brutto, per me anche un filo noiosetto, giusto un poco, ma volevo vedere dove andava a concludere la storia. Boh, a me non ha detto proprio nulla, personaggi ben tratteggiati ma boh, il tutto finisce lì, per cui se non siete fan di Welsh potrebbe anche risultarvi piuttosto insulso.

  • User Icon

    lorenzo

    11/05/2007 21:48:43

    Bel libro.....un Welsh leggermente diverso da solito ma che come al solito coinvolge il lettore con una tecnica narrativa eccezionale!La vicenda penso voglia farci capire come persone in apparenza così distanti possano in realtà rivelarsi tanto simili quando si trovano senza maschere davanti alla realtà....sempre grande Irvine!

  • User Icon

    andy78

    14/04/2007 20:33:29

    Rispetto ai precedenti romanzi di Welsh ho trovato in questo uno scrittore cambiato e più maturo.. Mi è piaciuto quest’ultimo libro anche se mi sono mancati alcuni scenari e personaggi che caratterizzavano porno e colla per esempio, e magari qualche imprevedibilità in più alla quale Irvine aveva abituato i suoi lettori.. Ho apprezzato comunque la sua sempre ottima abilità narrativa permeata di emozioni e la sua voglia di cambiare e di mettersi in gioco dopo porno..

  • User Icon

    PROT

    04/04/2007 09:56:07

    Non il miglior libro di Welsh, ma il suo modo di scrivere mi piace sempre... comunque divertente

  • User Icon

    juri

    31/03/2007 14:29:15

    ummm... non so, c'è qualcosa che non mi ha convinto. dell'amico irvine ho letto tutto, ma proprio tutto, ogni volta con rinnovata lussuria, e ha ragione chi sostiene che da anni lui scrive lo stesso libro e noi leggiamo la stessa storia, ma senza noia. però stavolta, mi spiace dirlo, anzi, mi scoccia proprio, manca la scintilla. manca la vena sarcastica, quella vena cattiva e compiaciuta di cui welsh detiene il copyright, quella capacità - tutta e solo sua - di tirarti un calcio sui denti e di riderti in faccia se hai pure il coraggio di lamentarti. non so, ma mi è parso un libro un po' stanco, di un autore che chissà, forse è pure lui un poco stanco. perchè in effetti, puoi essere bravo quanto ti pare, ma scrivere sempre lo stesso libro può stancare. o no?

  • User Icon

    Hemingway81

    23/02/2007 13:47:56

    Mi ha davvero stupito il nuovo libro di Irvine. Dopo aver letto porno, lo credevo uno scrittore ormai incapace di inventarsi qualcosa di nuovo, di progredire il suo stile che tanto era stato innovativo nei primi romanzi. Contrordine. Ecco il libro di uno scrittore maturo, che non si preoccupa di fondere realtà e fantasia, che complica la trama come mai aveva fatto, sballottando il lettore senza fargli capire cosa leggerà nella pagina successiva. Non è il libro migliore di Irv, ma questo era preventivabile, ma è il libro che lo rinnova, perchè non è vero, come ho letto nei commenti precedenti, che gli argomenti trattati sono sempre gli stessi dei checchi romanzi. Vado a memoria, ma un Nerd come Kibby non si era mai visto nella Edimburgo Welshiana. Il finale lascia poca speranza, ma quantomeno rende giustizia proprio a Kibby, eroe improbabile del lettore, che pagina dopo pagina spera in un suo riscatto che, tardivamente, arriva. Skinner invece si odia fin da subito, col passare dei capitoli poi ci si riscopre ad adorare quel personaggio perchè anche lui ha un lato umano (Welsh ci ricorda sempre che tutti, in fondo, hanno un lato umano), un'incrinatura nella corazza. In definitiva: un libro consigliatissimo perchè, pur non bissando i fasti di Welsh, si lascia divorare e ci insegna tanto sulla società moderna.

  • User Icon

    oscar grimaldi

    13/02/2007 08:56:27

    Così come ho molto apprezzato l'estro che c'è ne Il Lercio, così ho faticato a finire il disarticolato "Porno". Questo libro mi è sembrato meno geniale del primo, ma sicuramente molto più piacevole e lineare del secondo. In un certo senso il genio di Welsh sembra un pò appiattirsi ed ammorbidirsi con gli anni anche se, nel finale, il libro riprende vigore con un poderoso e SORPRENDENTE colpo di coda......

  • User Icon

    Simona

    09/02/2007 12:16:05

    E' il primo libro di Welsh che leggo, mi sono fatta tentare in realtà dal titolo che trovo veramente accattivante. Il romanzo in sè mi è sembrato carino, ma niente di più. Intendo non un capolavoro, non un libro che rileggerei un'altra volta, forse non lo consiglierei neppure. Eppure la trama c'è, anche se un po' stiracchiata nel mezzo, i personaggi sono caratterizzati bene, a tratti è divertente e a tratti fa orrore, ma... non mi ha appassionato, tutto qui. In effetti le descrizioni di sbronze d'antologia, se troppo numerose e dettagliate, scene di sesso roboanti, insomma tutti questi elementi "trasgressivi" annoiano. Mi hanno incuriosito, ma ai tempi dell'adolescenza e con Bukowski...

  • User Icon

    morrissey

    28/01/2007 18:10:41

    Ogni volta che si legge un libro di Irvine Welsh si ha la sensazione di leggere sempre lo stesso libro: stessa città, stessa risma di persone, stesso linguaggio, stesso umorismo, stessi soliti riferimenti a droghe, sesso, musica. Insomma, niente di nuovo, anche se i libri si leggono volentieri, sono scorrevoli e tutto sommato divertenti. Questo in particolare rispetta in pieno tutti i clichè di Welsh, peccato che manchi di una dose di cinicità e di situazioni esilaranti come altri libri dello stesso autore, tipo trainspotting o porno.

  • User Icon

    Paolino

    18/12/2006 14:43:27

    Spettacolo puro. Un libro eccellente, sotto tutti i punti di vista. La vecchia ambientazione legata alla Edimburgo degli anni '70-'80 viene parzialmente abbandonata (nel libro appartiene alla generazione dei genitori dei protagonisti), per far posto alla Edimburgo e al mondo attuale: compaiono i gruppi musicali, i miti, le paure, le incoerenze di oggi. Il risultato è ottimo, ricco di scene grottesche e descritte con una precisione che tende all'inverosimile, carico come sempre di rabbia, e di amore, ricco di colpi di scena. Il collante di tutto è, questa volta, l'alcool, allegoria del male che c'è nel mondo di oggi. Chi apprezza Welsh non può non innamorarsi sinceramente di questo libro, che non lascerà le emozioni di colla, ma porta a riflessioni e sensazioni nuove: dopo "Porno" forse in pochi avrebbero creduto a novità così rilevanti e positive nellle narrazioni dello scrittore scozzese.

Vedi tutte le 30 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione