Il seme sotto la neve

Ignazio Silone

Editore: Mondadori
Edizione: 16
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 448 p.
  • EAN: 9788804461814
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Leopoldo Roman

    02/04/2014 09:27:39

    Un altro capolavoro di Silone anche se meno avvincente e più prolisso di "Vino e pane". 100 pagine in meno e sarebbe stato perfetto! Come sempre insuperabili le descrizioni degli ambienti dell'epoca; sublimi i dialoghi; perfino struggente la dedizione di Pietro verso l'Infante. Un po' inverosimile la conclusione.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    27/10/2011 10:59:26

    Il seme sotto la neve esce nel 1941 a Zurigo in lingua tedesca e il medesimo anno a Lugano in italiano, quando Ignazio Silone ha già raggiunto fama internazionale prima con Fontamara e poi con Pane e vino. Come in quest'ultimo romanzo il protagonista principale è l'esule antifascista Pietro Spina, che può essere considerato, a buona ragione, l'erede di Berardo Viola, il personaggio principale di Fontamara. Silone realizza così una trilogia, affascinante, di alto valore letterario e storico, su un tema, per niente facile, e che è rappresentato dalla condizione sociale in epoca fascista, anche se in questo si innestano altri filoni, che vanno dall'analisi attenta dell'arretratezza economica alla ricerca di un senso della vita, al di sopra di qualsiasi ideologia politica. Ma come sotto la neve germoglia il seme del grano, sotto la coltre soffocante della dittatura fascista c'è ancora chi anella alla libertà e alla giustizia, come Pietro Spina, e vi sono anche altri germogli dormienti, ma che, se stimolati, possono crescere, come Simone la faina e il sordo Infante, e altri ancora. Basta camminare per queste terre di miseria, per queste montagne brulle e quasi inospitali - ma accorato e tenero è l'amore per la propria terra così lontana - per trovare altri che hanno una dignità, per dare loro una speranza, e in questo Pietro Spina, sceso fra loro, resosi umile fra gli umili, è un maestro, anzi verrebbe voglia di dire che è il Messia. Apprenderà e insegnerà il significato autentico della parola libertà, si donerà agli altri per ricevere quel poco, ma che è invero tanto, che gli daranno, e infine, in un convinto altruismo, rinuncerà alla libertà del proprio corpo, per essere definitivamente libero, un gesto non fine a se stesso, ma che tanto ricorda il sacrificio di Gesù Cristo per la salvezza degli uomini. Il seme sotto la neve è talmente bello e profondo da poterlo considerare un altro capolavoro di questo grande scrittore abruzzese.

  • User Icon

    ant

    17/03/2006 12:16:48

    Molto corposa ed un po ingarbugliata(secondo me) vicenda familiare, si fa un po fatica a stargli dietro, poi i risultati(secondo il miglior stile di Silone) si "sentono" nell'anima!

Scrivi una recensione