Editore: Helicon
Anno edizione: 2013
Pagine: 134 p., Brossura
  • EAN: 9788864661841
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gino Pitaro

    13/02/2014 20:23:12

    L'autrice alla sua terza pubblicazione ha offerto una prova di maturità. Sono tre gli elementi che denotano la poesia della Canapini: la natura, l'identità cittadina e sociale della sua generazione (fino a farsi 'glocal') e il richiamo alla dimensione antica e mitica. Troia crolla da millenni, ma proprio questa è una delle dimensioni del "sempre". Troia non smetterà mai di crollare, però non diverrà mai polvere. Nel bene e nel male, nelle vittorie e nelle sconfitte, la Canapini ci riconduce nel "senso del sempre", nella circolarità della vita e delle vicende umane.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    11/04/2013 09:12:35

    Nelle opere di Franca Canapini la tematica ricorrente è l'uomo e il tempo, il suo breve percorso in cui si affanna a comprendere l'incomprensibile, un desiderio tanto più forte quanto più trascorrono gli anni. Non mi sono quindi meravigliato di una nuova riproposizione dell'argomento con questa recente silloge dal titolo emblematico Il senso del SEMPRE; certo, l'esperienza maturata, lo scavo sempre più profondo danno luogo a un'opera, che pur nell'ambito del fil rouge così caro all'autrice, si presenta rinnovata, ma non si tratta di un'operazione di semplice restyling, bensì questa volta di uno svolgimento più ambizioso, secondo una consecutio logica che unita alla musicalità dello stile, caratteristica propria della Canapini, inducono, per tempi, ritmi e scelte, a considerarla una sinfonia, sulla vita e intorno alla vita. Al riguardo basti pensare che inizia con un Preludio che in effetti introduce al tutto facendo balenare nel lettore l'idea che al tempo passato ci si debba richiamare, più che a un paradiso perduto, a un'epoca irrinunciabile e non più proponibile, così distante dall'attuale, frenetica, tutta protesa alla rapida realizzazione di falsi scopi, rincorrente un futuro inevitabilmente uguale e avaro di soddisfazioni morali. Senza che ci sia tristezza, resta comunque un velo d'amarezza, con quella consapevolezza che deriva dal volgersi all'indietro per cercare il senso della vita; sì, c'è anche un po' di rimpianto, perché in fondo gli anni da tempo andati appaiono come fantasmi che emergono dalle brume di un oblio che il ricordo cerca di diradare. E' questa memoria il sale della vita, la certezza, unica, di aver vissuto, ma noi piccoli uomini, la cui esistenza è breve come il battito d'ali di una farfalla, ci sforziamo comunque di sognare, per continuare. Il senso del SEMPRE ritaglierà sicuramente uno spazio nell'animo di chi legge, perché tema e svolgimento sono assai interessanti, ma soprattutto il primo ha il carattere dell'universalità.

Scrivi una recensione