Il sentiero dei nidi di ragno

Italo Calvino

Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: LV-152 p., Brossura
  • EAN: 9788804668039

73° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    18/08/2017 16:13:23

    Libro da leggere per chi interessa iniziare a conoscere Calvino.

  • User Icon

    Bruno Izzo

    22/06/2017 15:30:05

    Questo è un romanzo sulla Resistenza, e della violenza perpetrata contro la bellezza, il candore, l’innocenza dell’infanzia, brutalmente stuprata dalla guerra. Un libro per l’infanzia, a favore dell’infanzia, quindi, un libro fiabesco, un vedere le cose della guerra come una favola, un gioco assurdo, inutile e crudele di cui neanche si riesce a capire bene le regole, in definitiva è un libro che presenta un punto di vista “basso”, una visione dal basso come appunto è la prospettiva vista con gli occhi dei bambini. In realtà invece i bambini vedono ben oltre, usano oltre gli occhi anche il cuore, hanno una visuale ben più alta, una visione elevata e perciò privilegiata, nobile, come appunto nobile è l'innocenza dei bambini prima che essa venga insozzata dalle brutture degli uomini. Per questo, i protagonisti non hanno nomi propri ma nomi di fantasia, proprio come nelle favole, quasi a rimarcare il punto di vista di Pin, il piccolo protagonista: per esempio i partigiani hanno nomi assai coloriti e caratteristici, Diritto, Lupo Rosso, Pelle, Cugino, Labbra di Bue, ecc. Il piccolo Pin a causa della guerra non ha casa, non ha famiglia, amici, un affetto sincero, ed ecco allora che nel suo vagabondare solitario nelle campagne s’imbatte in un sentiero, un sentiero un po' nascosto, un po' più riparato e difficile da trovare. E sul fondo di questo viottolo, in una strettoia un po' più nascosta e riparata, i ragni hanno tessuto le loro tele. Per Pin hanno fatto un nido, il nido dei ragni: poca importa al bambino se i ragni facciano il nido o meno, in realtà gli basta aver trovato un posticino riparato che sente solo suo. Le lucciole nell'aria gli sembra che siano lì apposta per il solo scopo di illuminare il cammino che porta al suo nido piacevole, caldo, accogliente, in sostituzione di tutto l’amore che gli manca: purtroppo al piccolo, come a ogni bimbo in guerra, serve un nido qualunque sia, anche un semplice nido di ragni.

Scrivi una recensione