Editore: Mondadori
Collana: Narrative
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 6 febbraio 2018
Pagine: 192 p., Brossura
  • EAN: 9788804685647
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,99

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    angelo

    11/03/2018 13:00:56

    Ingredienti: uno scrittore-sceneggiatore alter ego dell’autore, il mondo dei salotti buoni romani fatto di nobili immaginari e vip reali, una città eterna ma sulla via del tramonto, il delitto di un giovane attore tra serate mondane, amori proibiti, bugie e pettegolezzi. Consigliato: a chi sa ammirare una “grande bellezza” anche dipinta con tonalità gialle e nere, a chi riesce ad essere snob davanti a intrecci e relazioni da soap opera.

  • User Icon

    Nadia Bernardini

    19/02/2018 10:48:17

    "LA SERA A ROMA" il nuovo romanzo di Enrico Vanzina è un libro godibilissimo. Ci sono vari livelli di lettura. C'è tutto: Roma, il cinema, reali personaggi famosi che diventano personaggi della storia, il giornalismo, il sesso. riflessioni sul tempo e la vita. Ma l'aspetto più godibile è il giallo. Questo è davvero un giallo azzeccato. Ti tiene incollato alle pagine fino alla fine. Divertentissimo

  • User Icon

    Attilio Alessandro Bollini

    18/02/2018 05:52:36

    Non è affatto un giallo ma un libro di costume su Roma e sui suoi personaggi.....ma non mi finisce di piacere. Trovo molte affinità con Dagospia, anche se su livelli di eleganza e di piacevolezza molto lontani dalle cronache di D'Agostino e vedo echi della vicenda di Maria Angiolillo tanto celebrata da Vespa! Comunque un bel romanzo leggero scritto benissimo con un Italiano perfetto ed elegante. Rimane purtuttavia un romanzo da treno che io ho letto con grande piacere.

  • User Icon

    Giuseppe

    16/02/2018 11:28:17

    Premesso che, essendo un giallo, non si entra nella trama narrativa per evitare di anticipare alcunché al lettore, si può anzitutto affermare che con questo romanzo Vanzina supera se stesso e, con mirabili artistiche pennellate, riesce a illustrare mirabilmente la Roma che era un tempo e che è invece divenuta oggi. Il lettore, catapultato nel mondo della nobiltà romana (ma non solo in quello) si trova a vivere direttamente -grazie alla narrativa incisiva, scorrevole e coinvolgente- le vicende rosa e noir che coinvolgono il protagonista Federico, sceneggiatore, giornalista, scrittore e uomo di Cinema. Una delle particolarità uniche di questo giallo è che il lettore dalla prima pagina si domanda se Federico, il protagonista, non sia in realtà lo stesso Vanzina ed il vissuto narrato con le sue sensazioni, speranze, riflessioni e rimpianti non siano in verità quelle dello stesso Autore-Uomo. I punti di contatto sono innumerevoli: entrambi sono sceneggiatori, scrittori e giornalisti per Il Messaggero, entrambi hanno creato la categoria delle finte bionde. La risposta sembra essere sì almeno parzialmente e con riferimento alla vita reale e, credetemi, la narrativa, a volte anche malinconica e struggente, porta al lettore tanti insegnamenti e riflessioni che vanno al di là della sempre comunque avvincente trama gialla del romanzo. Altra chicca del volume: il protagonista (e già solo per questo vale la pena di leggerlo) ricorda o comunque incontra strada facendo innumerevoli Giganti del nostro Cinema e della nostra Cultura: da Sordi a Beha a de Laurentiis e molti altri; su tutti svetta la commovente descrizione della dipartita del grande Dino Risi (e qui, come altrove, il protagonista è davvero Enrico Vanzina e non più Federico). Un libro da leggere ed assaporare (al di là dell'intrigo giallo in sé) anche -come sopra accennato- per conoscere veramente la città di Roma così come è oggi rispetto ad un tempo, illustrata da un vero ed autentico romano quale è Enrico Vanzina.

  • User Icon

    Armando A.S. Chianese

    09/02/2018 03:27:16

    Siamo davanti a un romanzo che nasce come una narrazione di indagine, con un disilluso sceneggiatore coinvolto suo malgrado in un delitto, per poi sfociare in ben altro. La sera che scende sulla Roma di questo particolare romanzo - intriso di nostalgia per un'epoca d'oro che forse non tornerà mai più- è tutto ciò che può precedere la lunga notte della Città Eterna e del suo leso ma persistente splendore. Il passato e il presente, nel coinvolgente testo di Vanzina, sembrano congiurare apertamente contro la sola e stessa idea di un possibile futuro. L'ossessione per l'onore e per l'antica nobiltà. La dispersione dei valori. La vitale promiscuità con cui l'alto e il basso si attraggono morbosamente. Ogni cosa allontana il lettore dall'alba. Ma un finale eclatante, del tutto inatteso, sovvertirà i destini e farà saltare il banco. La sera è ancora tersa. Ma tutto è perduto... fuorché l'onore.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione