Il sergente nella neve

Mario Rigoni Stern

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2001
Pagine: 139 p.
  • EAN: 9788806160319
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,29

€ 14,46

Risparmi € 2,17 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giorgio g

    29/06/2016 10:16:20

    Mio nipote aveva preparato per l'esame di terza media una tesina sulla ritirata di Russia, ma nessuno dei professori gli consigliò di leggere "Il sergente nella neve"! E' un libro che invece dovrebbe essere obbligatorio fare leggere ai ragazzi delle scuole. I patimenti sofferti dai nostri soldati che la follia del fascismo mandò a morire nelle steppe della Russia devono essere ricordati dalle giovani generazioni che, fortunatamente, non hanno dovuto soffrire tali orrori. In uno stile semplice e quasi piatto, l'Autore ce li ha fatti rivivere, insieme al sentimento di solidarietà che il popolo russo nutriva per i nostri soldati.

  • User Icon

    enzo55

    12/11/2008 22:30:24

    non ci sono parole ,bisogna leggere i suoi scritti e scoprire le propie emozioni , e come sentire un brano di musica da emozioni differenti ,da non perdere assolutamente , il meglio ,e adesso che sei arrivato a baita ,sergente maggiore buon riposo e quando mi mancherai mi basterà alzare gli occhi ,guardare le nostre montagne e leggere qualche riga per essere con te, i tuoi consigli li troverò fra i tui libri ,pestero neve con i miei scarponi pensando a quanto ci hai dato ,grazie sergente quando arriverò a baita anchio spero che tu sia lì ad aspettermi .........................

  • User Icon

    tommaso

    05/01/2008 11:49:56

    libro bellissimo! Affascinante storia vera del Vestone e degli alpini, della sofferenza della ritirata e della lotta allla sopravvivenza Il libro trasmette gli orrori della guerra in forma semi-passiva. Rigoni, il "sergentemagiù" del plotone mitraglieri riesce a catturare l'attenzione del lettore con poche parole Avanti il Vestone!

  • User Icon

    Piergiuseppe Zanella

    03/12/2006 20:54:19

    Tutto ciò che noi abbiamo lo bobbiamo a ciò che è stato fatto, forse anche sbagliando,ma dagli errori ci stiamo trasformando in ciò che saremo,carcando di non dimenticare

  • User Icon

    Valentina Barbero

    08/02/2006 17:05:24

    Questo diario autobiografico è bellissimo, perchè fa capire come due uomini, nemici di guerra, possano essere simili, in quanto tutti e due provano le stesse sofferenze e possono essere chiamati uomini entrambi. Il racconto così ben narrato, fa tornare in mente le vicende di un tempo, le generazioni passate e le esperienze che hanno vissuto. Valentina Barbero-classe 3°media sez.B-Istituto Maria Immacolata di Pinerolo (TO)

  • User Icon

    Adriano

    30/08/2005 10:13:42

    Bellissimo. Nonostante sia molto coinvolgente e drammatico, trasmette il senso di terrore che la guerra porta con se. Sopratutto durante la ritirata quando fa sempre più freddo e le armi sembrano pesare sempre di più, facendo cresce la voglia di arrendersi agli eventi, e diventare la "condanna" per tornare a casa. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Fabrizio

    18/11/2003 09:18:35

    Un grande libro, senza alcun implicazione politica riesce a farti capire gli orrori della guerra. Dovrebbe essere un libro di testo a scuola, per far capire come ci si puo' ridurre in guerra e che anche nelle situazioni peggiori l'importante e' non perdere l'umanita'

  • User Icon

    moreno

    24/05/2003 21:37:01

    Sentivo pochi giorni fà, alla radio, che un'inchiesta fatta nell'opulenta provincia di Bolzano ha evidenziato che molti cittadidi vivono sotto la "soglia" di povertà. Una ragazza, in un altro servizio, ha poi dichiarato che è ora di dare un calcio al passato, di farsi da parte, perchè le cose stanno cambiando e bisogna avere gambe buone per stare al passo coi tempi. La soglia di povertà? Cosa significa? Semplicemente che alcuni cittadini non si possono permettere i lussi e gli eccessi ai quali ci ha abituato la società moderna. Vuol dire che alcuni devono rinuciare a qualche cena al ristorante oppure essere costretti a scegliere "solo" la settimana al mare rinunciando a quella bianca. Poveri in provinacia di Bolzano? Forse qualcuno (molti) dovrebbero leggere libri come questo, di storie vere, e meditare sulle verità in essi riportate. Questo aiuterebbe a capire realmente che cosa significa fame, freddo e povertà e ci si potrebbe anche rendere conto che tutta la moderna società è povera, povera dentro. Un tipo di povertà che Rigoni Stern non ha mai conosciuto. Forse aiuterebbe anche a capire che i "vecchi" non sono da ignorare ed emarginare perchè in difficoltà a tenere testa a questa frenetica corsa che è la vita moderna in continuo cambiamento, ma piuttosto da ascoltare e fare della loro esperienza un nostro bagaglio culturale.

  • User Icon

    Piero Suriano

    19/11/2002 20:29:28

    Dopo aver letto questo libro non è più possibile lamentarsi dei problemi inerenti il proprio misero orticello personale. Solo gli sbruffoni pensano di essere al centro del mondo con le loro false angosce dettate dallo sfrenato consumismo della decadente società moderna. Un libro da consigliare a tutti e, soprattutto, da adottare nelle scuole per aprire gli occhi sui falsi dogmi della storiografia ufficiale.

  • User Icon

    Anonimo

    20/04/2002 16:39:14

    E' bellissimo. Questo libro mi ha fatto capire , che tutti gli uomini , anche di due fronti diversi, sono uguali.

  • User Icon

    Agnese Palma

    26/02/2002 14:12:27

    Un racconto semplice, che potrebbe essere adatto anche ai ragazzi, per ricordare una pagina dolorosa della nostra storia. L’ho letto molti anni fa ed allora è stato come un tuffo nell’infanzia, nei racconti di mio padre, reduce di Russia. Si vive il freddo inimmaginabile, la fame, la tortura di non poter dormire per la paura dei congelamenti. E’ l’enormità di una sofferenza che fa dimenticare anche la paura di morire.

  • User Icon

    ELI

    28/01/2002 15:54:39

    Bellissimo. Dopo aver letto questo libro mi sono vergognata delle volte in cui mi sono alzata la mattina lamentandomi della vita attuale.

  • User Icon

    Matteo da Verona

    28/12/2001 16:14:59

    Vale lo stesso commento di "La storia di Giacomo"...piango e ripiango in continuazione: grazie sig. Stern.

  • User Icon

    Michele De Chiara

    07/11/2001 22:43:53

    magnifico capolavoro di Rigoni Stern Mario, sottufficiale della Tridentina, reduce della campagna di Russia, 1941/43, racconto che esalta le sofferenze, gli stenti, l'immane fatica sopportata da tantissimi giovani mandati in un assurda guerra, tantissimi giovani, di cui molti non tornarono mai piu'...!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione