Categorie

Il sergente nella neve-Ritorno sul Don

Mario Rigoni Stern

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 328 p.
  • EAN: 9788806177324
Usato su Libraccio.it - € 5,94

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gino

    07/05/2013 14.15.41

    '' il sergente'' e' uno dei libri che piu mi e' rimasto dentro,letteralmente da pelle d'oca.Questa infatti la sensazione solo a rivedere per caso la copertina su questo sito alcuni anni dopo averlo letto l'ultima volta. Assolutamente imperdibile.

  • User Icon

    Giovanni Miano

    14/10/2011 13.35.20

    IL SERGENTE NELLA NEVE: Importante testimonianza della ritirata russa, della seconda guerra mondiale. Il sergente Rigoni narra il viaggio di ritorno nelle infinite steppe russe, costellato di morte, freddo, fame ed espedienti per rimandare la morte. La grandezza dell'opera risiede nella combinazione che ha trovato nell'autore, un discreto scrittore e soprattutto uno dei pochissimi sopravvissuti. Il sergente-scrittore ricorda e descrive con affetto, i suoi compagni di viaggio. Ci arriva la memoria di personaggi variegati, strappati per far la guerra, alle proprie vite in Italia. La ritirata, assume man mano i connotati di uno sterminio, e lascia in Mario segni indelebili nel fisico e nell'anima. Il sergente concluderà il viaggio chiudendosi in se stesso, mosso dall'inerzia più che dalla forza che lo aveva distinto in precedenza. RITORNO SUL DON: Commovente raccolta di racconti che abbraccia il periodo dalla partenza per la Russia, fino a concludersi con il "Ritorno sul Don" dell'autore. I racconti servono da approfondimento al "Sergente nella neve", riportando tra l'altro la detenzione in lager dell'autore, dopo il suo il suo passaggio da soldato a partigiano. Il pensiero politico, già paventato nel "sergente", viene qui completamente alla luce, ponendosi in contrapposizione alla politica di Hitler, rappresentata sul campo dai militari tedeschi, sempre spietati e privi di umanità. Tra i racconti più toccanti: "Bepi, un richiamato del '13" e "Un ragazzo delle nostre contrade". L'ultimo racconto "Ritorno sul Don", è la cronaca del viaggio effettuato da Rigoni, 30 anni dopo in Russia, rivisitando i luoghi e ripercorrendo gli itinerari, "teatro" della ritirata.

  • User Icon

    Gianmarco

    28/08/2009 11.35.15

    La grande capacità descrittiva di Rigoni Stern ci permette di rivivere paure, emozioni, dolori, odori e rumori della tragica spedizione in Russia dei militari italiani durante la seconda guerra mondiale. Una triste pagina della storia italiana raccontata da un grande scrittore che ha vissuto di persona gli orrori della guerra. Da leggere per capire meglio le sofferenze di una generazione segnata da un assurdo conflitto bellico.

  • User Icon

    Simone

    11/06/2009 12.59.29

    Un libro toccante e appassionante su una incredibile pagina di storia.

  • User Icon

    Luca

    26/01/2009 10.26.56

    Il libro è sensazionale, è una racconto che ti tiene incollato al libro. E' scritto davvero bene e presto comprerò altri libri di Rigoni Stern perchè il suo modo di scrivere è bellissimo. Grande Mario sei morto da un'anno e si sente la tua mancanza...

  • User Icon

    valter guglielmetti

    08/01/2009 09.01.58

    Per definizione un libro unico, perché le storie vere lo sono per forza, a maggiore ragione nel caso in cui, come questo, si raccontano le vite e le vicende di povera gente, di gente normale costretta a partecipare alla più assurda delle avventure umane, la guerra. Sofferenza e fatica, fame e freddo, solidarietà, amicizia ed umanità, eccoli gli ingredienti del Sergente. Storia semplice eppure tremenda, di orrori e degli occhi che li hanno visti, di “madri che non devono sapere”. Poi tutto questo finisce, ma si deve tornare laggiù, sfruttando i soldi della liquidazione, per ricordare gli amici morti e per cercare di capire cosa è stato e a cosa è servito, dato che al momento di quei fatti non ce n’era il tempo, si doveva pensare a cercare di vivere. E come sempre accade, i momenti della rivisitazione sui luoghi delle esperienze terribili sono difficili da descrivere, non ci si può che abbandonare alla corrente del tempo, certi che non si potranno dimenticare.

  • User Icon

    Roger

    08/12/2008 14.55.12

    Un libro da meditare in silenzio

  • User Icon

    enrico

    01/09/2008 22.42.45

    Un libro che ha suoni, odori, sapori, colori... sembra di essere lì, a combattere, camminare, soffrire affianco degli alpini. La narrazione è asciutta, quasi un racconto orale. Un libro da inserire nei programmi scolastici di educazione civica. Per insegnare e non dimenticare.

  • User Icon

    Alessandro

    27/02/2008 13.25.00

    Che bello questo libro. Si legge con piacere ed è di un lirico e di un commovente ineguagliabili, senza mai cadere -cosa non da poco- nel sentimentalismo più banale. Ancora più toccante per chi come me si ritrova negli inserti in dialetto bresciano.

  • User Icon

    senna977

    07/02/2008 09.35.10

    Un libro per stamparsi ben in mente che la guerra non è mai una soluzione accettabile. Anche io l'ho comprato dopo lo spettacolo di Paolini, se vi capita guardatelo

  • User Icon

    Fedo

    26/11/2007 17.35.37

    l'ho letto dopo aver visto lo spettacolo di Paolini in tv e il giorno dopo sono andato subito a comprarlo. ciò ke più mi ha colpito durante la lettura è stato il fatto di dover ricordare a me stesso continuamente ke tutto quanto in quelle pagine descritto è successo per davvero, oltretutto a ragazzi ke a quel tempo avevano circa la mia età...e io comodo comodo seduto sulla mia poltrona al caldo e loro con "la pesante" e le bombe a mano in tasca in ritirata dalla russia kiusi nella sacca con tanti ma tanti gradi sotto lo zero... un libro da leggere, fa davvero riflettere su molte cose e inoltre mi ha invoglia a leggere altri romanzi di Rigoni.

  • User Icon

    marotta angelo

    08/09/2007 16.13.37

    libro interessante, ma molto commovente per un ex soldato che vede disperatamente morirre davanti ai suoi ochhi cari amici e soprattutto è costretto a vivere tra guerra e armi caricate sulle proprie spalle ...... vi consigliodi provare e di assaporare quella che era la realtà di chi ha vissuto vivamente la guerra con le proprie mani. leggetelo

  • User Icon

    Antonio Prestia

    03/07/2007 18.22.54

    Ho acquistato il libro dopo aver visto l'intervista che Rigoni Stern ha rilasciato a Fabio Fazio per la trasmissione Che tempo che fa. Mi è piaciuto molto il carattere dello scrittore, la sua storia personale mi ha affascinato così come il carattere, apparentemente tranquillo, mi ha conquistato. Purtroppo, però, il libro l'ho trovato assai noioso, a tratti le frasi ed i concetti sono volutamente ridondanti. Forse per apprezzare "Il sergente nella neve" bisogna aver letto altre opere dello stesso scrittore ma io, dopo aver letto questo, difficilmente leggerò altro di Rigoni Stern che, ribadisco, è una bellissima persona.

  • User Icon

    Mattia

    20/02/2007 22.20.35

    un libro che evoca immagini ed emozioni. Onore e ricordo ai Caduti senza croce in terra di Russia

  • User Icon

    Sara

    09/01/2007 10.18.34

    Libro letto nel periodo natalizio, decisamente poco in sintonia con il momento... ma forse è stato un bene, e mi ha fatto riflettere su quanto effimeri siano certi nostri "bisogni"... Il libro è decisamente crudo, non tanto per gli episodi che vengono narrati quanto per le sensazioni che vengono evocate.. sembra quasi di sentire sulla propria pelle il freddo che avvolgeva quei poveretti... La costellazione di piccoli episodi, di storie, di vite di persone normalissime, diventano moniti che noi tutti ogni tanto dovremmo ricordare.

  • User Icon

    alice

    05/03/2006 13.32.25

    a me questo libro non è piaciuto, la narrazione è molto lenta cosi come la storia. Ne ho letti di molto meglio!

  • User Icon

    Francesca

    06/10/2005 18.16.35

    Secondo me questo libro è molto interessante. Io l' ho letto per studio e mi è piaciuto moltissimo!!!!! è stato bello scoprire qualcosa di più sulla guerra in Russia visto che mio nonno ha partecipato.... Francesca (bs)

  • User Icon

    Sergio Resta

    30/08/2005 12.08.11

    Eccellente rievocazione della campagna di Russia e della letale ritirata. L'uomo della montagna, dei suoi riti, dei sentimenti schietti, ci cala nel freddo e negli stenti della steppa. Il sergente maggiore Rigoni Stern ci testimonia l'umana avventura di un uomo semplice, ove semplicità va intesa come pacatezza e misura di fronte all'atrocità della guerra e al mistero della vita. Lo stesso Uomo ripercorrerà le steppe, memore dei luoghi di mattanza, nel ricordo dei compagni caduti. La fatica dell'ascesa, il ristoro dell'acqua sorgiva e del povero e autentico cibo della montagna, chi apprezza ciò amerà le scarne pagine del Sergente nella Neve.... e se alla fine ti si lucideranno gli occhi significherà che la Penna di Rigoni Stern avrà raggiunto anche il tuo cuore.

Vedi tutte le 18 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione