Illustratore: R. Dautremer
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 17 novembre 2016
Pagine: 202 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788807032189
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 24,65

€ 29,00

Risparmi € 4,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

25 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ula

    22/09/2018 10:06:42

    "Seta" è la storia di un uomo e di un paese che vive grazie alla seta sconvolto però dalla pebrina, una malattia che attacca i bachi da seta. Un gruppo di uomini decide di comprare di contrabbando delle uova di bachi da seta arrivando addirittura in Giappone. Hervé Joncour conoscerà il Giappone e i suoi misteri, vedrà anche la guerra. Una storia che tocca da vicino anche il tema del ritorno a casa e della famiglia e un personaggio che sembrava poco più di un'ombra diventerà importante alla fine. Consigliato!

  • User Icon

    Sergio

    24/11/2016 11:28:02

    Acquistato su vostro suggerimento (non sapevo fosse uscita un'edizione illustrata di quest'opera finché non l'ho vista nelle vostre segnalazioni). Decisamente un ottimo consiglio! I disegni sono strepitosi e il romanzo assume un ulteriore valore. Lo sceglierò anche per fare qualche regalo agli amici che amano l'arte.

Scrivi una recensione
Un brano tratto dall'intervista di Stefano Montefiori a Rébecca Dautremer su La Lettura

Dautremer come ha lavorato con Baricco?
«L'ho incontrato una sola volta, prima di cominciare. Non ho l'abitudine di preoccuparmi troppo degli autori, lo riconosco. Gli ho detto che avrei proceduto per conto mio e che gli avrei mostrato il risultato. Il contatto con l'autore mi complica la vita. Credo che lo abbia capito perfettamente e che gli andasse benissimo così.»

Come ha cominciato l'opera?
«Ho il libro di Baricco tra le mani, tutto in bianco e nero, questa cosa grigia, e da lì si parte. Lo leggo un paio di volte, poi con il testo davanti mi fermo molto rapidamente, "ah potrei fare questo, o quest'altro", faccio una specie di menabò per avere subito un'idea dell'ampiezza del lavoro, e distribuisco le immagini nel testo per vedere se funziona. Poi cerco di notare se c'è un ritmo interessante.»