I sette peccati capitali dell'economia italiana. Copia autografata

Carlo Cottarelli

Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 08/02/2018
Pagine: 174 p., Brossura
  • EAN: 0001121467772
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    n.d.

    10/04/2018 23:13:51

    Fondamentale per conoscere i 7 dei più evidenti tra i nostri vizi,che hanno impedito e impediranno lo sviluppo dell'Italia,degno di essere considerato europeo.

  • User Icon

    tosegio

    30/03/2018 13:42:47

    Interessante sulle tematiche trattate, ma poco invitante all'approfomdimento

Scrivi una recensione

Carlo Cottarelli, l’economista italiano che ha guidato per alcuni anni il Fondo Monetario Internazionale, noto per aver ricoperto l’incarico di Commissario straordinario per la revisione della spesa per il Governo italiano, torna alle stampe con un nuovo, agile saggio in cui analizza la situazione economica del nostro Paese.

Dal suo osservatorio privilegiato - oggi Carlo Cottarelli è direttore dell’Osservatorio dei conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano e Visiting Professor alla Bocconi - ci illustra le ragioni della crisi perdurante in Italia.

Naturalmente il metodo utilizzato per analizzare la situazione si basa su dati numerici incontrovertibili e testi normativi, ma l’intento di questo saggio è profondamente divulgativo, rivolto quindi anche ai non addetti ai lavori o comunque a tutti coloro che intendano farsi un’idea precisa della situazione dei conti italiani, al di là delle mistificazioni di parte.

Il punto di partenza da cui muove l’economista è la triste considerazione che l’Italia negli ultimi anni è cresciuta un po’, ma non al ritmo degli altri Paesi europei. Il PIL italiano, al netto dell’inflazione, dal 1999 al 2016 è cresciuto solo del 4,5%, mentre il reddito pro capite è sceso del 2%. La nostra economia ha accelerato un po’ nel 2017, come hanno fatto tutti gli altri Paesi dell’aerea Euro, beneficiando di una buona congiuntura. Ma, dice Cottarelli, è come se un ciclista si rallegrasse di andare più veloce senza accorgersi di aver iniziato a percorrere un tratto in discesa.

Perché l’Italia cresce così poco, e cosa potrebbe fare per crescere di più?

A ridurre le possibilità di crescita, a detta di Cottarelli, sono sette peccati capitali che insistono sul tessuto socio-economico italiano: l’evasione fiscale, la correzione, l’eccesso di burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario Nord Sud e infine un fattore relativamente recente, la difficoltà dell’economia italiana di convivere con l’euro.

A ciascuno di questi problemi il noto economista dedica un intero capitolo all’interno del quale, dopo l’analisi dei dati, delle cause e degli effetti, vengono proposte una serie di soluzioni, anche relative a casi concreti e good practice. Un esempio su tutti riguarda il problema demografico, che potrebbe essere risolto con un graduale aumento dell’immigrazione nel nostro Paese. Una misura che, accompagnata da una reale integrazione culturale, porterebbe senz’altro dei benefici economici. Questa e molte altre idee danno corpo ad un saggio autorevole eppure fruibile, da consultare sezione per sezione per approfondire tutti gli argomenti o per riflettere sugli scenari futuri.

Recensione di Annalisa Veraldi