Traduttore: R. Rambelli
Editore: TEA
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 maggio 2017
Pagine: 480 p., Brossura
  • EAN: 9788850246106
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 
L'imbrunire avanzava dal deserto e ombrava di violaceo le dune. Attutiva tutti i suoni come un fitto manto di velluto, e la sera era tranquilla e silenziosa. Dal punto in cui si trovavano, sulla cresta della duna, potevano scorgere l'oasi e il complesso di piccoli villaggi che la circondavano. Le costruzioni erano bianche, con tetti piatti, e le palme da dattero svettavano sugli edifici, a eccezione della moschea islamica e della chiesa copta. I due bastioni della fede si fronteggiavano sulle sponde opposte del lago. L'acqua si andava oscurando. Uno stormo di anatre scese obliquamente e, tra spruzzi bianchi, si posò accanto ai canneti. L'uomo e la donna erano una coppia non molto ben assortita. Lui era alto, un po' curvo, e i capelli argentei riflettevano gli ultimi raggi del sole. Lei era giovane, poco più che trentenne, snella e flessuose, con i capelli folti e ricci trattenuti sulla nuca da una striscia di pelle. «È ora di scendere. Alia ci starà aspettando.» L'uomo sorrise affettuosamente alla seconda moglie. Quando la prima era morta, aveva avuto la sensazione che con lei se ne fosse andata la luce del sole. No aveva previsto quell'ultimo periodo di felicità nella sua vita. Adesso aveva lei e il suo lavoro: era un uomo felice e appagato. All'improvviso la donna si scostò e tolse la striscia di pelle che le tratteneva i capelli folti e scuri, li scosse e rise. Era un suono sgradevole. Poi si lanciò correndo giù per il pendio, con le gonne lunghe che ondeggiavano intorno alle gambe brune e tornite. Riuscì a mantenere l'equilibrio solo per metà della discesa ripida, poi la forza di gravità la fece ruzzolare.