Lo sguardo del flâneur

Ulf P. Hallberg

Traduttore: M. Ciaravolo
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2002
Pagine: 320 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788870911015
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 9,72

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    16/02/2015 20:02:40

    In altri anni avrei custodito solo per me questo meraviglioso libro, non ne avrei fatto parola, sarebbe rimasto un breviario unicamente mio a cui tornare e riferirmi nella preziosità dei miei istanti più intimi, a offrirmi respiro e libertà, poesia, intelligenza. Un romanzo saggio bellissimo su un'Europa stupenda (allargata a inevitabili sponde newyorchesi), inquieta, un nugolo di incontri altissimi ma declinati dentro una pioggia di istantanee pregne di quella stoffa ironica, raffinata e insieme dolorosa che sale nella lettura come un corteo di risposte eternamente irrisolte. Perché è vero che la letteratura ha sempre delle chiavi contro le stoltezze e il frastuono di una vita spesso inguardabile e gretta, ma è anche vero che sono chiavi senza denti, aprono arrugginiti cancelli oltre i quali una montagna di erbacce e di sospiri si danno la mano, dicono una vita da sempre perdente e ferita dal sonno di un potere cieco, dalle follie di regimi scadenti, da una nebbia di idiozie perenni fitta e densa oltre ogni resistere e ogni svanire. E' per questo che resta intatta alla fine solo la figura del flaneur, il passante che strappa l'occasione e la coltiva, la rende memoria e la dona, sfogliando come fugaci petali ricchissimi le mirabili rose di un momento.

  • User Icon

    Yodosky

    08/02/2009 20:31:54

    Concordo con il commento precedente. Ottimo. Una ninna-nanna lettararia. Anche se, appunto, per cultori.

  • User Icon

    gianluca

    22/05/2002 13:39:57

    Un libro diverso, a volte ostico, ma sicuramente intelligente ed avvolgente. Il flaneur è il passeggiatore di professione, creato da Baudelaire ed esaltato da Benjamin. Il filo conduttore è la caduta del muro di Berlino, che ha inevitabilmente cambiato la storia e la vita degli europei. Come sono cambiati gli scrittori? Quali aspettative hanno oggi i loro lettori? Domande, domande, ma anche tante risposte, arricchite da aforismi inseriti con precisione ed efficacia lungo il percorso del flaneur e da fotografie (rigorosamente in bianco e nero) che sono i migliori spaccati della nuova "decadenza" europea. Per cultori

Scrivi una recensione