Si spengono le luci

Jay McInerney

Traduttore: S. Bertola
Editore: Bompiani
Edizione: 4
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 febbraio 2000
Pagine: 396 p., Brossura
  • EAN: 9788845243691
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stellina C

    13/04/2018 12:43:14

    Mamma mia che profondità, che colori, quanta verità e che stile....!!!! Impressionante.

  • User Icon

    Vito

    02/04/2018 12:24:25

    molto bello, seguito di uno dei grandi romanzi americani del nostro tempo, Inerney qui dimostra ancora una volta di essere unico, appartenente a una specie in estinzione.

  • User Icon

    nicola

    19/02/2018 13:34:43

    Come il romanzo "le mille luci di New York", in "Si spengono le luci" Jay McInerney ci mostra la New York degli anni 80. In particolare ci fa vedere la società newyorkese di quella decade. Una società cinica, opportunista e arrivista. Quella di McInerney è la New York delle mille tentazioni, della ricerca del successo facile, della droga, dell'alcol, della vita su di giri, delle cene animate, dei party di lavoro, delle feste esclusive. In altre parole è la New York dello "yuppismo", cioè di quei giovani, la cui età è compresa tra i 25 e i 35 anni, che una volta usciti dalle università di Yale, Harvard e Princeton volevano diventare ricchi nel modo più veloce possibile facendo carriera nel mondo dell'alta finanza (o nel caso del protagonista del libro nel mondo dell'editoria) Chi vive a New York è spinto a vivere una vita fatta di eccessi, dove i rapporti umani spesso sono dettati dal solo interesse. Neanche il vero amore sembra esistere, la monogamia sembra impossibile da concepire per un newyorkese anni 80, moglie e marito si tradiscono a vicenda. Al centro di questo romanzo c'è proprio una coppia: Russel Calloway, un brillante editor, e Corrine, una giovane donna affascinante che lavora a Wall Street. Il loro matrimonio è perfetto. Si amano, non si tradiscono. La loro unione è così perfetta che i loro amici non riescono a crederci. Ma New York è una città dalle mille tentazioni. Riusciranno a resistere in modo tale da non rovinare il loro matrimonio? Se volete saperlo leggete il libro.

  • User Icon

    Cri

    03/04/2007 17:36:29

    tanto ho amato e pianto per Good life (un libro che ti travolge)tanto ho trovato insipido questo.Dopo good life non volevo abbandonare Corrine e cosi decisi di leggere Si spengono le luci....grosso errore...

  • User Icon

    MARCO DA VR

    11/10/2006 13:01:41

    SOLITO STILE NARRATIVO COINVOLGENTE. IL CAPOLAVORO QUI E' IL PERSONAGGIO DI JEFF. NON VEDO L'ORA DI LEGGERE IL SEQUEL GOOD LIFE.

  • User Icon

    Alberto Marazzini

    21/02/2003 13:06:22

    Conquista ed affascina la vicenda che McInerney mette in scena: mostra forza, brio, acume, retrogusto amarissimo. Cronaca ora tracciante, ora disillusa di una convivenza resa impossibile dal turbine degli eventi, dagli abissi aperti da una maturità mai completa e sempre in divenire. Esistenze diverse, incompatibili, si attraggono e si sfiorano, si legano per poi lasciarsi, in una danza infinita che, troppo spesso, conduce al vuoto.

  • User Icon

    hank

    16/06/2001 00:21:13

    Un vero e proprio capolavoro. Il grande allievo di Raymond Carver ha superato se stesso...... Un rapporto tra due persone "normali" dà lo spunto ad un impietosa e fedele cronaca di un periodo storico, di un "modus vivendi", di una metropoli che non dorme mai, di una generazione molto "lost"......

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione