Si spengono le stelle

Matteo Raimondi

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 17 aprile 2018
Pagine: 459 p., Rilegato
  • EAN: 9788804687375

24° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Gialli storici

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,53
Descrizione

"La paura fa germogliare i semi del sospetto; il sospetto apre la strada alla rabbia e la rabbia, lo sanno tutti da qualunque era e generazione, è il primo stadio della follia."

1691. York è un'inquieta città di frontiera da poco annessa alla colonia della Massachusetts Bay, dove la legge è esercitata secondo una rigida morale puritana. Primogenita di Mary e Robert Walcott, capo della corporazione commerciale, Susannah è tormentata da un selvaggio bisogno d'indipendenza che la rende insofferente alle autorità e la porta a rifugiarsi negli antichi insegnamenti della sua vecchia nutrice indiana, Nagi, dalla quale ha imparato a scorgere in ogni cosa la profonda armonia del cosmo. Ma proprio il forte legame con la cultura dei nativi costa a Suze l'avversione dei suoi coetanei, che la accusano di essere strana, pericolosa, e per questo la schivano. Tutti tranne uno, il fragile e misterioso Angus Stone, che appare determinato a sfidare qualunque pregiudizio pur di averla. Le cose cambiano quando Robert viene inviato a Boston per presiedere il Congresso coloniale: mentre a York le stelle della ragione cominciano a spegnersi, Rob realizza di trovarsi nel mezzo di una spietata cospirazione tesa a inasprire odio e paura verso i "selvaggi". Il conflitto tra coloni e nativi assume così il valore di uno scontro fra bene e male che coinvolgerà proprio Susannah, ignara custode di un grande segreto. "Si spengono le stelle" è un thriller sulla Nuova Inghilterra di fine Seicento, che indaga uno dei periodi più cupi della storia americana a colpi di incursioni nei temi classici della letteratura fantastica.

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea

    19/10/2018 22:24:39

    Davvero un ottimo romanzo! La storia rabbrividisce e tiene incollati. Forse un po' troppi riferimenti a Stephen King, il quale ha decisamente ispirato l'autore (ad esempio i nomi Susannah e Randall ). Vedendo tutto ciò come un omaggio, però, non si può che applaudire questo giovane nuovo autore.

  • User Icon

    Dovier Giuseppina

    22/09/2018 06:35:12

    Un libro storico, scritto molto bene Gli argomenti trattati sono molto interssanti,e descritti molto bene, mi è piaciuto tantissimo

  • User Icon

    Libri Senza Gloria blog pop nerd

    25/07/2018 19:57:24

    La maniera in cui Matteo Raimondi intercala alle impressioni o ai ricordi dei personaggi alcune parentesi pindariche, virgolettati ironici o lo spezzare graficamente i capoversi, l’originale apostrofare (lo-sguardo-che-uccide) e le esasperanti voci nella testa (l’altra-Suzie), ci ricordano molto da vicino quello stile di scrittura alla Stephen King. Forse non è dunque un caso che la storia sia ambientata a York, nel Maine, che oramai anche i profani sanno essere la patria del Re del Terrore. Non è assolutamente un caso il brutale scherzo che coetanei invidiosi fanno alla povera diciassettenne Susannah, la protagonista del romanzo. Infatti le gettano addosso un catino di escrementi, proprio come i teenager di Chamberlain avevano lanciato un secchio di sangue addosso a Carrie nell’omonimo romanzo di King (in entrambi i casi durante una festa). Non è un caso nemmeno la maniera in cui Susannah apostrofi il suo tocco, ovvero il suo shining. In Spengono le stelle, il Maine è stato ammesso alla Colonia del Massachussets Bay nonostante le incursioni separatiste di alcuni abitanti di York che vorrebbero invece allontanarsi dalla Corona. Per questo la scena si sposta in quella Boston che l’Università di Harvard sta per trasformare nella città snob con un’inflessione linguistica intollerabile per il Calvin Candie (Leonardo Di Caprio) di Django Unchained. E invece, nonostante il papà di Susannah, quel Robert Walcott, onesto contadino e padre di famiglia timorato di Dio, responsabile della Corporazione commerciale e consigliere di York, sia ora diventato ministro del Congresso del Governatore Phips, tutte le colonie inglesi hanno stresso alleanza con le sei nazioni Irochesi per ingaggiare la guerra con la Nuova Francia a sua volta spalleggiata dai selvaggi Abenaki...

Scrivi una recensione