Siénzhio e orazhiòn (silenzio e preghiera). Nel dialetto veneto-trevigiano dell'opitergino-mottense

Fabio Franzin

Curatore: F. Grisoni
Collana: 105per180
Anno edizione: 2010
Pagine: 40 p., Brossura
  • EAN: 9788890311444
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Per l'anelito che la percorre, Siénzhio e orazhiòn può essere letta come una piccola collezione di salmi contemporanei in cui si esprime una grande fame d'amore e di un rapporto personale e unico con un "tu" vivente, scritto con la minuscola, data la confidenza: "Fàme savér se te son caro/se te me tièn de cont" ("Fammi sapere se ti sono caro/se ti sono importante"). Da questo mistero d'amore sorge la preghiera del poeta, uomo dalle calde passioni, che come prova d'amore chiede la parola di cui ha una fame inestinguibile. La fame, una necessità fondamentale della vita, è simbolo del desiderio di Dio, così la fame che "cresse drento" al cuore inquieto dell'orante non è tanto di pane e parole quotidiane, quelle già le possiede, ma "no' basta". Ha bisogno di un companatico che sia di origine divina (dalla Prefazione di Franca Grisoni).

€ 5,10

€ 6,00

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 4/5 settimane

Quantità: