Il signor Diavolo (Blu-ray)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Pupi Avati
Paese: Italia
Anno: 2019
Supporto: Blu-ray

100° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Horror

Salvato in 9 liste dei desideri

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 12,70 €)

Nell'Autunno 1952, Furio Momentè, ispettore del Ministero di Grazia e Giustizia, viene inviato a Venezia per evitare la deposizione di un prete e di una suora nel caso di un omicidio. Le sue indagini rivelano torbide, oscure, trame.\r\n
3,67
di 5
Totale 3
5
0
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    chris

    12/05/2020 08:48:19

    Pupi Avati mostra la sua grande versatilità con questo film tratto da un libro scritto da lui stesso, un horror che non è convenzionale, sinceramente non pensavo ma mi ha colpito molto per l'originalità e perchè intrattiene, coinvolge. Non il solito filmetto horror, ma un film d'autore originale e ben riuscito. L'edizione blu-ray è quella che mi piace di più.

  • User Icon

    Stefano Magni

    11/05/2020 18:49:54

    Ottimo ritorno al cinema gotico da parte del maestro Pupi Avati. Una storia avvincente dai risvolti inquietanti incentrata sull'indagine di un omicidio di un ragazzo da parte di un coetaneo, che lo crede impossessato dal diavolo. Nell'Italia post bellica, tra superstizioni ed il peso politico che muove le vite delle persone "semplici", governate dai piani alti del potere, ed indottrinate dal basso dalla Chiesa, onnipresente nella quotidianità, si sviluppa la forza del diavolo, in grado di soggiogare tutte le sfere della società. Un film che tiene incollati alla visione fino all'ultimo fotogramma, in un'edizione in Blu Ray da non perdere. Per tutti gli appassionati del genere "gotico padano" ma non solo.

  • User Icon

    Carlo

    11/05/2020 15:07:26

    Avati torna all'horror ma senza troppo mordente. Interessante il tratteggio di un'epoca di superstizione dove vigono i dettami di una Chiesa matrigna, ma gli spaventi sono appena accennati e i personaggi, a partire dal protagonista, sono rigidi e cristallizzati, impedendo l'empatia. Fotografia artificiale. Blu-ray dignitoso con un piacevole dietro le quinte.

  • Produzione: 01 Distribution, 2020
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 91 min
  • Lingua audio: Italiano (DTS HD 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • AreaB
  • Pupi Avati Cover

    Inizia la sua carriera artistica nel jazz come clarinettista, fa parte infatti della Reno Jazz Gang con cui incide anche qualche disco, gruppo che abbandona dopo l'ingresso nella band di Lucio Dalla con cui rimane grandissimo amico e che collaborerà a vari film di Avati. Lavora poi per quattro anni alla Findus surgelati, anni che considera i peggiori della sua vita.Intraprende poi la via del cinema e riesce a collaborare alla sceneggiatura di Salò e le 120 giornate di Sodoma di Pasolini. Come regista gira alcuni horror tra cui nel 1976 La casa delle finestre che ridono. L'anno successivo esce Bordella, una commedia che ha tra gli interpreti un giovanissimo Christian De Sica. Da ricordare anche la regia televisiva di uno speciale dedicato ai Pooh.Inizia poi a girare una serie... Approfondisci
  • Lino Capolicchio Cover

    Attore e regista italiano. Esordisce nel 1968 in Escalation di R. Faenza, ma il primo ruolo di grande spessore è quello di Giorgio in Il giardino dei Finzi Contini (1971) di V. De Sica. Molto attivo negli anni '70, costruisce una maschera attoriale in cui si mescolano la timidezza e il disagio interiore. Recita spesso con P. Avati (da La casa dalle finestre che ridono, 1976, fino a Fratelli e sorelle, 1991) diradando progressivamente le apparizioni. Nel 1995 dirige il suo primo film, Pugili, seguito nel 2002 dal Diario di Matilde Manzoni. Approfondisci
  • Cesare Cremonini Cover

    Ancora al liceo fonda i Lùnapop e nel 1999, l’anno dell’esame di maturità, raggiunge il successo con il singolo 50 Special e l’album ...Squérez? Nel 2002 intraprende la carriera da solista, pubblicando da allora quattro album: Bagus (2002), Maggese (2005), 1+8+24 (2006) e Il primo bacio sulla luna (2008). Approfondisci
Note legali